Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

tekkim-turkish-chemical-weapons

“Tekkim” the Turkish company who producing and selling the chemical component used by the terrorists in the video ~~~ “Tekkim” l’azienda turca che produce e vende il componente chimico usato dai terroristi nel video.

*

Who Defends Its Own People, and Is Bastion of Resistance and Reference Point for Arab People, Will Never Use Chemical Weapons Against Them

Foreign and Expatriates Ministry: Syria Won’t Use Chemical Weapons, If It Possesses Any, Whatever the Circumstances

Dec 08, 2012 – DAMASCUS – Syria on Saturday reaffirmed that it will not use chemical weapons, if it possesses any, whatever the circumstances as it is defending its people against terrorism supported by known countries, citing the USA on top.

Syria’s reaffirmation came in two identical letters addressed by the Foreign and Expatriates Ministry to the Chairman of the UN Security Council and the UN Secretary General.

“The U.S. administration has consistently worked over the past year to launch a campaign of allegations on the possibility that Syria could use chemical weapons during the current crisis,” said the Ministry.

It reiterated Syria’s openly repeated stress through the diplomatic frameworks that it “will not use chemical weapons, if it possessesany, whatever the circumstances because it is defending its people against terrorism supported by known countries, above all is the USA.”

“What raises concerns regarding this news circulated by the media is our serious fear that some of countries backing terrorism and terrorists might provide the armed terrorist groups with chemical weapons and claim that it was the Syrian government which did use the weapons,” said the Ministry in its letters.

It referred in this context to information revealed by the Turkish Yurt newspaper which said that members from al-Qaeda are manufacturing chemical weapons at a laboratory near the Turkish city of Gaziantep, and that they have threatened to use them against the Syrian civilians.

The letters also made reference to the Turkish newspaper indicating footages posted on the internet in which terrorists appear making poisonous gas from chemical materials which al-Qaeda got from a Turkish company and which were tested on living creatures.

“Those countries launching the campaign against Syria had better follow up on that act and hold those terrorists and the parties which helped them get the chemical materials to account,” the Foreign and Expatriates Ministry said.

It pointed out that the Syrian government, out of its care for its people’s lives, had asked the UN Supervision Mission to visit, inspect and calculate the stocks of a private sector chlorine processing plant, located to the east of Aleppo city, after information that the terrorist groups were then planning to take hold of it.

The Supervision Mission however could not do this because the terrorists opened fire on its members as they were trying to visit the plant, the Ministry added.

“The terrorist groups recently took hold of the plant which includes tons of the poisonous chlorine following the latest U.S.-Western campaign, with all the risks this issue implies,” it said.

The Ministry expressed Syria’s warning that the terrorist groups might resort to using chemical weapons against the Syrian people, and its denunciation of the international community’s inaction to deal with the developments after the terrorist groups recently took hold of a Chlorine processing plant to the east of Aleppo city.

“Syria also denounces not holding the supporters of the terrorist groups to account according to the relevant UN Security Council resolutions,” the letters added.

They slammed the hostile campaign against Syria as being characterized by the absence of the moral dimension, saying that “countries which used these or other similar weapons like the US, are not worthy to launch such a campaign, especially that [the US] used the pretext of Iraq possessing weapons of mass destruction (WMD) to justify its invasion and occupation of this Arab country in 2003.

The Foreign and Expatriates Ministry highlighted that Syria has scores of times made it clear that it will not use chemical weapons, if they exist, against its people under any circumstance, and stressed its commitment to its legal obligations according to the agreements and protocols it signed.

“Moreover, the Ministry added, “Syria submitted by the end of 2003 a draft resolution to the UN Security Council on Middle East Zone Free of Nuclear, Biological and Chemical (NBC)Weapons.”

However, the Ministry said, the US and the countries following it hindered the draft resolution and prevented the Security Council from adopting it.

It went on saying that Syria was not surprised by the U.S. move a few days ago to foil the UN efforts to hold a conference to establish a zone free of weapons of mass destruction in the Middle East, which was due to be held by the end of 2012.

“All of that was in defense of Israel, the only party in the region which has not signed the WMD agreements,” it added.

The Ministry concluded its letters by saying that “such campaign doesn’t work with Syria which has always adhered to is independence and sovereignty,” stressing that these media campaigns cannot mislead the Syrian people or the international public opinion, which has started to realize the reality of the conspiracies hatched against Syria and the real reasons behind continuing the shedding of the Syrian blood for which the terrorist groups and those supporting them are responsible in front of history and the nations.  (R. Raslan/H. Said)

*

*

ITALIANO

tekkim-turkish-chemical-weapons3

“CHI DIFENDE IL PROPRIO POPOLO, ED È BALUARDO DELLA RESISTENZA  E PUNTO DI RIFERIMENTO PER I POPOLI ARABI, NON USERÀ MAI ARMI CHIMICHE CONTRO DI ESSI”.

Ministero degli Esteri e gli Espatriati: la Siria non utilizzerà mai armi chimiche, ammesso che le possegga, in nessuna circostanza.

Sabato, 8/12/2012 – La Siria ha affermato per l’ennesima volta che non userà alcuna arma chimica, in qualsiasi circostanza, ammesso che la  possieda, poiché sta difendendo il suo popolo contro il terrorismo sostenuto da paesi ben noti, in particolare gli Stati Uniti d’America.

Il Ministero degli Affari Esteri e degli Espatriati, in due lettere identiche indirizzati al presidente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e al Segretario generale delle Nazioni Unite, ha affermato che:

“L’amministrazione Usa negli ultimi mesi ha sempre lavorato  per lanciare una campagna di accuse sulla possibilità che la Siria possa usare armi chimiche durante la crisi attuale. Ma noi abbiamo affermato ripetutamente, sia apertamente sia tramite i canali diplomatici, che la Siria non utilizzerà alcuna arma chimica, ammesso che esista, ed in nessun caso, perché sta difendendo il proprio popolo dal terrorismo sostenuto da paesi ben noti, soprattutto gli Stati Uniti d’America”, ha detto il ministero.

Il ministero ha detto che: “Quello che ci preoccupa, riguardo a questa notizia diffusa dai media, è la paura che alcuni paesi che appoggiano il terrorismo ed i terroristi in Siria potrebbero realmente rifornirli con delle armi chimiche per poi accusare il governo siriano di aver usato questo tipo di armi”.

Le due lettere hanno fatto riferimento, in tale contesto, alle informazioni rivelate dal quotidiano turco Yurt: “I membri di al-Qaeda stanno preparando armi chimiche in un laboratorio vicino alla città turca di Gaziantep ed hanno minacciato di usarle contro i civili siriani. In un filmato pubblicato su internet, i terroristi producono gas tossico con materiali chimici che al-Qaeda ha ricevuto da una società turca, già testati su esseri viventi”.

“Quei paesi che lanciano questa campagna contro la Siria farebbero meglio a seguire tali atti (vedi video http://www.youtube.com/watch?v=VBSMgHvW8Ac) e trattenere sia i terroristi che coloro i quali li hanno aiutati ad entrare in possesso di tali materiali chimici”, ha aggiunto il Ministero degli Esteri ed Espatriati.

È stato fatto sottolineato che il governo siriano, per via della sua attenzione alla vita del popolo, aveva chiesto alla Missione delle Nazioni Unite di visitare, supervisione, controllare e calcolare le scorte di un impianto privato del settore per la trasformazione del cloro, che si trova nella parte Est della città di Aleppo, dopo le informazioni ricevute che  gruppi terroristici avessero intenzione di entrarne in possesso.

La Missione di Supervisione, tuttavia, non poteva farlo, perché i terroristi aprirono il fuoco sui suoi membri i quali stavano cercando di visitare lo stabilimento, ha aggiunto il Ministero.

“I gruppi terroristici erano recentemente entrati in possesso dell’impianto, il quale contiene tonnellate di cloro velenoso, in seguito all’ultima campagna USA e occidentale, con tutti i rischi che implica questo problema”, ha detto il Ministero.
Il Ministero ha anche espresso l’avvertimento da parte della Siria che i gruppi terroristici possano ricorrere all’uso di armi chimiche contro il popolo siriano, ed ha al contempo denunciato l’inazione della comunità internazionale nell’affrontare tali sviluppi, dopo che i gruppi terroristici avevano recentemente saccheggiato l’impianto per il trattamento del cloro, situato nella parte Est della città di Aleppo.

“La Siria, inoltre, denuncia il fatto che non vengano portati in giudizio i sostenitori dei gruppi terroristici, in base alle pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite” è aggiunto nelle lettere.

Le lettere hanno denunciato come la campagna ostile contro la Siria sia caratterizzata dall’assenza della dimensione morale, dicendo che “i paesi che hanno utilizzato queste o altre armi simili, come gli Stati Uniti, non sono degni di lanciare una campagna in tal senso, in particolare che [gli Stati Uniti] hanno utilizzato il pretesto che l’Iraq fosse in possesso di Armi di Distruzione di Massa (WMD) per giustificare l’invasione e l’occupazione di questo paese arabo nel 2003.

Il Ministero degli Esteri e Espatriati ha evidenziato che la Siria ha decine di volte messo in chiaro che non userà armi chimiche, ammesso che esistano, contro il proprio popolo, in nessuna circostanza, ed ha sottolineato il suo impegno per i propri obblighi giuridici in base agli accordi e protocolli firmati.

“Inoltre, il Ministero ha aggiunto che “la Siria ha presentata, alla fine del 2003, un Progetto di Risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per un Medio Oriente quale zona libera ed esente da armi nucleari, biologiche e chimiche (NBC)”.

Tuttavia, ha detto il Ministero siriano, gli USA ed i paesi che li appoggiano hanno ostacolato questo Progetto di Risoluzione e hanno impedito al Consiglio di Sicurezza di adottarlo.

La Siria non è stata sorpresa dalla mossa degli Stati Uniti, un paio di giorni fa, di sventare gli sforzi delle Nazioni Unite per poter indire una conferenza finalizzata a stabilire una zona libera da armi di distruzione di massa in Medio Oriente, la quale si sarebbe dovuta tenere entro la fine del 2012.

“Tutto questo ostruzionismo (a poter indire una conferenza finalizzata a stabilire una zona libera da armi di distruzione di massa in Medio Oriente) è stato fatto in difesa di Israele, l’unico protagonista nella regione a non aver firmato gli accordi contro le Armi di Distruzione di Massa (WMD)”, ha aggiunto il Ministero.

Il ministero ha concluso le sue lettere dicendo che “tale campagna non funziona con la Siria, la quale ha sempre rispettato la sua indipendenza e sovranità”, sottolineando che queste campagne mediatiche non possono trarre in inganno il popolo siriano e l’opinione pubblica internazionale, la quale ha iniziato a realizzare la realtà delle cospirazioni nate contro la Siria e le vere ragioni che si nascondono dietro il continuo spargimento di sangue siriano, cosa della quale i gruppi terroristici, e coloro che li sostengono, sono responsabili di fronte alla storia e alle nazioni.

*

About these ads