Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

*

Video published on May 16, 2012 by

The same horrors that were witnessed during the war in Kosovo are now apparently being prepared for the multi-confessional Syrian population by Islamist Syrian Liberation Army trained in Muslim Kosovo in the middle of Europe.

The Syrian Liberation Army group that actually formed the delegation to Kosovo has been fighting with the Syrian government for over a year now. This stand-off has claimed well over 9,000 lives, about half of them Syrian servicemen, law enforcers and officials.

Lately, the militants have been squeezed out of the Syrian cities and their positions along the Syrian-Turkish border. Being unable to turn the tide independently, the Syrian Liberation Army has been addressing to its foreign sponsors to start a military intervention into Syria to topple President Bashar Assad.

However, researcher and GlobalResearch.ca contributor Benjamin Schett told RT the Syrian rebels would not learn much in terms of military tactics from the KLA.

“The so-called Kosovo Liberation Army — this terrorist group — had in fact already been defeated by the Serbian army in 1998.”

Schett says that once Serbia agreed on a ceasefire, pulled back troops, and let in OSCE observers, the KLA used this situation to intensify their attacks so as to provoke a military reaction.

He continued that by presenting themselves as freedom fighters and victims to the Western media, the KLA secured a Western intervention in March 1999 after they staged a fake massacre in Račak.

Schett believes the Syrian rebels would go to Kosovo for knowledge in public relations techniques. He says despite their lack of military prowess, they were adept at making the Western public believe they were fighting for a justified cause amid reports they had committed a slew of war crimes and human rights abuses.

In 1998-1999 Kosovo separatists started an armed conflict with Belgrade to split the Kosovo region from Serbia. The war in the region was marked with mass atrocities and executions of the civilian population. Most of the Serbs that used to live in Kosovo became refugees.

In 2008, 10 years after the beginning of armed conflict with Serbia, Kosovo unilaterally proclaimed independence from Belgrade. Kosovo’s independence has been recognized by leading Western countries, most members of NATO and countries associated with the bloc.

Originally aired on RT, May 4, 2012
http://rt.com/news/syrian-opposition-studies-terror-tactics-in-kosovo-585/

*

‘Opposizione’ siriana studia tattiche di terrore in Kosovo

Gli stessi orrori che sono stati testimoniati durante la guerra in Kosovo, sono ora apparentemente in fase di preparazione per la multi-confessionale popolazione siriana dall’islamista Esercito di Liberazione musulmana siriana, addestrato in Kosovo, nel cuore dell’Europa.

Il gruppo siriano dell’Esercito di Liberazione che attualmente ha costituito una delegazione in Kosovo, ha lottato contro il governo siriano per oltre un anno. Questi rinnegati hanno provocato oltre 9.000 vittime, circa la metà delle quali militari siriani, tutori della legge e funzionari.

Ultimamente i suoi militanti sono stati espulsi dalle città siriane e si sono riposizionati lungo il confine turco-siriano.

Questi mercenari rinnegati sono stati utilizzati dai loro padrini stranieri per innescare un intervento militare in Siria al fine di rovesciare il presidente Bashar Assad.

Tuttavia, il ricercatore di GlobalResearch.ca, Benjamin Schett, ha dichiarato a Russia Today News che i “ribelli siriani” non avrebbero imparato molto, in termini di tattica militare, dal KLA.

“Il cosiddetto ‘Esercito di Liberazione del Kosovo’ – un semplice gruppo terroristico di mercenari armati – in effetti era già stato sconfitto dall’esercito serbo nel 1998″.

Schett dice che “una volta che la Serbia ha concordato il cessate il fuoco, ritirato indietro le sue truppe, e lasciato passare gli osservatori dell’OSCE, l’UCK ha usato questa situazione per intensificare i propri attacchi in modo da provocare una reazione militare.

Ha continuato affermando che, presentando se stessi come combattenti per la libertà e vittime, ai media occidentali, l’UCK si è assicurato l’intervento occidentale per il marzo 1999, dopo aver orchestrato il finto massacro di Racak.

Schett ritiene che i ribelli siriani sarebbero andati in Kosovo per approfondire la conoscenza delle tecniche di relazioni pubbliche. Dice che nonostante la loro mancanza di valore militare, sono stati abili a sensibilizzare l’opinione pubblica occidentale, facendo credere di combattere per una causa giustificata in concomitanza coi rapporti delle notizie che avevano commesso una sfilza di crimini di guerra e violazioni dei diritti umani.

Nel 1998-1999 i separatisti del Kosovo hanno iniziato un conflitto armato con Belgrado per dividere la regione del Kosovo dalla Serbia. La guerra nella regione è stata contrassegnata dalle atrocità ed esecuzioni di massa della popolazione civile. La maggior parte dei serbi che vivevano in Kosovo sono diventati rifugiati.

Nel 2008, a 10 anni dopo l’inizio di un conflitto armato con la Serbia, il Kosovo ha proclamato unilateralmente l’indipendenza da Belgrado. L’indipendenza del Kosovo è stata riconosciuto dai principali paesi occidentali, la maggior parte dei quali membri della NATO e dei paesi associati al blocco atlantico.

*

Italian Translation Synthesis by Syrian Free Press Network

at http://wp.me/p1P9ia-1eh

*

http://www.syrianfreepress.net/

http://syrianfreepress.wordpress.com/

https://www.facebook.com/Tg24Siria

http://www.facebook.com/syrianetwork

https://www.facebook.com/wajeeh.assaf

http://www.youtube.com/user/syriafreepress

http://www.youtube.com/user/syrianpress

http://www.youtube.com/user/MrGeourg

http://www.youtube.com/user/sirianews

http://www.youtube.com/user/TheNewsSyria

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie.

*

About these ads