Tags

, , , , , ,

The American-Iran Cold War in the Middle East and the Threat of Broader War

Mahdi Darius Nazemroaya (Canada)  Strategic Culture Foundation  30.12.2011

A cold war has been ongoing between Tehran and Washington. U.S. spies, drones, assassinations, and accusations against Tehran have all been a part of this package. Washington and its minions have been using every means possible, including international organizations, like the United Nations as a battleground against Tehran in this cold war. The destabilization campaign being waged against Iran, Iraq, Syria, and Lebanon are also a critical front in this cold war…

The Obama Administration has used 2011 to unleash Washington’s so-called “Coalition of the Moderate” against the Resistance Bloc, which pins together all the countries and forces united by their opposition to U.S. and Israeli hegemony in the Middle East-North Africa (MENA) region. The two camps that are becoming more and more visible in the MENA region are falling along the lines of what Washington, Tel Aviv, and NATO planned on forming after the 2006 Israeli defeat in Lebanon as a means of tackling Iran and its allies. In 2007, the United States of America, represented by Secretary of State Condoleezza Rice and Defence Secretary Robert Gates, held a meeting in Cairo under the “GCC + 2” formula with the Gulf Cooperation Council – Saudi Arabia, Qatar, Bahrain, Kuwait, the U.A.E., Oman, and Qatar – plus Egypt and Jordan to form a strategic and all encompassing front against Iran, Syria, and their regional allies. This “Coalition of the Moderate” formed by Washington was a direct extension of NATO that also included Israel and Turkey as important and central participants.

The Balance of Power is being played out in Syria and Iraq

While Syria is being targeted for regime change as a means of re-orienting the balance of power in the Middle East, Iraq is also being destabilized as a means of catalyzing a sectarian civil war between Muslim Shia Arabs and Muslim Sunni Arabs. The bombings in both Iraq and Syria carry all the trademarks of Washington and its network of allies, as do the murder of civilians by Salvador-style death squads. For years Iraqi refugees have been reporting that U.S. and British forces were leading the death squads in Iraq and that they were the main perpetrators behind the explosions targeting civilians in Iraq. In regards to Syria, even the press in North America and Western Europe has been forced to admit that there are “mysterious death squads” killing Syrian civilians. One example is the National Post in Canada, which admitted on December 7, 2011 that unknown death squads were causing havoc in Syria by killing civilians.

The massive waves of explosions in Iraq targeting civilians are a means of not only destabilizing Iraq, but igniting sectarianism as the U.S. pulls out. It is no coincidence that the neighbourhoods in Baghdad and its galaxy cities were quickly turned into sectarian enclaves under U.S. administration. It is also worth noting that the current Vic-President of the United States, Joseph Biden, was the man that in 2006 authored a plan – or more correctly stamped his name on the plan – called the “Biden Plan” to divide or balkanize Iraq into three sectarian entities. It is in this context that the political tensions between Prime Minister Nouri Al-Malaki and Vice-President Tariq Al-Hashimi are being played out and utilized. If a genuine sectarian civil war occurs in Iraq it could galvanize the region along the lines of Sunnites and Shiites as Washington, Tel Aviv, NATO, and the Arab dictatorial families wish. Regional chaos is their goal. Such chaos and divisions would preoccupy and distract the peoples of the region with internal fighting and allow the U.S. and Israel to maintain advantageous positions while the petro-sheikhdoms rulers would be able to maintain their illegitimate hold on power.

Turkey’s Central Role in Syria and the Middle East Spy War

In Libya, while Qatar was designated as the main Arab country, Britain and France were the NATO members that were outsourced the handling of the war by Washington (at least publicly). In Syria, the campaign was outsourced to France, Germany, and Turkey by Washington, while Qatar and Saudi Arabia, with the Hashemite Kingdom of Jordan to follow in the future, were designated as the principle Arab players. Berlin was initially pushing for foreign intervention in the Syrian Arab Republic, but its role has seemed to have subsided as has the possibility of direct NATO military intervention in Syria. Focusing back on Turkey, Ankara is nonetheless the central player in besieging Syria and without Turkey’s participation the operations against Syria have a have slim chance of success.

From the end of November to the start of December, the Syrian Army begun to setup positions near the Syrian-Turkish borders, including the Hatay Province where Alexandretta (Iskenderun) is located. As Syrian troops positioned themselves near the Turkish border a little after mid-December, U.S. or NATO aircraft violated Syrian airspace. The aircraft entered Syria’s airspace via Incirlik Air Base from the nearby Adana Province of Turkey and dropped off electronic spy devices near the predominately Kurdish-inhabited vicinity of the town of Afrin in the Governate of Aleppo.

This is part of the broader electronic monitoring and spy war that has also gripped Lebanon and Iran. Recently in Lebanon large numbers of Israeli and U.S. spies were apprehended with direct ties to the U.S. Embassy in Beirut. In parallel, U.S. spies and spy networks have also been ensnared in Iran by the Iranian intelligence apparatus. This spy war is tied to the stepped up efforts by Washington to infiltrate Iran. With this view, Washington has also augmented its Iranian special interest office in the United Arab Emirates with a virtual embassy for Iran.

Playing the Turks; Ankara May Back Down in its Syrian Gambit 

Public in-fighting is not new to NATO states and in this respect Paris and Ankara have begun to squabble over the Armenian Genocide. For years Nicolas Sarkozy and legislators in Paris have talked about passing legislature that would outlaw the denial of the Armenian Genocide in the dying Ottoman Empire. This legislature was recently passed in France and has been widely analyzed as an elections stunt by Sarkozy to win Armenian support and votes in France. Nevertheless, it has to also be noted that Paris has also predicted that the situation in Iraq after the U.S. military evacuation could radically modify the stance of the Turkish government towards Syria. This is a key point.

If Iraq becomes an assertive single entity that aligns itself completely with Tehran and Damascus, then Turkey will be forced to change its position. Turkish trade could heavily be decelerated and a contour would be formed around Turkey going from Iran to Iraq to Syria that could cut Turkey’s land routes to the North Africa, Jordan, the Arabian Peninsula, Central Asia, Pakistan, India, and East Asia. Along with the Republic of Armenia, Tehran, Baghdad, and Damascus could form a wall around Turkey. The only open borders to Turkey would be Greece, Bulgaria, and Georgia. The latter of which, Georgia, could be cutoff too by the Russian Federation.

Hence, the course of events in Iraq will be pivotal to Turkish foreign policy and to the shape of the balance of power in the Middle East. It is in this context that creating internal tensions in Iraq is being used to keep Iraq from asserting itself as staunch Iranian and Syrian ally. Should the regime in Syria manage to holdout and should Iraq manage to maintain stability, Washington’s time in the Middle East will be over; followed by Israel’s capabilities to launch anymore wars.

Moreover, the Turks are slated for relatively short-term use. It is not in the interest of Washington or Israel to allow Turkey to become a major power. The U.S. and Israel have been working behind Ankara’s back to also weaken Turkey after it serves it purpose in their regional strategy. This is one of the reasons they have been supporting Kurdish separatist movements opposed to Turkey. Turkey itself is slated to erupt into internal fighting and divisions. Turkish involvement in Syria or a war with Syria involving the Turks will ultimately weaken Turkey itself and have disastrous side effects like the Saddam Hussein’s invasion of Iran did for Iraq. If a war does erupt between Ankara and Damascus, the war itself will be damaging to Turkish national unity and could leave to a civil war; such a war will also erupt in a conflict with Syria’s Iranian and Russian allies.

The Demonization of Iran in the International Commons

The international system that was setup after the Second World War is in increasing decline. The United Nations and other international bodies have become the scenes of struggles between two emerging global camps – on the one hand is the U.S. and what has become, since the end of the Cold War, the expanded Western Bloc and on the other hand are all those countries that are independent of Washington or that resist U.S. hegemony. These two camps are increasingly becoming visible on the basis of their positions in the international arena and how they vote in global forums. For example, albeit there were key abstentions, at the U.N. Human Rights Council in Geneva there were two diametrically opposed positions on Syria that saw countries like Ecuador, Cuba, Russia, and China siding with Syria against the U.S., Saudi Arabia, Qatar, and Poland.

Much earlier, the International Atomic Energy Association (I.A.E.A.) in the same context of a battle ground also released a grossly manipulated report. The report took information from the intelligence services of the U.S. and its allies and old information that was discarded earlier for being false by the I.A.E.A. and reinvented the very same information as “potentially” meaning that the Iranian nuclear energy program had military applications. Director-General Yukiya Amano, a former Japanese diplomat, even violated the regulations of the I.A.E.A. in composing the report and its clandestine release to a few I.A.E.A. members. Amano’s report also knowingly released a list of Iranian scientists working on the nuclear energy program knowing that it would place their lives in danger with assassinations attempts.

Washington with the collaboration of the Al-Sauds also tried to rally international support in October 2011 by claiming that Iran wanted to assassinate the Saudi envoy to Washington. After changing the outlandish narrative of the Iranian assassination attempt several times, the issue was brought to a vote at the U.N. General Assembly by Saudi Arabia and the U.S. in mid-November. One hundred and six countries voted in favour of the resolution calling for Iranian cooperation and condemning the plot. Forty countries abstained and nine voted against the resolution. The U.S. also took the opportunity to renew sanctions against Iran and present as a threat to world peace.

A month later, a cyber warfare unit of the Iranian Armed Forces overrode U.S. controls over a Lockheed Martin RQ-170 Sentinel spy drone. It was a reenactment of the 1960 U-2 spy plane incident with the Soviet Union. The Pentagon originally denied that the U.S. had violated Iranian airspace or that a drone was captured and gave several conflicting stories, but was faced to admit the truth once the Iranians unveiled the U.S. spy drone in perfect condition under Iranian custody. In the process of taking over the controls of the spy drone when it violated Iranian airspace, U.S. satellites and command and control facilities were electronically manipulated by the Iranian military. In the same month a U.S. court in New York declared that Iran and Lebanon’s Hezbollah aided Al-Qaeda in the terrorist attacks on September 11, 2001 (9/11) and found Iran liable for a hundred billion dollars worth of damages.

The American-Iranian Cold War could lead to a Global Hot War

Now, close to the end of 2011, General Martin Dempsey, the U.S. Chairman of Joint Chiefs of Staff, has said several times that the U.S. Armed Forces are prepared to attack Iran. The Iranians have dismissed the ability of the U.S. to wage a war, but have not ruled out U.S. or Israeli attempts to launch strikes. It is in this context that Iranian naval forces have conducted naval drills in around the Straits of Hormuz and in the waters of the Persia Gulf, Gulf of Oman, and the Arabian Sea.

The term cold war can be very misleading, because many hot events can take place in the context of such rivalries, as is the case of the events in Lebanon, Syria, and Iraq in regard to the cold war between Washington and Tehran. The actual Cold War between the Soviet Union and the United States was actually played out via many hot wars in different parts of the world like Angola, Vietnam, and the Korean Peninsula. With this consideration in mind, the cold war in the Middle East between Tehran and Washington could erupt into a real and dangerous hot war with global ramifications.

On December 14, 2011, Nezavisimaya Gazeta reported that Russia is paying special attention to its military infrastructure in Armenia, which has greater geo-political importance now in regards to Russian involvement in the Middle East in the case of a U.S. or NATO war. On November 28, 2011 it was declared that Dmitry Rogozin, Mowcows’s envoy to NATO and now one of Russia’s deputy prime ministers (vice-prime ministers), would visit both Beijing and Tehran in mid-January 2012 to discuss collectively countering Washington’s missile shield project. This was after Rogozin speaking in late-September 2011 to the Rossiya-24 Television Network denied Iranian media reports that Moscow, Tehran, and Beijing were planning on jointly spearheading a response to Washington’s global missile project.

In the scenario of a U.S. war with Iran, the frozen conflicts in the Caucasus between Abkhazia, South Ossetia, Georgia, Nagorno-Karabakh, Armenia, and the Republic of Azerbaijan would also all be ignited. The Armenians, which are the allies of both Moscow and Tehran, have also made it clear that Yerevan would be forced to pick sides. From Central Asia and the Caucasus to Pakistan and the Middle East there would be major upheavals.

Neither Russia nor China will be unable to stand idly in the case a war is launched against Iran. In one way or another, if Russia enters a war against the U.S. and NATO then countries like Belarus, Ukraine, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Tajikistan, and Moldova would all be dragged into the conflict as it broadens. The Collective Security Treaty Organization (CSTO) and Shanghai Cooperation Organization (S.C.O.) would be collectively involved. Rear-Admiral Zhang Zhaozhong, a Chinese military official and a director at the National Defence University of the People’s Republic of China has also acknowledged this and stated that China would not hesitate in entering a war against the United States should Washington attack Iran. Rear-Admiral Zhang has also addressed the importance of Pakistan as a bridge to Iran for Beijing during a possible war and the instability in Pakistan should also be examined in the context of its value to China. It is in this respect that the cold war in the Middle East has the dangerous potential of igniting into a broader war involving the core of Eurasia that would envelop the globe in disaster.

Font: Strategic-culture.org

Republishing is welcomed with reference to Strategic Culture Foundation on-line journal www.strategic-culture.org.

La guerra fredda USA-Iran in Medio Oriente e la minaccia di una grande guerra

Mahdi Darius Nazemroaya (Canada)  Strategic Culture Foundation  30.12.2011

Una guerra fredda è in corso tra Teheran e Washington. Spie, droni, assassini e accuse degli Stati Uniti contro Teheran, fanno tutti parte di questo pacchetto. Washington e i suoi scagnozzi hanno usato ogni mezzo, comprese le organizzazioni internazionali, come le Nazioni Unite, come campo di battaglia contro Teheran in questa guerra fredda. La campagna di destabilizzazione condotta contro Iran, Iraq, Siria e Libano sono anche un fronte critico in questa guerra fredda …
L’amministrazione Obama nel 2011 ha scatenato la “Coalizione dei cosiddetti Moderati” di Washington contro il Blocco della Resistenza, che hanno  spinto tutti questi paesi e forze ha unirsi nella loro opposizione all’egemonia degli Stati Uniti e d’Israele nella regione del Medio Oriente – Nord Africa (MENA).  I due campi che stanno diventando sempre più visibili nella regione MENA stanno cadendo sulla falsariga di quello che Washington, Tel Aviv e la NATO prevedevano di formare dopo la sconfitta nel 2006 d’Israele in Libano, come mezzo per affrontare l’Iran e i suoi alleati. Nel 2007, gli Stati Uniti d’America, rappresentati dalla Segretaria di Stato Condoleezza Rice e dal Segretario alla Difesa Robert Gates, tennero un incontro al Cairo con il “GCC + 2“, la formula del Gulf Cooperation Council – Arabia Saudita, Qatar, Bahrain, Kuwait,  Emirati Arabi Uniti, Oman e Qatar – più Egitto e Giordania, per formare un fronte strategico che li comprendesse tutti, contro l’Iran, la Siria e i loro alleati regionali. Questa “Coalizione dei Moderati” formata da Washington, è una diretta estensione della NATO che comprende anche Israele e Turchia con ruoli importanti e centrali.

L’equilibrio del potere si gioca in Siria e in Iraq
Mentre la Siria è nel mirino per un cambio di regime, quale strumento per ri-orientare l’equilibrio di potere in Medio Oriente, l’Iraq viene anch’esso destabilizzato per poter catalizzare una guerra civile tra arabi musulmani sciiti e musulmani sunniti. Gli attentati in Iraq e la Siria portano tutti il marchio di Washington e della sua rete di alleati, così come l’uccisione di civili in stile squadroni della morte del Salvador. Per anni i rifugiati iracheni hanno segnalato che le forze statunitensi e britanniche erano alla testa degli squadroni della morte in Iraq, e che erano i principali responsabili delle esplosioni che prendevano di mira i civili in Iraq. Per quanto riguarda la Siria, anche la stampa in Nord America ed Europa Occidentale è stata costretta ad ammettere che ci sono “misteriosi squadroni della morte” che uccidono i civili siriani. Un esempio è il National Post del Canada, che ha ammesso il 7 dicembre 2011, che squadroni della morte sconosciuti hanno causato il caos in Siria, uccidendo civili.
Le massicce ondate di esplosioni in Iraq mirate contro i civili, sono un mezzo non solo per destabilizzare l’Iraq, ma per accendere il settarismo mentre gli Stati Uniti si ritirano. Non è un caso che i quartieri di Baghdad e le sue città galassia, sono stati rapidamente trasformati in enclave confessionali sotto l’amministrazione degli Stati Uniti. E’ anche interessante notare che l’attuale Vice-Presidente degli Stati Uniti, Joseph Biden, era l’uomo che nel 2006 aveva steso un piano – o più correttamente aveva impresso il suo nome al piano – chiamato “Piano Biden” per dividere o balcanizzare l’Iraq in tre entità confessionale. E’ in questo contesto che le tensioni politiche tra il primo ministro Nouri al-Maliki e il vice-presidente Tariq al-Hashimi vengono giocate e utilizzate.  Se una vera e propria guerra civile esplodesse in Iraq, potrebbe galvanizzare la regione lungo le linee tra sunniti e sciiti, come desiderano Washington, Tel Aviv, la NATO, e le famiglie arabe dittatoriali. Il caos regionale è il loro obiettivo. Tali caos e divisioni preoccuperebbero e distrarrebbero i popoli della regione, con lotte intestine, permettendo a Stati Uniti e Israele di mantenere posizioni di vantaggio, mentre i sovrani dei petro-sceiccati sarebbero in grado di mantenere la loro illegittima presa sul potere.

Il ruolo centrale della Turchia in Siria e nella Guerra di spie in Medio Oriente
In Libia, mentre il Qatar è stato designato quale principale paese arabo, Gran Bretagna e Francia sono membri della NATO, che hanno preso in outsourcing la gestione della guerra per conto di Washington (almeno pubblicamente). In Siria, la campagna è stata esternalizzata da Washington a Francia, Germania, Turchia, mentre Qatar e Arabia Saudita, con il Regno hascemita di Giordania che seguirà in futuro, sono stati designati come i principali interlocutori arabi. Berlino stava inizialmente spingendo per l’intervento straniero nella Repubblica araba siriana, ma il suo ruolo è sembrato essersi affievolito, come la possibilità di un diretto intervento militare della NATO in Siria. Concentrandoci sulla Turchia, Ankara è comunque il giocatore centrale nell’assedio alla Siria, e senza la partecipazione della Turchia, le operazioni contro la Siria non avrebbero chance di avere successo.
Dalla fine di novembre all’inizio di dicembre, l’esercito siriano ha iniziato a posizionarsi in prossimità del confine turco-siriano, tra cui la Provincia di Hatay, dove si trova Alessandretta (Iskenderun). Mentre le truppe siriane si sono posizionate vicino al confine turco poco dopo metà dicembre, aerei USA o NATO hanno violato lo spazio aereo siriano. Gli aerei sono entrati nello spazio aereo della Siria dalla Incirlik Air Base della vicina Provincia di Adana in Turchia, ed hanno sganciato dispositivi elettronici di spionaggio nei pressi della zona prevalentemente curda della città di Afrin, nel Governatorato di Aleppo.
Questo fa parte del più ampio monitoraggio elettronico e di guerra spionistica che ha anche coinvolto il Libano e l’Iran. Recentemente in Libano, è stato fermato un gran numero di spie israeliane e statunitensi aventi legami diretti con l’ambasciata statunitense a Beirut. In parallelo, le spie e le reti di spionaggio degli Stati Uniti sono stati intrappolati in Iran dall’apparato di intelligence iraniano. Questa guerra di spia è legata all’intensificato sforzo di Washington per infiltrarsi in Iran. Con questa visione, Washington ha anche aumentato il proprio ufficio di interesse iraniano negli Emirati Arabi Uniti, con l’ambasciata virtuale in Iran.

Giocando i turchi; Ankara potrebbe inciampare nel trabocchetto siriano
Gli scontri pubblici non sono nuovi negli stati della NATO, e in questo senso Parigi e Ankara hanno cominciato a litigare sul Genocidio Armeno. Per anni Nicolas Sarkozy e i legislatori di Parigi hanno parlato del passaggio legislativo che bandisce la negazione del genocidio armeno nel morente Impero Ottomano. Questa legislatura è stata recentemente approvata in Francia ed è stata ampiamente analizzata come una trovata elettorale di Sarkozy per conquistare il sostegno degli armeni e del voto in Francia. Tuttavia, si deve anche notare che Parigi ha inoltre previsto che, la situazione in Iraq dopo l’evacuazione militare statunitense, potrebbe modificare radicalmente l’atteggiamento del governo turco verso la Siria. Questo è un punto chiave.
Se l’Iraq diventasse una singola entità assertiva che si allinea completamente con Teheran e Damasco, allora la Turchia sarà costretta a cambiare la sua posizione. Il commercio turco potrebbe essere fortemente rallentato e un ambiente prossimo alla Turchia si formerebbe, dall’Iran all’Iraq e alla Siria, che potrebbero escludere la Turchia dall’Africa del nord, dalla Giordania, dalla penisola arabica, e dall’Asia Centrale, il Pakistan, l’India e l’Asia orientale. Insieme con la Repubblica di Armenia, Teheran, Baghdad e Damasco potrebbe formare un muro intorno la Turchia. I confini aperti per la Turchia sarebbero solo Grecia, Bulgaria e Georgia. L’ultima delle quali, la Georgia, potrebbe essere anch’essa esclusa dalla Federazione russa.
Quindi, il corso degli eventi in Iraq sarà fondamentale per la politica estera turca e per formare i rapporti di forza in Medio Oriente. E’ in questo contesto che si creano tensioni interne in Iraq, usate per impedire all’Iraq di affermarsi come fedele alleato dell’Iran e della Siria. Se il regime in Siria riesce a mantenere il controllo e l’Iraq riuscisse a mantenere la stabilità, per Washington in Medio Oriente sarebbe finita, seguita dalla capacità di Israele di lanciare altre guerre.
Inoltre, i programmi turchi hanno una relativamente breve durata. Non è nell’interesse di Washington o di Israele consentire alla Turchia di diventare una grande potenza. Gli Stati Uniti e Israele hanno lavorato alle spalle di Ankara per indebolirla, dopo che è servita per lo scopo della loro strategia regionale. Questa è una delle ragioni per cui hanno sostenuto i movimenti separatisti curdi contro la Turchia. La Turchia stessa dovrebbe infilarsi in lotte e divisioni intestine. Il coinvolgimento turco in Siria o una guerra con la Siria che coinvolgesse i turchi, alla fine indebolirebbe la Turchia stessa con effetti collaterali disastrosi, come l’invasione dell’Iran da parte  di Saddam Hussein ha avuto per l’Iraq. Se scoppiasse una guerra tra Ankara e Damasco, la guerra sarà dannosa per l’unità nazionale turca e potrebbe scatenare una guerra civile, una guerra del genere farebbe anche esplodere un conflitto con gli alleati iraniani e russi della Siria.

La demonizzazione dell’Iran nella comunità internazionale
Il sistema internazionale che è stato installato dopo la seconda guerra mondiale, è in crescente declino. Le Nazioni Unite e altri organismi internazionali sono diventati scene di lotta tra due campi emergenti a livello mondiale – da un lato gli Stati Uniti e quello che è diventato, a partire dalla fine della Guerra Fredda, il Blocco occidentale ampliato, e d’altra parte tutti quei paesi che sono indipendenti da Washington o che si oppongono all’egemonia degli Stati Uniti. Questi due campi sono sempre più visibili, sulla base delle loro posizioni nell’ambito internazionale e di come votano nei forum globali. Per esempio, anche se ci sono stati astenuti chiave, al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite di Ginevra c’erano due posizioni diametralmente opposte sulla Siria, che ha visto paesi come Ecuador, Cuba, Russia e Cina schierarsi con la Siria, contro Stati Uniti, Arabia Saudita, Qatar e Polonia.
Molto prima, l’Associazione Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) nello stesso contesto del campo di battaglia, ha anche pubblicato un rapporto manipolato grossolanamente. Il rapporto traeva informazioni dai servizi segreti degli Stati Uniti e dei suoi alleati, e vecchie informazioni che sono state scartate in precedenza, essendo false, dall’AIEA, e reinventato la stessa informazione nel senso che il programma nucleare iraniano aveva applicazioni “potenzialmente” militari. Il direttore generale Yukiya Amano, un ex diplomatico giapponese, ha anche violato i regolamenti dell’AIEA nel comporre la relazione e la sua pubblicazione clandestina presso alcuni membri dell’AIEA. Il rapporto di Amano ha anche consapevolmente rilasciato una lista di scienziati iraniani che lavorano sul programma dell’energia nucleare, sapendo che avrebbe posto le loro vite in pericolo, con tentativi di omicidi.
Washington, con la collaborazione degli al-Saud, ha anche cercato di raccogliere il sostegno internazionale nell’ottobre 2011, sostenendo che l’Iran voleva assassinare l’ambasciatore saudita a Washington. Dopo aver cambiato  più volte lo stravagante racconto del tentativo di assassinio iraniano, il problema è stato sottoposto al voto in occasione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dall’Arabia Saudita e dagli Stati Uniti, a metà novembre. Centosei paesi hanno votato a favore della risoluzione che chiede la cooperazione iraniana e condanna il complotto. Quaranta paesi si sono astenuti e nove hanno votato contro la risoluzione. Gli Stati Uniti hanno anche colto l’occasione per rinnovare le sanzioni contro l’Iran e presentarlo come una minaccia alla pace mondiale.
Un mese dopo, una unità di guerra informatica delle Forze Armate iraniane sottraeva al controllo degli Stati Uniti un drone spia Lockheed Martin RQ-170 Sentinel. E’ stata una rappresentazione dell’incidente dell’aereo  spia U-2, del 1960, con l’Unione Sovietica. Il Pentagono inizialmente ha negato che gli Stati Uniti avessero violato lo spazio aereo iraniano o che un drone fosse stato catturato, e hanno inventato parecchie storie contrastanti, ma si hanno dovuto ammettere la verità una volta che gli iraniani hanno svelato il drone spia statunitense in perfette condizioni e sotto la custodia iraniana. Nel processo di sottrazione dei controlli del drone spia, quando ha violato lo spazio aereo iraniano, i satelliti, il comando e le strutture di controllo degli Stati Uniti sono stati manipolati elettronicamente dai militari iraniani. Nello stesso mese, un tribunale statunitense di New York dichiarava che l’Iran ed Hezbollah del Libano aiutarono al-Qaida negli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 (9/11), ed ha trovato che l’Iran sia responsabile di cento miliardi di dollari di danni.

La guerra fredda statunitense-iraniana potrebbe portare ad una guerra globale calda
Ora, vicino alla fine del 2011, il generale Martin Dempsey, Presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, ha detto più volte che le Forze Armate degli Stati Uniti sono pronte ad attaccare l’Iran. Gli iraniani hanno respinto che gli Stati Uniti abbiano la capacità per intraprendere una guerra, ma non hanno escluso che Stati Uniti o Israele tentino di lanciare degli attacchi. E’ in questo contesto che le forze navali iraniane hanno condotto esercitazioni navali presso lo stretto di Hormuz e nelle acque del Golfo di Persia, Golfo di Oman e Mare Arabico.
Il termine guerra fredda può essere molto fuorviante, perché molti eventi caldi possono accadere nel contesto di tale rivalità, come è il caso degli eventi in Libano, Siria e Iraq per quanto riguarda la guerra fredda tra Washington e Teheran. La vera Guerra Fredda tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti era in realtà giocata attraverso molte guerre calde in diverse parti del mondo, come l’Angola, il Vietnam e la penisola coreana. Con questa considerazione in mente, la guerra fredda in Medio Oriente tra Teheran e Washington potrebbe sfociare in una vera e pericolosa guerra calda con ramificazioni globali.
Il 14 dicembre 2011, Nezavisimaja Gazeta ha riferito che la Russia sta prestando particolare attenzione alla sua infrastruttura militare in Armenia, che ha una maggiore importanza geo-politico ora, rispetto a un il coinvolgimento russo in Medio Oriente, nel caso di una guerra degli Stati Uniti o della NATO. Il 28 novembre 2011, è stato dichiarato che Dmitrij Rogozin, inviato di Mosca nella NATO, e ora uno dei viceministri del premier di Russia (vice-primo ministro), avrebbe visitato Pechino e Teheran a metà gennaio 2012, per discutere collettivamente come contrastare il progetto dello scudo antimissile di Washington. Questo è accaduto dopo che Rogozin ha parlato alle fine di settembre 2011, alla rete televisiva Rossija-24,  negando notizie stampa  iraniane secondo cui Mosca, Teheran e Pechino hanno in programma di collaborare per rispondere congiuntamente al progetto missilistico globale di Washington.
Nello scenario di una guerra degli Stati Uniti con l’Iran, i conflitti congelati nel Caucaso tra Abkhazia, Ossezia del Sud, Georgia, Nagorno-Karabakh, Armenia e Repubblica di Azerbaigian dovrebbero anch’essi accendersi tutti. Gli armeni, che sono  alleati di Mosca e Teheran, hanno anche chiarito che Erevan sarebbe costretta a prendervi parte. Dall’Asia centrale e dal Caucaso al Pakistan e al Medio Oriente vi sarebbero grandi sconvolgimenti.
Né la Russia né la Cina rimarranno a guardare, nel caso sia lanciata una guerra contro l’Iran. In un modo o nell’altro, se la Russia entra in guerra contro gli Stati Uniti e la NATO, poi paesi come Bielorussia, Ucraina, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Moldavia sarebbero tutti trascinati  i un sempre più ampio conflitto. La Collective Security Treaty Organization (CSTO) e la Shanghai Cooperation Organization (SCO) sarebbero collettivamente coinvolte. Il Contrammiraglio Zhang Zhaozhong, ufficiale cinese e direttore della National Defense University della Repubblica popolare cinese, ha anch’egli riconosciuto questo e ha dichiarato che la Cina non esiterebbe ad entrare in  guerra contro gli Stati Uniti, se Washington attaccasse l’Iran. Il Contrammiraglio Zhang ha anche indicato l’importanza del Pakistan come ponte verso l’Iran per Pechino, nel corso di una possibile guerra e l’instabilità del Pakistan dovrebbe essere esaminata nel contesto del suo valore per la Cina. Ed è a questo proposito che la guerra fredda in Medio Oriente ha il pericolo potenziale di scatenare una grande guerra che coinvolgerebbe il cuore dell’Eurasia e avvolgendo il globo in un disastro.

È gradita la ripubblicazione con riferimento alla Fondazione per la Cultura Strategica rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora