Tags

, , , , , , ,

  • Il Ministero dell’Interno Siriano ha fatto sapere, in un comunicato diffuso ieri, che le autorità competenti sono state impegnate negli ultimi tre giorni in un’importante operazione nelle zone di Duma, Harasta, Saqba, Hammourieh e Kfar Batna, nei pressi di Damasco, durante la quale è stata data la caccia ai membri dei gruppi terroristici armati che hanno commesso i peggiori crimini di omicidio e rapimento contro i cittadini, piazzando inoltre mine e facendole esplodere lungo le vie pubbliche, terrorizzando le persone, soprattutto bambini e donne, e assaltando le proprietà pubbliche e private e le infrastrutture, come la rete elettrica e di comunicazione.
  • Il Ministero ha inoltre aggiunto che, in seguito allo scontro con tali gruppi, forniti dei più recenti modelli di armi, comprese quelle americane e israeliane, le autorità sono riuscite ad eliminare molti dei terroristi mentre altri sono stati arrestati. Sono stati inoltre scoperti dei nascondigli segreti e seminterrati utilizzati dai gruppi armati per fabbricare ordigni omicidi e terroristi e tenere prigionieri i civili rapiti, oltre a fungere da nascondiglio per grandi quantità di armi ed esplosivi. L’azione è ancora in corso per trovare gli altri appartenenti a questi gruppi.
  • Il Ministero ha affermato che tale operazione rientra fra i doveri dello Stato di imporre l’ordine ed eliminare il caos che questi gruppi hanno diffuso nella regione, soprattutto in seguito ai ripetuti appelli arrivati da cittadini, artigiani, imprenditori e proprietari di fabbriche della periferia orientale di al Ghoutta, che hanno chiesto l’immediato intervento delle forze dell’ordine per ripristinare sicurezza e tranquillità.
  • Un gruppo terroristico armato ha compiuto, all’alba di ieri, un’operazione di sabotaggio contro un gasdotto fra Homs e Banyas, nei pressi del paese di al-Rabieh, in provincia di Tal Kalakh. La linea è stata fatta esplodere con un ordigno, che ha causato la fuoriuscita di 460 mila metri cubi di gas.
  • Una fonte del Ministero del petrolio ha fatto sapere che non ci sono stati feriti, ma che l’esplosione ha causato il blocco del pompaggio e che sono state prese tutte le misure necessarie per ripristinare la funzionalità della linea entro una settimana.
  • Già sabato scorso un altro gruppo terroristico aveva preso di mira un oleodotto in provincia di Deir Ezzor, facendo esplodere un ordigno che ha causato un incendio e la perdita di circa 2000 barili di petrolio.

ENGLISH:

The Syrian Interior Ministry has said in a statement released yesterday, that the competent authorities have been engaged over the past three days in a major operation in the areas of Duma, Harasta, Saqba, Hammourieh and Kfar Batna, near Damascus , during which hunting has been given to members of armed terrorist groups who have committed the worst crimes of murder and kidnapping against the citizens, also placing mines and exploding along the public streets, terrorizing people, especially children and women, and assaulting the public and private property and infrastructure, like electricity and communication.

    The Ministry also added that, following the confrontation with these groups, provided the latest models of weapons, including U.S. and Israeli MODELS, authorities have managed to eliminate many of the terrorists while others were arrested. Have also discovered the secret hiding places and basements used by armed groups and terrorists to fabricate bombs for killing civilians, abducting and hold prisoners, as well as serve as a hiding place for large amounts of weapons and explosives. The action is still ongoing to find other members of these groups.

    The Ministry said that this operation falls within the duties of the State to impose order and eliminate the chaos that these groups have spread in the region, especially after repeated calls to come from citizens, artisans, entrepreneurs and owners of factories in the eastern suburbs al Ghoutta, which called for the immediate intervention of the police to restore security and peace of mind.

    An armed terrorist group has made, at dawn yesterday, an operation of sabotage against a gas pipeline between Homs and Banyas, near the village of al-Rabieh, near Tal Kalakh. The line has been exploded by a bomb that caused the spill of 460 cubic meters of gas.

    A source of the Oil Ministry said that no one was injured, but the explosion caused the crash of pumping, and that were taken all necessary measures to restore the functionality of the line within a week.

    Already last Saturday another terrorist group had targeted an oil pipeline in the province of Deir Ezzor, exploding a bomb that caused fire and the loss of approximately 2000 barrels of oil.

*

Syria – Peaceful Protesters killed a Policemen in Aleppo

*

Hama, the effects of terrorist gangs in the Hamediyeh Neighbourhood

*

Rami Abdel Rahman is an alias name, his Real Name is Osama Ali Suleiman

*

*

Advertisements