Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

“USA and Western Powers are not blaming the terrorist,

they are organizing them”

*

*

Russia has warned Kosovo against allowing militant training camps on its soil after receiving information that Kosovo has established contact with the Syrian opposition.

Press TV has interviewed Ralph Schoenman, author and political commentator from Berkeley who shares his insights about what is happening behind the scenes in Syria. What follows is an approximate transcript of the interview.

Press TV: This is not the first time Russia has spoken to the Western and Arab countries over providing support and training armed groups that are wreaking havoc in Syria. But this time it even singled out Kosovo as a training center. Why aren’t these calls being heeded?

Schoenman: Reuters reported on 10th May a specific declaration by Russia, condemning twin suicide bombings in Syria on Thursday and accusing foreign countries of encouraging and organizing this violence.

In fact they referred to Russia’s Deputy Foreign Minister Mikhail Bogdanov with the Syrian Ambassador to Moscow condemning decisively these terrorist acts, which have been taking place in Syria.

And the Foreign Minister Sergei Lavrov went further… He stated that foreign states have been organizing this activity over a space of time. They were referencing in particular to suicide car bombs that killed 55 people and wounded 372 in Damascus – the deadliest attacks in the capital since the uprising against President Bashar al-Assad had begun some 14 months ago.

But it should be made clear in the context here that what we’re witnessing is essentially the hijacking of the protest movement that had begun in Syria in March of 2011 and it has been converted into a vehicle for installing basically a client regime of the US and NATO in Damascus.

And that is the real context of the formation of what is called the Friends of Syria, which is modeled on the precise operation that was undertaken in Libya. The Syrian National Council, which is really a collection of Islamist politicians who have a history with the CIA; and a certain distant and sometimes close relationship to the Muslim Brotherhood; but their real tie is as assets to Western intelligence agencies.

So these so-called representatives of the Syrian people of the Free Syrian Army that are carrying out these armed attacks are doing so in the most intimate conjunctions with the intelligence services of the US and in particular the feudal dictatorial monarchies under Washington’s hegemony namely Saudi Arabia and Qatar, which together had set up a 100 million fund to place these FSA members directly on their payroll, stating that they are sending lethal as well as non-lethal aid.

Now, the consequence of this is a series of continuous terrorist bombings; the purpose of which is to destabilize the government and to create the conditions for conflict and chaos and the installation of basically an intelligence-operated government in Damascus, which is monitored and underscored and controlled as proxies by Saudi Arabia and Qatar and those Emirates that are instrumental in imperial policy in the region.

Press TV: On the back of this warning of armed gangs in Syria comes the UN Observer Mission, saying that things in Syria appear to be calm. Why is the Mission so blind to the atrocities?

Schoenman: You are asking a question that goes to the heart of the matter because they are not blind to the atrocities, they are organizing them.

Susan Rice, the US Ambassador to the UN, has dismissed all evidence and Syrian warnings about organized armed terrorists – and they are designated as terrorists – who are operating not only under Washington’s direct aid, but with Libyan forces and Libya arms and Saudi and Qatar funding and supplied arms on the ground.

Washington, said Susan rice, is not putting all its eggs in one basket – Well, these eggs are car bombs; these bombings in Damascus and series of attacks upon the population is designed to elicit some response from the Syrian regime.

And whether they do or not, there are still terrorist acts designed to destabilize the country. There are precisely intended to prevent any political resolution of the crisis let alone popular expression being given its due in Damascus.

The Washington Post has stated that US intelligence and military protection COBAR, which will allow these operations to continue unimpeded. And one interesting aspect of this hopefully will make clear that al-Qaeda elements in Afghanistan at the time of the destabilization of Afghanistan by the CIA have been brought in to play here.

SC/PKH

*

Syrians have a message to Saudi Arabia (Arabic)

*

ITALIANO

La Russia ha messo in guardia contro la creazione di campi d’addestramento sul territorio del Kosovo di milizie terroriste, dopo aver ricevuto informazioni che il Kosovo ha stabilito contatti con l’opposizione siriana (mercenari rinnegati nemici del popolo siriano, ndr).

Press TV ha intervistato Ralph Schoenman, autore e commentatore politico di Berkeley, che condivide le sue intuizioni su ciò che sta accadendo dietro le quinte in Siria. Quello che segue è una trascrizione approssimativa del colloquio.

Press TV: Questa non è la prima volta in cui la Russia ha parlato ai paesi occidentali e arabi circa il fornire (da parte loro, ndr) supporto e formazione ai gruppi armati che stanno devastando la Siria. Ma questa volta è stato individuato il Kosovo come un centro di formazione. Perché questi appelli non sono ascoltati?

Schoenman: la Reuters ha riferito, il 10 maggio 2012, di una dichiarazione specifica da parte della Russia, nella quale si condannano gli attentati suicidi gemelli in Siria di giovedi (a Damasco, ndr), accusando i paesi stranieri di promuovere e organizzare questa violenza.

In realtà è stato fatto riferimento alla condanna espressa dal vice Ministro degli Esteri Russo, Mikhail Bogdanov, con l’ambasciatore siriano a Mosca, nella quale si condannano risolutamente questi atti terroristici, che hanno avuto luogo in Siria.
Ed il ministro degli Esteri Russo, Sergei Lavrov, è andato oltre … Egli ha dichiarato che gli stati stranieri sono responsabili dell’organizzazione di questa attività terroristica in un ampio arco di tempo. È stato fatto riferimento in particolare alle auto-bomba suicide che hanno ucciso 55 persone e ne hanno ferite 372, a Damasco – ed ai mortali attentati nella capitale dopo la rivolta contro il presidente Bashar al-Assad, iniziata circa 14 mesi fa.

Ma dovrebbe essere chiaro nel contesto, che qui ciò a cui stiamo assistendo è essenzialmente il dirottamento del movimento di protesta, che era iniziata in Siria nel marzo del 2011,  e che è stato trasformato in un veicolo per l’installazione di un regime fondamentalista a Damasco, asservito agli Stati Uniti ed alla NATO.
E questo è il contesto reale della formazione di ciò che viene chiamato “Amici della Siria”, organismo che è modellato sull’esatto funzionamento di ciò che è stato intrapreso in Libia.

Il “Consiglio nazionale siriano”, che è in realtà un insieme di politici islamici i quali hanno una vecchia storia con la CIA, ha un certo rapporto, talvolta distante e talvolta vicino, con i Fratelli Musulmani, ma il loro legame reale è quello di attività collegate alle agenzie di intelligence occidentali.

Così, questi cosiddetti “rappresentanti del popolo siriano dell’Esercito libero siriano”, i quali stanno stanno portando avanti questi attacchi terroristici armati, lo fanno nella più intima  connessione con i servizi di intelligence degli Stati Uniti ed in particolare con quelli delle monarchie feudali dittatoriali del Golfo sotto l’egemonia di Washington, in particolare l’Arabia Saudita ed il Qatar, che insieme avevano istituito un fondo di 100 milioni di dollari per inserire questi membri del FSA (Fake Syrian Army) direttamente sul loro libro paga, affermando di stare inviando aiuti mortali e non mortali.

Ora, la conseguenza di questo è una serie di continui attentati terroristici, il cui scopo è quello di destabilizzare il governo, per creare le condizioni di conflitto e caos, per sostanzialmente instaurare un’intelligence di comando al governo di Damasco, monitorata,  supportata e controllata  per procura da Arabia Saudita, Qatar ed Emirati, che sono strumentali alla politica imperiale nella regione.

Press TV: Al seguito di queste allarmanti bande armate, in Siria arriva la missione di osservatori delle Nazioni Unite, dicendo che le cose in Siria sembrano essere calme. Perché la missione si pone in modo così cieco di fronte a tali atrocità?

Schoenman: Stai facendo una domanda che va al cuore della questione, perché non sono ciechi di fronte alle atrocità, le stanno organizzando.

Susan Rice, ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, ha respinto tutte le prove e gli avvertimenti siriani circa le organizzazioni terroristiche armate – e che sono designati come terroriste – le quali operano non solo con gli aiuti diretti da parte di Washington (finanziamenti , armi, istruttori e attrezzatura logistica di alta tecnologia – ndr), ma con forze armate libiche (bande di ratti e rinnegati del NTC – ndr)  ed i finanziamenti e forniture di armi da parte di Arabia Saudita e Qatar.

Washington, ha detto Susan Rice, non mette tutte le uova nello stesso paniere – Beh, queste uova sono le autobombe; questi attentati a Damasco e una serie di attacchi contro la popolazione sono destinate a provocare qualche risposta e reazione da parte del governo siriano.

Che lo facciano o no, ci sono ancora altri progetti terroristici volti a destabilizzare il paese. L’intento (USA – ndr) persegue il preciso scopo di prevenire qualsiasi risoluzione politica della crisi, per non parlare dell’espressione popolare data in favore della causa di Damasco.

Il Washington Post ha dichiarato che l’intelligence USA ed i militari della sicurezza del COBAR, consentiranno a queste operazioni (di terrorismo – ndr) di proseguire senza ostacoli.

Ed un aspetto interessante di questo (per gli USA -ndr) auspicio,  rende chiaro che gli elementi di al-Qaeda in Afghanistan, al momento della destabilizzazione dell’Afghanistan da parte della CIA, sono stati delocalizzati e posti in gioco qui, in Siria.

SC/PKH - traduzione a cura di Filippo Fortunato Pilato

*

Al Qaeda Terrorists Caught and will be punished under the Syrian Law…

*

Video at PressTV

Text at PressTV

Reloaded by Syrian Free Press Network

Translated by Filippo F. Pilato

at http://wp.me/p1P9ia-1c3

*

http://www.syrianfreepress.net/

http://syrianfreepress.wordpress.com/

https://www.facebook.com/Tg24Siria

http://www.facebook.com/syrianetwork

https://www.facebook.com/wajeeh.assaf

http://www.youtube.com/user/syriafreepress

http://www.youtube.com/user/syrianpress

http://www.youtube.com/user/MrGeourg

http://www.youtube.com/user/sirianews

http://www.youtube.com/user/TheNewsSyria

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie.

*

*

*

*

About these ads