Tags

, , , , , , , , , , ,

*

International petty-bourgeois “left” backs imperialist war in Syria

A series of petty-bourgeois “left” parties and personalities from Spain, Tunisia, Latin America, and beyond recently issued a Spanish-language manifesto on Syria on the web site Rebelion, titled “To the People of Syria who are Fighting Tyranny”.

These signatories include leading members the Anti-capitalist Left (IA) in Spain, the Worker Communist Party of Tunisia (PCOT), Brazil’s Socialism and Freedom Party (PSOL), Argentina’s Socialist Left (IS), and similar forces in Mexico, Chile, Turkey, and other countries. (See http://www.rebelion.org/noticia.php?id=143778 for the full list of signatories.)-(OR CLICK HERE TO DOWNLOAD THE PDF).

The statement exposes the organizations and individuals issuing this statement as tools of imperialism. Their statement gives total support to US-backed “opposition” groups now involved in an armed civil war and destabilization campaign in Syria, which it tries to treat as representing the entire Syrian people—even though it is well known that large sections of the Syrian population are hostile to the US-backed insurgency. Their goal is to give a “left” cover to plans by the US, the European powers, and the Arab League regimes for military intervention to topple Syrian President Bashar al-Assad.

The statement begins, “Ten months ago, you, the people of Syria, rose up against the brutal dictatorship led by Bashar Al-Assad, resulting in countless martyrs, prisoners and refugees. We want you to know that we are by your side … We are also aware that the rich, powerful nations have ignored you by turning a blind eye while the killings by the regime continue, but keep in mind that there are many of us all over the world who are with you and reject the policy of collaboration that those imperial powers and their governments provide to the Bashar regime.”

This version of events stands reality on its head. The imperialist powers and their Arab proxies are not supporting the Assad regime; they have reportedly brought resolutions denouncing Assad and pressing for foreign intervention in Syria at the United Nations and the Arab League. They are widely reported to be providing arms and training to Syrian armed “opposition” groups, who are carrying out attacks and bombings against the Syrian government.

Turkey has provided a base near the border for training Syrian insurgents and is discussing with its NATO allies the possibility of imposing a no-fly zone over Syrian territory. The Western media has widely reported that Turkey and France are providing arms and aid to these forces, resulting in more bloodshed and stoking up a civil war (See: “France’s New Anti-Capitalist Party backs imperialist intervention in Syria”).

They are using the same strategy as in last year’s NATO war against Libya. There the overthrow of Gaddafi by NATO was accomplished with the help of Libyan proxy forces on the ground, the National Transitional Council of Libya, dominated by Islamist fighters and funded and armed by US regional allies. The NATO war cost at least 80,000 casualties, by the NTC’s own estimates.

The Syrian version of the NTC is the Syrian National Council (SNC) and the Free Syrian Army, which are backed by Turkey, Qatar and Saudi Arabia, and supported by the London-based Syrian Observatory for Human Rights.

The statement’s initial remark only begs the question: if the signatories of the manifesto are criticizing the imperialist powers for not acting aggressively enough against Assad, what more do they want? What else can they be advocating except an open and direct military intervention by the US and its allies to support its Syrian proxies, along the lines of the war in Libya?

The signatories of this manifesto are aware of the consequences of imperialist intervention. Indeed, many of them openly embraced imperialist intervention in Libya, sometimes making cynical and ineffectual attempts to present NATO’s overthrow and murder of Gaddafi in Libya as a defeat for imperialism.

In a press statement last August, Liliana Olivero (deputy for Córdoba), Angélica Lagunas, Jose Castillo and Juan Carlos Giordano of Izquierda Socialista (Socialist Left) in Argentina stated that “the imminent fall of the dictatorship of Gaddafi is a victory for the Libyan people … it is not a triumph of NATO as attributed by itself by Obama and European imperialism. They only made limited bombings to try to prevent a victory by the militia and seek a negotiated solution that would allow them to defend their oil business.”

Exactly one year ago, Esther Vivas and Josep Maria Antentas of Spain’s IA openly advocated “the political and economic international isolation of the [Libyan] regime, and the unconditional supply of weapons to the rebels.”

Pedro Fuentes, the secretary of foreign relations of PSOL, declared last May in the Mexican daily La Jornada: “What the rebels want and need are weapons and humanitarian aid … The supposed neutrality of the Brazilian government ends up being a totally ambiguous and hypocritical policy of laissez-faire for Gaddafi and the imperialist countries. The only correct alternative would be to recognize the rebel government as a belligerent force and support them in every way possible and responding positively to what they ask. Meanwhile, the position socialists and anti-imperialists have to defend is, while recognizing and denouncing the goals of imperialist intervention, is by all means continue to support the overthrow Gaddafi.”

That is to say, that pro-imperialist politicians like Fuentes had to support NATO’s campaign to conquer Libya, while issuing empty criticisms of imperialism in order to deceitfully hide their role as unabashed defenders of imperialist war.

These scoundrels are repeating the same arguments now with Syria, even though the reactionary consequences of imperialist intervention in Libya are clear for all to see. The war led to whole cities being bombed to the ground, tens of thousands of casualties, racist pogroms against dark skinned people, and large-scale use of torture; Western oil companies now control Libyan oil fields and an Islamist proxy regime rules Libya.

The manifesto goes on to attack a “sector of the anti-imperialist left,” whom it accuses of “turning its back on the revolution against the dictatorship of Bashar.” This is nothing more than a preemptive strike against anyone who criticizes the imperialist intervention, by branding them as a defender of Assad.

The manifesto goes on to cynically cite the Assad regime’s reactionary role in repressing the “Palestinians in the refugee camp massacres of Tal Zaatar in 1976” and cooperating “with Israel in securing its borders.” That is, it is citing the Syrian bourgeoisie’s dealings with imperialism and Zionism to suppress the Palestinian people, in order to stimulate hostility to the Assad regime, now that Assad himself is the target of the imperialists.

This remark is deeply misleading and reactionary. Its aim is not to oppose imperialist and Zionist oppression of the Palestinians, but to support imperialist war against Assad.

The manifesto continues: “Western powers only stand to gain in this situation and nothing good will come out of the American Empire and Western governments … do not trust them, the only thing they want is to rob the wealth taking it from the workers, the peoples of America, Africa and Asia, in the same way they did with their bombings in Iraq and in Libya and how they are doing now in Egypt, supporting the criminal military junta.”

The logical question to then ask is: if the signatories of the manifesto don’t trust the imperialists, why did they support the Libyan NTC, and why are they now supporting the imperialist-backed SFA to defeat Assad? Why are they treating the SNC as the legitimate representatives of the Syrian working class, instead of warning the Syrian workers of the role of the SFA and demanding a struggle of the working class against both the pro-imperialist forces and Assad?

The manifesto does not and cannot address this question, because it leads to only one conclusion: the manifesto’s authors are pro-imperialist forces, whose “left” verbiage is only a political fig leaf to hide their right-wing politics.

The WSWS insists that Assad must be overthrown, but this task belongs only to the Syrian working class as part of a struggle of the entire Arab and international working class, directed first and foremost against imperialism. In that struggle, the working class will find that the signatories of the manifesto published in Rebelion are its bitter enemies.

Font: By Alejandro López – 13 February 2012 – WSWS.org

The Editor of SyrianFreePress does not endorse all/any consideration expressed in this article, and dissociates especially where it is stated that Bashar al-Assad should be “overthrown” by “Arab and international working class.” These fanciful claims lie only in the minds of the authors of this text, which although containing some analyzes and reports can be shared, especially with respect to the eternal and genetic contradictions within the supporters of the ideology zionleftist-liberal-marxist, does not take into account the fact that Syrian workers and the working classes in general have proven to be until now in widely solidarity with the President. Our Editorial therefore reaffirms its full solidarity to the Syrian government in office, led by President Bashar al-Assad, to which we wish long life.

*

NO COMMENTS

LEFTISTS & RATS

*

La “sinistra” internazionale piccolo-borghese supporta la guerra imperialista alla Siria

Una serie di partiti e personalità della “sinistra” piccolo-borghese di Spagna, Tunisia, America Latina e altrove, ha recentemente pubblicato un manifesto in lingua castigliana sulla Siria sul sito Rebelion, dal titolo “Al popolo della Siria che si batte contro la Tirannia“.

I firmatari sono esponenti della Sinistra anticapitalista (IA) in Spagna, del Partito Operaio Comunista della Tunisia (PCOT), del Parito della Libertà e del Socialismo del Brasile (PSOL), Sinistra socialista argentina (IS) e di forze simili di Messico, Cile, Turchia e altri paesi. (Vedi Rebelion per l’elenco completo dei firmatari)-(OPPURE QUI IL PDF DA SCARICARE).

La dichiarazione presenta le organizzazioni e gli individui che appoggiano tale dichiarazione come strumenti dell’imperialismo. La loro dichiarazione dà sostegno totale all’”opposizione” dei gruppi supportati dagli USA e impegnati in una guerra civile e in una campagna armata di destabilizzazione della Siria, e che si tenta di rappresentare come l’intero popolo della Siria, anche se è noto che ampi settori della popolazione della Siria sia ostile alla rivolta filo-USA. Il loro obiettivo è dare una copertura “da sinistra” al piano degli Stati Uniti, delle potenze europee e dei regimi della Lega Araba per un intervento militare per rovesciare il presidente siriano Bashar al-Assad.

La dichiarazione inizia, “Dieci mesi fa, voi, popolo della Siria, siete insorti contro la dittatura brutale di Bashar al-Assad, con conseguenti innumerevoli martiri, prigionieri e rifugiati. Vogliamo farvi sapere che siamo al vostro fianco … Siamo anche consapevoli del fatto che le nazioni ricche e potenti vi ignorano chiudendo un occhio, mentre le uccisioni da parte del regime continuano, ma tenete presente che ci sono molti di noi, in tutto il mondo, che sono con voi e respingono la politica di collaborazione che tali potenze imperialiste e i loro governi  forniscono al regime di Bashar.”

Questa versione dei fatti della realtà sta nella loro testa. Le potenze imperialiste e i loro delegati arabi, non stanno sostenendo il regime di Assad; hanno preso risoluzioni che denunciano Assad e chiedono l’urgente intervento straniero in Siria, presso le Nazioni Unite e la Lega Araba. È ampiamente noto che forniscono armi e addestramento ai gruppi armati dell’“opposizione” siriana, che conducono attacchi e bombardamenti contro il governo siriano.

La Turchia ha fornito una base vicino al confine, per l’addestramento dei ribelli siriani e sta discutendo con i suoi alleati della NATO, la possibilità di imporre una no-fly zone sul territorio siriano. I media occidentali hanno ampiamente riferito che la Turchia e la Francia stanno fornendo armi e aiuti a queste forze, con conseguente maggiore spargimento di sangue e alimentando una guerra civile (Vedi: “France’s New Anti-Capitalist Party backs imperialist intervention in Syria“).

Stanno usando la stessa strategia della guerra della NATO dello scorso anno contro la Libia. Il rovesciamento di Gheddafi da parte della NATO è stato compiuto con l’aiuto delle forze libiche mercenarie sul terreno, il Consiglio nazionale di transizione della Libia, dominato dai combattenti islamici e finanziato e armato dagli alleati regionali degli Stati Uniti. Il costo della guerra della NATO è stato di almeno 80.000 vittime, secondo le stime del CNT.

La versione siriana del CNT è il Consiglio nazionale siriano (CNS) e l’Esercito libero siriano,  sostenuti da Turchia, Qatar, Arabia Saudita e dal londinese Osservatorio siriano per i diritti umani.

L’osservazione all’inizio della dichiarazione pone una domanda: se i firmatari del manifesto criticano le potenze imperialiste per non agire in modo abbastanza aggressivo contro Assad, che altro vogliono? Che altro possono sostenere se non un intervento militare aperto e diretto degli Stati Uniti e dei loro alleati per sostenere i loro mercenari siriani, sulla falsariga della guerra in Libia?

I firmatari di questo manifesto sono consapevoli delle conseguenze di un intervento imperialista. Infatti, molti di loro hanno apertamente abbracciato l’intervento imperialista in Libia, a volte compiendo cinici e inefficaci  tentativi di presentare il rovesciamento e l’assassinio di Gheddafi da parte della NATO in Libia, come una sconfitta dell’imperialismo.

In un comunicato stampa dello scorso agosto, Liliana Olivero (deputata di Córdoba), Angélica Lagunas, Jose Castillo e Juan Carlos Giordano di Izquierda Socialista (sinistra socialista) in Argentina, hanno dichiarato che “l’imminente caduta della dittatura di Gheddafi è una vittoria per il popolo della Libia … non è un trionfo della NATO, attribuito dallo stesso Obama e dall’imperialismo europeo. Hanno fatto solo dei bombardamenti limitati per cercare di impedire una vittoria delle milizie e cercare una soluzione negoziata che gli permettesse di difendere il loro business del petrolio.”
Esattamente un anno fa, Esther Vivas e Josep Maria Antentas di IA di Spagna, hanno apertamente sostenuto “l’isolamento politico ed economico internazionale del regime [della Libia], e l’incondizionata fornitura di armi ai ribelli“.

Pedro Fuentes, il segretario delle relazioni estere del PSOL, ha dichiarato lo scorso maggio al quotidiano messicano La Jornada: “Quello che i ribelli vogliono e di cui hanno bisogno sono armi e aiuti umanitari … La presunta neutralità del governo brasiliano finisce per essere una politica del tutto ambigua e ipocrita del laissez-faire per Gheddafi e i paesi imperialisti. L’unica alternativa corretta sarebbe riconoscere il governo ribelle come forza belligerante e sostenerlo in ogni modo possibile e rispondere positivamente alle loro richieste. Nel frattempo, le posizioni socialiste e anti-imperialiste che si devono difendere, pur riconoscendo e denunciando gli obiettivi di intervento imperialista, é che con tutti i mezzi si deve continuare a sostenere il rovesciamento di Gheddafi“.

Vale a dire, che i politicanti pro-imperialisti come Fuentes hanno sostenuto la campagna della NATO per conquistare la Libia, mentre rilasciavano vane critiche all’imperialismo, solo per nascondere il loro ruolo di difensori spudorati della guerra imperialista.

Questi farabutti stanno ripetendo gli stessi argomenti oggi, con la Siria, anche se le conseguenze reazionarie dell’intervento imperialista in Libia sono chiare agli occhi di tutti. La guerra ha portato a intere città rase al suolo dai bombardamenti, decine di migliaia di vittime, pogrom razzisti contro persone dalla pelle scura e l’uso della tortura su larga scala, alle compagnie petrolifere occidentali che ora controllano i giacimenti petroliferi libici e a un regime islamista fantoccio che governa la Libia.
Il manifesto continua ad attaccare “un settore della sinistra anti-imperialista“, che accusa di “voltare le spalle alla rivoluzione contro la dittatura di Bashar.” Questo non è altro che un attacco preventivo contro chiunque critichi l’intervento imperialista, marchiandolo come difensore di Assad.

Il manifesto prosegue citando cinicamente il ruolo reazionario del regime di Assad nella repressione dei “palestinesi nei massacri dei campi di profughi di Tal Zaatar nel 1976” e di collaborare “con Israele per la sicurezza delle sue frontiere“. Cioè, si citano i rapporti della borghesia siriana con l’imperialismo e il sionismo per reprimere il popolo palestinese, al fine di stimolare l’ostilità al regime di Assad, ora che Assad stesso è l’obiettivo degli imperialisti.

Questa osservazione è profondamente fuorviante e reazionaria. Il suo obiettivo non è contrastare l’oppressione imperialista e sionista dei palestinesi, ma sostenere la guerra imperialista contro Assad.

Il manifesto continua: “le potenze occidentali hanno solo da guadagnare da questa situazione e niente di buono verrà fuori per l’impero americano e i governi occidentali … non fidatevi di loro, l’unica cosa che vogliono è rubare le ricchezze prendendole dai lavoratori, dai popoli di America, Africa e Asia, e come hanno fatto con i loro bombardamenti in Iraq e in Libia, e come stanno facendo ora in Egitto, sostenendo la criminale giunta militare.”

La domanda logica da porsi quindi è: se i firmatari del manifesto non si fidano degli imperialisti, perché  sostengono il CNT libico, e perché stanno ora sostenendo l’ELS, appoggiato dagli imperialisti per sconfiggere Assad? Perché stanno trattando il CNS come legittimo rappresentante della classe lavoratrice siriana, invece di avvertire i lavoratori siriani del ruolo dell’ELS ed esigere una lotta della classe operaia sia contro le forze pro-imperialiste che contro Assad?

Il manifesto non è e non può rispondere a questa domanda, perché porta ad una sola conclusione: gli autori del manifesto sono le forze pro-imperialiste, la cui verbosità di “sinistra” è solo una foglia di fico per nascondere le loro politiche di destra.

Il WSWS insiste sul fatto che Assad deve essere rovesciato, ma questo compito spetta soltanto alla classe lavoratrice siriana come parte di una lotta di tutta la classe lavoratrice araba e internazionale, diretto in primo luogo contro l’imperialismo. In questa lotta, la classe operaia scopre che i firmatari del manifesto pubblicato da Rebelión, sono i suoi acerrimi nemici.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

*

*

Posted by Philip Iron for SyrianFreePress.net

at https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/02/22/international-petty-bourgeois-left-backs-imperialist-war-in-syria-la-sinistra-internazionale-supporta-la-guerra-alla-siria-text-engita-video/

*

La Redazione di SyrianFreePress non sottoscrive ogni considerazione espressa nel presente articolo, e si dissocia specialmente dove si afferma che Bashar al-Assad debba essere “rovesciato” dalla “classe lavoratrice araba e internazionale“. Queste fantasiose affermazioni risiedono solo nelle menti degli autori di tale testo, il quale pur contenendo alcune analisi e denunce condivisibili, specie riguardo alle eterne e genetiche contraddizioni in seno ai sostenitori dell’ideologia sionistro-progressista-marxista, non tiene conto del fatto che i lavoratori siriani e le classi lavoratrici in generale hanno invece dimostrato sin’ora di essere ampiamente solidali col presidente in carica. La nostra Redazione ribadisce quindi piena solidarietà al governo siriano in carica, guidato dal presidente Bashar al-Assad, cui augura lunga vita.

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie

*

*

*

Advertisements