Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

Syria News 17 May 2012

*

Le Journal de Syrie 17 Mai 2012

*

MINISTERO INFORMAZIONE SIRIANO

  • I gruppi terroristici armati continuano a perpetrare crimini e a prendere di mira le forze di sicurezza, i civili e le personalità di spicco della società siriana e ad assaltare proprietà pubbliche e private.
  • A Homs, un cecchino ha sparato sull’agente delle forze dell’ordine Husein Ibrahim Sharbo, vicino al vecchio orologio, uccidendolo sul colpo.
  • Sempre a Homs, Moen Abbud, di 39 anni, suo figlio Yaarub, di 9 anni, e Muntajeb Abd Al Latif di 35 anni, abitanti del quartiere di Zahra, sono stati feriti dalle schegge di un colpo di mortaio lanciato dai gruppi terroristi armati dal quartiere Khaldieh, che ha causato danni materiali anche ad alcune abitazioni e negozi della zona.
  • A Deraa, nel quartiere degli sfollati, un gruppo terroristico armato ha lanciato razzi RPG, uccidendo una bambina di nome Hala Mohammed Rashid, di appena tre anni, e ferendo gravemente sedici persone.
  • Un gruppo terrorista ha fatto irruzione nell’abitazione dello sheykh Musa Ahmed Al Aouda, nel villaggio Zizoun, sparandogli. L’uomo è deceduto poco dopo il suo arrivo all’ospedale di Deraa.
  • Ad Aleppo, un gruppo terroristico ha assassinato l’ingegnere Hasan al Ali e ferito il suo collega, Subhi Juweid, mentre si stavano recando al lavoro, presso la Direzione operativa e della manutenzione del bacino superiore dell’Eufrate, appartenente all’Ente Generale della Bonifica delle Terre di Deir Hafer, ad Aleppo. Quattro terroristi a bordo di un’automobile Hyundai Avante nera hanno aperto il fuoco sui due ingegneri sulla circonvallazione meridionale ad Aleppo, mentre si stavano dirigendo al loro posto di lavoro, uccidendo l’ingegnere al Ali e ferendo il suo collega Juweid.
  • D’altra parte, le unità del Genio hanno disattivato un ordigno esplosivo piazzato da un gruppo terroristico sotto una macchina, davanti alla casa di un agente delle forze dell’ordine, nel quartiere Al Fardos, ad Aleppo. L’ordigno era pronto ad esplodere mediante un meccanismo azionabile da un  cellulare.
  • A Idlib un gruppo terroristico ha fatto esplodere un ordigno alla stazione di rifornimento al Fares, vicino alla cittadina di Selqin, nella periferia di Idlib, causando danni ingenti all’edificio della stazione e a un bulldozer che si trovava accanto. La stazione è di proprietà del cittadino Mustafa Jalkhi, abitante di Salqin. Fortunatamente non ci sono state perdite umane.
  • D’altra parte, gli agenti della dogana di Raqqa hanno sequestrato una quantità di armi riposte in un vano segreto all’interno di un camion  proveniente da Hasakeh sulla strada che collega al Raqqa con Aleppo, e diretto ad Aleppo. Le armi sequestrate comprendono 13 carabine, 8 caricatori  e molte cartucce.
  • Le autorità competenti, sospettando di una macchina che trasportava mobili diretta a Kefer Aya e a Soltaniya ad Homs, ne hanno disposto la perquisizione, ritrovandovi numerose armi di vario tipo. Le armi sequestrate comprendono una mitragliatrice Dushka, un mortaio RPG con due proiettili e molte munizioni e 6 bombe a mano, oltre alle cartucce per le mitragliatrici e nastri per mitragliatrici Dushka.
  • Le autorità competenti, in collaborazione con gli abitanti di Shammas a Homs,     hanno sequestrato un camion cisterna che trasportava armi, munizioni ed esplosivi, arrestandone l’autista.
  • Ieri sono state rilasciate 250 persone che erano state fermate poiché coinvolte negli ultimi fatti. Queste persone non hanno compiuto omicidi.
  • 72 persone (ad Aleppo 32, ad Idlib 28, a Damasco 12) che sono state coinvolte negli ultimi fatti  si sono consegnate spontaneamente alle autorità competenti, con le loro armi.  Dopo aver regolarizzato la loro posizione, le autorità competenti le hanno immediatamente rilasciate.  Questi cittadini si sono spontaneamente consegnati alle autorità e si sono pentiti, impegnandosi a non commettere più azioni che possono minare la sicurezza e la stabilità della Siria, dopo essersi resi conto  dell’esistenza di un complotto tramato contro di loro.

*

Syrian Free Press Network

at http://wp.me/p1P9ia-1cT

*

http://www.syrianfreepress.net/

http://syrianfreepress.wordpress.com/

https://www.facebook.com/Tg24Siria

http://www.facebook.com/syrianetwork

https://www.facebook.com/wajeeh.assaf

http://www.youtube.com/user/syriafreepress

http://www.youtube.com/user/syrianpress

http://www.youtube.com/user/MrGeourg

http://www.youtube.com/user/sirianews

http://www.youtube.com/user/TheNewsSyria

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie.

*

*

*

*

*

About these ads