Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

Un terrorista libico: in Siria combattono bande di killers arabi e africani.

Un cittadino libico, Hazim M., ha annunciato di aver lavorato e collaborato con decine di gruppi armati terroristici in Siria, per la fabbricazione di ordigni esplosivi.

Hazim M., specializzato in ordigni esplosivi nella cosiddetta Brigata Tripoli, ha aggiunto in un’intervista all’agenzia a “Libia Now”, che entrò in Siria dalla Turchia illegalmente e inizio’ a lavorare con i gruppi armati nella preparazione di ordigni esplosivi e per preparare le piantine degli obiettivi del personale dell’esercito siriano.

“Ho lavorato anche nella città siriana di Hama, nel cosidetto battaglione ‘Amar Bin Yasser’ e sono rimasto sorpreso di sapere che tutti i membri del detto battaglione appartengono a nazionalità arabe e africane”, ha detto Hazim M.

Hazim M. ha descritto le esplosioni, le uccisioni e le distruzione commesse da parte dei gruppi armati terroristici, che consistono in bande di assassini, invitando i combattenti libici e arabi a non entrare in Siria, perché li’ non c’è in corso alcuna  rivolta popolare.

*

A Libyan Terrorist: Arabs and Africans Fighting in Syria Gangs and Killers

A Libyan citizen, Hazim M., announced that he worked and collaborated with scores of armed terrorist groups in Syria, with training on explosive devices manufacturing and exploding.

Hazim M., specialized in explosive devices in the so-called Tripoli Brigade, added in an interview with ‘Libya Now’ News Agency, that he entered to Syria from Turkey illegally and started working with the armed groups in preparing and planting explosive devices targeting Syria Army personnel.

“I worked also in the Syrian City of Hama with the so-called ‘Amar Bin Yasser’ battalion and was surprised to know that all members of the said battalion belong to Arab and Africa nationalities,” said Hazim M.

Hazim M. described blasted the ongoing killings and destruction by the armed terrorist groups, which consist of gangs and killers, Calling on Libyan and Arab fighters not to enter to Syria because the ongoing there is never a popular revolt.

Syriaonline – 17/7/2012

Traduzione per SyrianFreePress.net Network a cura di Filippo F. Pilato

Link a questa pagina
http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/07/17/intervista-di-un-terrorista-libico-a-libyan-terrorist-interview-ita-eng/

*

*

*

*

About these ads