Tags

, , , , , , , , , , , ,

*

*

Intervistatore:
È lecito uccidere gli Alawiti,
le loro donne e i loro bambini, in ritorsione alle loro azioni?

Muhammad Badi’ Moussa:
Sì, fratello mio. Abbiamo emesso un comunicato per gli Alawiti, in cui
abbiamo dato loro un avvertimento forte, che può essere l’ultimo.

I nostri fratelli dell’Esercito Libero Siriano hanno interrogato gli studiosi in esilio chiedendo il permesso di poter assaltare i villaggi Alawiti come Zahra, Eqrima e Nuzha che si trovano nella periferia di Homs. […]

I nostri fratelli dell’Esercito Libero Siriano hanno chiesto a diversi sceicchi e studiosi per una fatwa se fossero autorizzati a uccidere [Alawiti] donne e bambini, così come loro stanno uccidendo le nostre donne e i nostri bambini.

I cecchini stanno arrivando dalle periferie Alawite dove sono detenute
le donne musulmane che sono state violentate e rapite.

Tutti gli studiosi, hanno detto: abbiate un pò di pazienza. Essi devono essere avvertiti prima. Noi non vogliamo far esplodere una guerra civile-settaria in Siria […]…

“[Gli Alawiti] sanno di essere una minoranza nel nostro paese,
e che tutte le sette li odiano e vogliono sbarazzarsi di loro.
Non è nei loro (delle sette) migliori interessi seguire il regime.” […]

*

Interviewer: “Is it permissible to kill ‘Alawites — their women and their children — in retaliation for their actions?”
Muhammad Badi’ Moussa: “Yes, my brother. We have issued a communiqué to the ‘Alawites, in which we gave them a strong warning, which may be the last.

“Our brothers in the Free Syrian Army sent queries to scholars in exile, asking whether they were allowed to raid ‘Alawite villages, like the Zahra, Eqrima, and Nuzha suburbs of Homs. […]

“Our brothers in the Free Syrian Army asked several sheikhs and scholars for a fatwa on whether they are allowed to kill [‘Alawite] women and children, just as they are killing our women and children.

“The snipers are coming from the ‘Alawite suburbs, and the free Muslim women who were raped and kidnapped are being held in ‘Alawite suburbs.

“All the scholars said: Have a little patience. They must be warned first. We don’t want a civil, sectarian war to rage in Syria. […]

“[The ‘Alawites] know that they are a minority in our country, and that all the sects hate them and want to get rid of them. It is not in their best interest to follow the regime.” […]

*

Fonte originale:
http://www.memritv.org/clip/en/0/0/0/0/207/0/3376.htm

Video con sottotitoli italiani a cura di Ryuzakero
http://www.youtube.com/watch?v=dDnbVSbMfLM

*

SyrianFreePress.net

*

Advertisements