Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 

*

Aggiornamenti dal Ministero Informazione Siriano, 24 luglio 2012

Trasmettiamo una doverosa nota relativa alla faziosità con cui alcuni mass-media e canali diplomatici hanno interpretato l’ultimo comunicato del Ministero degli Affari Esteri siriano, estrapolandone alcune affermazioni e collocandole al di fuori del loro contesto, per servire ai loro interessati giochi geopolitici.

*

Mass-media stranieri e canali diplomatici hanno interpretato in modo fazioso ed arbitrario il comunicato del Ministero degli Affari Esteri, collocandolo al di fuori del suo contesto.

            Il Ministero degli Affari Esteri e degli Espatriati ha commentato il trattamento negativo riservato da alcuni mezzi d’informazione al contenuto del suo ultimo comunicato, riguardante la campagna mediatica contro la Siria allo scopo di preparare l’opinione pubblica a un intervento militare in Siria sotto lo slogan della menzogna delle armi di distruzione di massa, sottolineando che questi mass-media hanno estrapolato dal suo contesto – in modo premeditato – questo comunicato, con il pretesto ch’esso costituirebbe di fatto la dichiarazione di possesso di armi non convenzionali da parte della Repubblica Araba Siriana.

            Il Ministero ha altresì chiarito che: “Lo scopo del comunicato stampa e della conferenza stampa non era affatto una dichiarazione, bensì una risposta alla campagna mediatica sistematica contro la Siria per preaparare l’opinione pubblica internazionale alla possibilità di un intervbento militare sotto lo slogan della menzogna delle armi di distruzione di massa e della probabilità di utilizzarle in Siria contro i gruppi terroristici armati ed i civili e l’eventuallità di cederle ad una terza parte”.

            Il comunicato aggiunge che: ” Nel ribadire che queste affermazioni sono categoricamente ingiuste, non ne ignoriamo la gravità, poiché le parti che programmano questa campagna nella stampa mondiale sono le stesse che si sono mobilitate contro la Siria, mediante i mass-media e i circoli internazionali, e sono sempre le stesse che hanno fabbricato la menzogna delle armi di distruzione di massa in Iraq, la cui palese falsificazione è stata poi rivelata”.

            Il comunicato del Ministero degli Affari Esteri e le dichiarazioni del portavoce ufficiale si collocano nel quadro della spiegazione delle direttive generali della politica di difesa dello Stato, in risposta alle ipotesi e alle ingiuste accuse mediatiche.

            Il Ministero ha ribadito la necessità di prefiggersi precisione e professionalità nella copertura delle notizie riguardanti l’ambito siriano , che devono sempre essere collocate nel loro giusto contesto.

            In questo contesto, ieri il Ministro dell’Informazione, Omran al-Zo’bi, ha rilasciato una dichiarazione alla radio Cham FM, affermando che quella che si sta svolgendo è una vera e propria campagna internazionale guidata dalle diplomazie americana e israeliana, sotto lo slogan allarmante del “futuro delle ipotetiche armi chimiche che la Siria possiederebbe”, sottolineando che questa campagna si iscrive nel quadro delle persistenti pressioni per far passare una risoluzione internazionale contro la Siria con il pretesto di preservare la sicurezza e la pace internazionali.

            Il Ministro dell’Informazione ha ribadito che la Siria, da più di vent’anni, ha invitato al disarmo delle armi di distruzione di massa nella regione, sotto la supervisione e il patrocinio delle Nazioni Unite, e questo invito comprende le armi nucleari israeliane, facendo presente che gli israeliani, in base a quanto affermato dai comandanti militari e politici, in passato hanno ammesso la presenza di armi nucleari israeliane e il possesso di tali armi da parte di Israele.

            Il Ministro ha aggiunto che la Siria, quando discute delle accuse che la competono, semplicemente risponde a simili pretestuose affermazioni, falsità e menzogne provenienti da canali diplomatici o da servizi segreti occidentali, né più né meno; e che quando il portavoce del Ministero degli Affari Esteri dice che non ricorrerà ad armi chimiche contro il suo popolo, egli non dice che la Siria possiede armi chimiche, e che questa è una questione etica e nazionale. Loro invece hanno interpretato questa risposta come un’ammissione del fatto che la Siria possiede armi chimiche, il che corrisponde pienamente ai loro desideri e alle loro ossessioni, posto che il significato e il valore reale delle parole dette si collocano in un altro contesto, completamente diverso.

*

Supported by SyrianFreePress.net Network & TG24Siria

http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/07/24/aggiornamenti-dal-ministero-informazione-siriano-2472012-nota-sulla-faziosita-di-alcuni-mass-media-e-canali-diplomatici/

*

*

*

*

*

About these ads