Tags

, , , , , , , , , , , , , ,

*

Al-Jaafari: Arab, Regional capitals support armed groups which Boast of committing terror acts in Syria

Syria’s Permanent Representative to the United Nations, Dr. Bashar al-Jaafari reiterated that the Syrian government is ready to do everything in its power to make the mission of the UN envoy a success, indicating that Syria has offered all necessary facilitations for Annan’s plan and the UN observer mission.

He added that the door is always open for those who want a serious dialogue and real change and there is no problem with the opposition which rejects foreign interference.

Al-Jaafari: Al-Qubeir Massacre was Committed  5 Hours before any Clashes Happened

Al-Jaafari said that killing innocent civilians in al-Qubeir took place 5 hours before any clashes happened, adding that the images broadcast by al-Jazeera and al-Arabia are not those of the massacre victims.

”The Syrian TVs will air the true images of the massacre…The instigative media channels have taken to airing such fabrications before the UN Security Council meetings,” added al-Jaafari.

 He said that the locals affirmed that the gunmen who committed the crime came from another village called ”Jreijes” which led the locals to call for the help of the law-enforcement members.

”What is taking place in some parts of Syria is an unjustifiable heinous massacre, but some statements made during this session are part of the butchery, since the diagnosis of the situation is incorrect as it is based on political and media operation rooms that are detached from the situation on the ground,” al-Jaafari added.

”The Syrian government extends a hand of reconciliation with all political powers whose hands are clear of the Syrian blood to reach the shores of safety we all spire to,” al-Jaafari said.

Al-Jaafari : some powers have persisted in casting doubts on Annan’s plan

Al-Jaafari said that some powers have persisted in casting doubts on Annan’s plan even before it started that someone gave it a 30 percent success rate, while others considered the international observers to be false witnesses, called for foreign intervention and instigated Syrians to carry weapons to kill each other and reject dialogue, and supported armed terrorist groups.

”I’d like to cite one example, Lutfallah 2 ship, which was carrying weapons from Libya to the armed groups in Syria via Lebanon. Also three days ago, a new salafi gathering named ‘Syrian Rebels Front’ was announced in Istanbul with the declared goal of unifying the armed factions in Syria, considering that what they called the ‘battle for liberating Syria has started’ …It is clear that such a motto goes against Annan’s plan” al-Jaafari said.

He indicated that some countries which are backing violence in Syria argue that the violence of the armed groups is but a reaction, in an attempt to justify the terror acts.

”Are suicide bombings that targeted Syria acts in self-defense? Are attacks on hospitals, medical staffs and schools democratic aspects?” al-Jaafari asked.

Al-Jaafari said that the countries which are supporting terrorists and facilitating their crimes in Syria are complicit in the bloodshed in Syria, adding that Syria is ready to receive an investigation committee from objective countries who are opposed to foreign meddling in the Syrian affairs.

He considered that Nabil al-Arabi’s accusations contradict the initial report of the UN observer mission in Syria.

Al-Jaafari said ”I’d like to know the attitude of the UN to the illegitimate, unilateral sanctions imposed on 23 million Syrian citizens that did not spare gas and fuel.”

Al-Jaafari: Terror acts officially adopted by armed groups which boast of committing them

Al-Jaafari added that all terrorist acts have been adopted by the armed terrorist groups which boast of committing them, underlining ” those who deny weapon smuggling into Syria and deny the accusations directed to them of igniting terrorism and shedding the Syrian blood by al-Qaeda and Salafis-backed groups are partners in terrorism that should be brought to justice.”

He said that the Arab League Secretary General held the Syrian authorities responsible for al-Houla massacre in his letter sent to the UNSC Chief on May 27th, when he said “the painful massacre perpetrated by the Syrian military forces in al-Houla”, then he return today to accuse the Syrian authorities of the heinous, ugly and unjustified massacre of al-Qbeir village in Hama.

Here we have to ask the Arab League Secretary General and you “how did he have the ability to issue this premature judgment through remote control in violation of the first report of the UN observers though the special final investigations into this heinous massacre yet didn’t end,” al-Jaafar said.

Al-Jaafari: Syria is ready to receive an investigation committee from neutral countries

He added “Today.. at this platform and in the presence of the UN Secretary General, Mr. Annan and the Arab League Secretary General, we announce that Syria is ready to receive an investigation committee from neutral countries that respect the UN Charter and reject any intervention in the Syrian affairs.”

Al-Jaafari said that “We hear lots of statements and discussions about humanitarian aid for the needed in Syria,” wondering where are those aids which they talk about to be urgently distributed to the needed persons.

Al-Jaafari added that UN Undersecretary-General for Humanitarian Affairs, Valerie Amos mentioned in a formal memorandum that international contributions to meet the humanitarian needs in Syria reached USD 118 million a week ago, and she expressed concerns that only one third of this amount of money, USD 37 million, was allocated for humanitarian programs inside Syria, while the rest of the money would be spent to meet the humanitarian needs of the Syrians outside Syria, questioning the United Nations’ stance on the unilateral sanctions against over 23 million Syrian people.

He said that several international bodies have submitted several credible reports on the violations of human rights committed by the armed terrorist groups in Syria, including kidnapping for money.

Al-Jaafari added that a UN observer told him that when he was in Homs, he was shocked to see that most of the armed people are children and teenagers under 18 years old

 Annan: Terrorist Groups have Escalated Attacks…Bombings Indicate a Third Party

The UN envoy to Syria, Kofi Annan, said that the armed terrorist groups in Syria have escalated their attacks that ”do not serve the interests of the Syrian people.”

Addressing the UN General Assembly session on Syria, Annan said that the recent string of bombings in Syria have further complicated the situation, adding that these bombings indicate a third party.

The UN envoy said that the Syrian government has released detainees, and agreements were reached on delivering humanitarian aid, considering that time has come to take decisions that guarantee harder work to ensure the implementation of his six-point plan.

”If the situation remains the same, it is likely that the future holds more killing, atrocities, sectarian violence and even risks an all-out civil war, which will be a no-win situation for the Syrians,” Annan said, adding that his plan is not working.

”I feel horrified at the new massacre in which scores, including women and children, were slaughtered in al-Qubeir west of Hama, which comes two weeks after al-Houla massacre…I offer heartfelt condolences to the families of the victims, ”Annan said, stressing the importance of bringing the culprits to justice.

Annan saw that the crisis in Syria is escalating and violence is becoming worse. ”The country is becoming more polarized and radicalized, and Syria’s neighbors are becoming more concerned that the crisis could spill over into their own countries.”

”As we are calling for abiding by international law and the six-point plan, we’d like to clarify that that repercussions are likely in case the plan is no implemented…We have to chart a clearer course for the political transition process if we want to help the Syrian government and opposition and the Syrian society to solve the crisis,’ ‘Annan said.

Annan said that it is still possible to avert the worst and Syria can emerge from the crisis, vowing to spare no effort to help the Syrian people.

Churkin: Offering Weapons to Armed Groups Escalates Situation in Syria 

Russia’s Representative to the UN, Vitali Churkin, stressed that the unilateral pressure on Syria is not useful and that sanctions do not help solve the crisis, rather they aggravate the humanitarian situation in the country, calling for stopping support to the armed opposition with weapons and money.

In a speech at the UN General Assembly session, Churkin said that supporting the armed opposition which call for foreign intervention should be stopped.

He added that Russia calls for holding a conference on Syria, reiterating Russia’s commitment to its stance on the crisis in Syria which is aimed at finding a peaceful solution through a political process led by Syria. 

Chinese Ambassador: China calls for reaching a peaceful settlement to the crisis in Syria

Chinese Ambassador to the UN Li Baodong said that his country calls for reaching a peaceful settlement to the crisis in Syria through negotiations, without any foreign intervention or changing regime by force.

“China keeps an active role to realize a peaceful, comprehensive solution to the crisis in Syria… China follows the latest developments in Syria,” Baodong added at a speech to the session.

He called on all Syrian sides to carry out Annan’s 6-point plan and work effectively to stop violence, protect civilians and launch a comprehensive political dialogue.

India calls for Peaceful Solution to Crisis in Syria

India’s Representative to the UN, Hardeep Singh Puri, stressed that his country calls for a peaceful solution to the Syrian crisis and for commitment to the UN Envoy to Syria Kofi Annan’s six-point plan by all sides.

In his speech during the UN General Assembly session on the situation in Syria, Singh Puri expressed India’s concerns over escalating attacks against civilians and security forces, adding that India condemns all forms of terrorism and violence regardless of who is committing them.

The Indian representative pointed out that increasing the militarization of the conflict in Syria would have dangerous repercussions on peace and stability in the region at large.

He added that India calls on all sides to stop violence and achieve progress in all points of Annan’s plan.

Iran: Armed Terrorist Groups Curb Annan’s Plan

Iran’s Representative to the UN, Mohammad Khazaee, stressed that the armed terrorist groups, which did not abide by the call for ending violence, and the provocative stances of some countries’ officials curb the success of the plan of UN Envoy to  Syria Kofi Annan.

In a speech during the UN General Assembly session, Khazaee pointed out that the armed groups have escalated their terrorist attacks against citizens indiscriminately, and they are destroying public properties and kidnapping people.

He called for boosting Annan’s plan for solving the crisis, considering it as the only solution that would lead to a political process led by Syria.

Fadi/Manal/Mazen – SANA – 7/6/2012

*

*

ITALIANO

Al-Jaafari: Capitali arabe dell’area sostengono i gruppi armati che si vantano di aver commesso atti terroristici in Siria.
*
Il rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite, il dottor Bashar al-Jaafari, ha ribadito che il governo siriano è pronto a fare tutto quanto in suo potere per rendere la missione dell’inviato delle Nazioni Unite un successo, indicando che la Siria ha offerto tutte le facilitazioni necessarie per il piano Annan e la missione di osservazione delle Nazioni Unite.

Ha aggiunto che la porta è sempre aperta per chi vuole un dialogo serio e un vero cambiamento e non c’è alcun problema con l’opposizione che respinge interferenze straniere.

Al-Jaafari: il massacro di Al-Qubeir è stato commesso 5 ore prima che iniziasse qualsiasi scontro.

Al-Jaafari ha detto che l’uccisione di civili innocenti in al-Qubeir è avvenuta 5 ore prima che iniziasse qualsiasi scontro, aggiungendo che le immagini trasmesse da Al-Jazeera e al-Arabia non sono quelle delle vittime del massacro.

” I canali televisivi siriani manderanno in onda le immagini vere della strage … I canali instigativi dei media hanno messo in onda questi falsi montaggi prima della riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”, ha aggiunto al-Jaafari.

 Egli ha detto che la gente del posto ha affermato che gli uomini armati che hanno commesso il reato venivano da un altro villaggio chiamato Jreijes, il che ha portato gli abitanti a chiedere l’aiuto delle forze dell’ordine.

” Ciò che sta avvenendo in alcune parti della Siria è un ingiustificabile atroce massacro, ma alcune dichiarazioni fatte durante questa fase fanno parte della carneficina, dal momento che la diagnosi della situazione non è corretta in quanto si basa su centri operativi politici e mediatici che sono distaccati dalla situazione reale sul terreno”, ha aggiunto al-Jaafari.

” Il governo siriano stende una mano di riconciliazione a tutti i poteri politici le cui mani non sono sporche del sangue siriano, per raggiungere le sponde di quella sicurezza a cui tutti noi aspiriamo”, ha detto al-Jaafari.

Al-Jaafari: alcuni poteri hanno continuato a infondere dubbi sul piano di Annan.

Al-Jaafari ha detto che alcuni poteri hanno continuato a creare dubbi riguardo al piano Annan, anche prima del suo inizio, che qualcuno ha dato con un 30% di tasso di successo, mentre altri ritengono che gli osservatori internazionali siano dei falsi testimoni, chiamati per un intervento straniero e per istigare i siriani a imbracciare le armi per uccidersi a vicenda e rifiutare il dialogo, sostenuti da gruppi armati terroristici.

” Mi piacerebbe citare un esempio: la nave Lutfallah 2, che trasportava armi dalla Libia ai gruppi armati siriani, via Libano. Anche tre giorni fa, un nuovo gruppo salafita, chiamato ‘fronte dei ribelli siriani’, è stato presentato a Istanbul con l’obiettivo dichiarato di unificare le fazioni armate in Siria, visto che quella che chiamano la ‘battaglia per liberare la Siria’ è  iniziata … E ‘chiaro che tale motto va contro il piano Annan”, ha detto al-Jaafari.

Egli ha indicato che alcuni paesi che appoggiano la violenza in Siria sostengono che la violenza dei gruppi armati sia una reazione, nel tentativo di giustificare gli atti terroristici.

” Sono gli attentati suicidi, che hanno recentemente colpito la Siria, una legittima difesa? Sono gli attacchi a ospedali, personale medico e scuole, degli aspetti democratici?”, Al-Jaafari ha chiesto.

Al-Jaafari ha detto che i paesi che stanno sostenendo i terroristi e che facilitano i loro crimini in Siria sono complici nello spargimento di sangue in Siria, aggiungendo che la Siria è pronta a ricevere una commissione d’inchiesta da quei paesi che oggettivamente si oppongano alla ingerenza straniera negli affari siriani.

Egli ritiene che le accuse rivolte da Nabil al-Arabi siano in contrasto con la relazione iniziale della missione degli osservatori delle Nazioni Unite in Siria.

Al-Jaafari ha detto, ” Mi piacerebbe conoscere le intenzioni delle Nazioni Unite riguardo alle illegittime sanzioni unilaterali imposte a 23 milioni di cittadini siriani che non hanno scorte di gas e carburante.”

Al-Jaafari: Sugli atti di terrorismo ufficialmente perpetrati da gruppi armati che si vantano di commetterli.

Al-Jaafari ha aggiunto che “tutti gli atti terroristici sono stati perpetrati da parte dei gruppi armati terroristici i quali si vantano di averli commessi, sottolineando che coloro che negano il contrabbando di armi in Siria e negano pure le accuse rivolte a loro di aizzare il terrorismo e lo spargimento del sangue siriano, da parte di al-Qaeda e degli affiliati gruppi salafiti, sono complici del terrorismo e che dovrebbero essere consegnati alla giustizia. “

Egli ha detto che il segretario generale della Lega Araba, nella sua lettera inviata al capo del Consiglio di sicurezza il 27 maggio,  ha ritenuto le autorità siriane responsabili per il massacro di al-Houla, quando disse: “il doloroso massacro perpetrato da parte delle forze militari siriani in al-Houla”, quindi è tornato oggi ad accusare le autorità siriane del massacro atroce, terribile ed ingiustificabile nel villaggio al-Qbeir, in Hama.

Quindi dobbiamo chiedere al segretario della Lega araba, “come ha fatto ad avere la capacità di emettere questo telecomandato e prematuro giudizio, in violazione del primo rapporto degli osservatori delle Nazioni Unite, se le indagini speciali finali di questo efferato massacro ancora non sono terminate?”, ha detto al-Jaafari.

Al-Jaafari: la Siria è pronta a ricevere una commissione d’inchiesta da paesi neutrali.

Ha aggiunto “Oggi .. su queste basi ed alla presenza del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan e del segretario generale della Lega Araba, annunciamo che la Siria è pronta a ricevere una commissione d’inchiesta da paesi neutrali, che rispettino la Carta delle Nazioni Unite e respingano qualsiasi intervento negli affari siriani “.

Al-Jaafari ha detto che “Abbiamo sentito un sacco di dichiarazioni e discussioni circa gli aiuti umanitari necessari in Siria”, chiedendosi dove siano gli aiuti di cui si parla e che sarebbero in procinto di essere distribuiti con urgenza alle persone bisognose?”.

Al-Jaafari ha aggiunto che il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, Valerie Amos, ha menzionato in una nota formale che i contributi internazionali per soddisfare le esigenze umanitarie in Siria avrebbero raggiunto 118 milioni  di dollari, una settimana fa, ed ha espresso il timore che solo un terzo di questa quantità di soldi, 37 milioni di euro, sono stati assegnati per i programmi umanitari all’interno della Siria, mentre il resto del denaro dovrebbe essere speso per soddisfare le esigenze umanitarie dei siriani fuori Siria, mettendo in discussione la posizione sulle sanzioni unilaterali nei confronti delle Nazioni Unite ai danni di oltre 23 milioni di persone siriane.

Al-Jaafari ha detto che vari organismi internazionali hanno presentato diverse relazioni credibili sulle violazioni dei diritti umani commesse dai gruppi armati terroristici in Siria, tra cui il rapimento a scopo di lucro.

Al-Jaafari ha aggiunto che un osservatore delle Nazioni Unite gli disse che quando era in Homs fu scioccato nel vedere che la maggior parte delle persone armate sono bambini e adolescenti sotto i 18 anni

 Annan: i gruppi terroristici hanno intensificato gli attacchi … gli attentati Indicano una Terza Parte coinvolta.

L’inviato delle Nazioni Unite per la Siria, Kofi Annan, ha detto che i gruppi armati terroristici in Siria hanno intensificato i loro attacchi, i quali ” non servono agli interessi del popolo siriano”.

Intervenendo alla sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite contro la Siria, Annan ha detto che la recente serie di attentati in Siria hanno ulteriormente complicato la situazione, aggiungendo che questi attentati indicano un terzo attore sulla scena.

L’inviato Onu ha detto che il governo siriano ha rilasciato i detenuti, e sono stati raggiunti accordi sulla fornitura di aiuti umanitari, e si considera che sia giunto il momento di prendere decisioni che garantiscano un lavoro più forte per garantire l’attuazione del suo piano in sei punti.

” Se la situazione rimane la stessa, è probabile che il futuro porti più uccisioni, atrocità, violenza settaria, rischiando addirittura una vera e propria guerra civile, che si risolverà in una situazione senza vincitori, per i siriani”, ha detto Annan, aggiungendo che il suo piano non funzionerebbe.

” Mi sento inorridito al nuovo massacro in cui una gran quantità di persone sono state massacrate, tra cui donne e bambini, in al-Qubeir ad ovest di Hama, che arriva due settimane dopo il massacro di al-Houla”…”Offro sentite condoglianze alle famiglie delle vittime”, Annan ha detto, sottolineando l’importanza di consegnare i colpevoli alla giustizia.

Annan ha visto che la crisi in Siria si sta aggravando e la violenza sta diventando sempre peggiore. ” Le tensioni nel paese stanno diventando sempre più estremiste e radicalizzate, ed i vicini della Siria stanno diventando sempre più preoccupati che la crisi possa estendersi nei loro paesi.”

”Mentre chiediamo il rispetto del diritto internazionale e del piano in sei punti, vorremmo precisare che è probabile che ci siano ripercussioni nel caso in cui il piano non sia attuato… Dobbiamo tracciare una rotta chiara per il processo di transizione politica, se vogliamo aiutare il governo siriano e l’opposizione e la società siriana a risolvere la crisi”, ha detto Annan.

Annan ha detto che è ancora possibile evitare il peggio e la Siria può uscire dalla crisi, giurando di non risparmiare alcuno sforzo per aiutare il popolo siriano.

Churkin: offrire armi ai gruppi armati intensifica solo la crisi in Siria

Il rappresentante della Russia alle Nazioni Unite, Vitali Churkin, ha sottolineato che la pressione unilaterale sulla Siria non è utile e che le sanzioni non aiutano a risolvere la crisi, anzi aggravano la situazione umanitaria nel paese, chiedendo l’arresto al sostegno alla opposizione armata, tramite armi e denaro.

In un discorso alla sessione dell’Assemblea generale dell’ONU, Churkin ha detto che deve cessare il sostenere l’opposizione armata che richiede l’intervento straniero.

Ha aggiunto che la Russia chiede una conferenza sulla Siria, ribadendo l’impegno della Russia sulla sua posizione sulla crisi in Siria, che mira a trovare una soluzione pacifica attraverso un processo politico guidato dalla Siria.

Ambasciatore cinese: la Cina chiede di raggiungere una soluzione pacifica della crisi in Siria

L’Ambasciatore cinese presso l’Onu, Li Baodong, ha detto che il suo paese prevede di dover raggiungere una soluzione pacifica della crisi in Siria attraverso negoziati, senza alcun intervento straniero, o di cambiare il regime con la forza.

“La Cina mantiene un ruolo attivo per realizzare una soluzione pacifica e globale alla crisi in Siria … La Cina segue gli ultimi sviluppi in Siria”, Baodong aggiunto in un discorso alla sessione.

Egli ha invitato tutte le parti siriane a sviluppare i sei punti del piano Annan, e lavorare in modo efficace per fermare la violenza, proteggere i civili e avviare un dialogo politico globale.
L’India chiede una soluzione pacifica alla crisi in Siria

Il rappresentante dell’India alle Nazioni Unite, Hardeep Singh Puri, ha sottolineato che il suo paese chiede una soluzione pacifica alla crisi siriana e per l’impegno da tutte le parti verso  il piano in sei punti dell’inviato delle Nazioni Unite Kofi Annan.

Nel suo discorso durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla situazione in Siria, Singh Puri ha espresso preoccupazioni crescenti verso gli attacchi contro civili e forze di sicurezza, aggiungendo che l’India condanna tutte le forme di terrorismo e di violenza, indipendentemente da chi le commette.

Il rappresentante indiano ha sottolineato che l’aumento della militarizzazione del conflitto in Siria avrebbe avuto pericolose ripercussioni sulla pace e la stabilità nella regione in generale.

Ha aggiunto che l’India invita tutte le parti a fermare la violenza e progredire in tutti i punti del piano Annan.

Iran: i gruppi armati terroristici frenano il Piano Annan

Il rappresentante dell’Iran alle Nazioni Unite, Mohammad Khazaee, ha sottolineato che i gruppi armati terroristici, che non rispettano l’invito a porre fine alla violenza, e le prese di posizione provocatorie dei funzionari di alcuni paesi, frenano il successo del piano dell’inviato delle Nazioni Unite per la Siria, Kofi Annan.

In un discorso durante la sessione dell’Assemblea generale dell’ONU, Khazaee ha sottolineato che i gruppi armati hanno intensificato i loro attacchi terroristici contro i cittadini indiscriminatamente, stanno distruggendo proprietà pubbliche e commettono rapimenti di persone.

Ha chiesto per potenziare il piano Annan per risolvere la crisi, considerandola come l’unica soluzione che porterebbe ad un processo politico guidato dalla Siria.

Traduzione di SyrianFreePress.net – 8/7/2012 – http://wp.me/p1P9ia-1oE

*

Syrian Free Press Network:
the truth about the conspiracy against Syria

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie.

*

*

*

*

*

About these ads