Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

President al-Assad : Syria Built its Policy on National & Popular Compass, We Don’t Accept any Type of Solution from Abroad Regardless of its Content

DAMASCUS, SANA – June 29, 2012 –  President Bashar al-Assad stressed that the national and ethical conditions which are interrelated for the majority of Syrian people are the primary element that confronted the pressures which Syria is exposed to at the hands of the world’s most powerful states along with many regional  states, adding “the national and ethical conditions withstood many tempting offers of money and other things.”

In an interview with the Iran’s Channel 4 on Thursday evening,  President al-Assad said the Syrian people play the primary role in preserving Syria as a state,  since the role of the state institutions and army can’t be separated from the people, and that otherwise the state could not have stood in the face of the popular stance, noting that this was expressed through the spontaneous demonstrations in the street.

*

*

President al-Assad emphasized that the solid internal situation is the real barrier which prevents the success of any foreign interference, whether this interference is through pumping money or sending weapons, stressing that the internal and external situations are inseparable and that one cannot assign percentages to their role in the crisis.

The President voiced support to the six-point plan brokered by special envoy Kofi Annan, saying that the plan is good and is still viable now and in the future, affirming that Syria approved it out of conviction, particularly the article related to the ending of violence which means the cessation of the criminal acts of the terrorist groups and the cessation of providing them with money and weapons by the countries who sponsor them.

President al-Assad said that western and regional countries who claim to back this plan are making false claims because  they consider the failure of the Annan’s plan in their favor as a way of accusing Syria of causing its failure and justify their going to the UN Security Council to adopt resolutions against it.

He added that some countries are not content with the Security Council; rather they want a military strike similar to what happened in Libya, but it seems that their attempts, until the moment, have failed.

“We don’t have any information of specific plans, but there are bids by the a few countries to push the issue towards military action. However, a little sense they have prevents them from going to a military action because the region – with its geopolitical importance and social structure – is a seismic fault line, and in a case of any manipulation of this fault line, the earthquake will move far in different directions. So, this issue is much greater than the calculations of some,” President al-Assad said.

He noted that proper analysts for what is going on in the region shows that there is a conflict between two projects: the resistance project which rejects hegemony, and the Greater Middle East project, adding that this conflict is not new but as old as colonialism; it was just given a new name.

President al-Assad pointed out that the New Middle East  which people of the region want  is a Middle East which is resistant  to all projects that come from abroad, all dictations, all occupation and hegemony, as it is a project that stems from the people in the region and their interests.

He went on to say that he believes that this conflict will continue, saying “however, we as states and peoples in this region will not allow any other project to pass if it does not express our interests.”

President al-Assad said that Syria is paying the price for its  political positions in supporting the resistance and adhering to the Arab and Islamic rights, in addition to the fact that its geo-political position is important, adding that Syria has always been exposed to interference bids or an arena for conflict between superpowers throughout history. 

“Controlling Syria means controlling a big part of the political decision in the region, and  the attack to which Syria is exposed to today is not the first one; in 2005 it was exposed to a similar attack but it failed, so it they moved to another method,” he said.

President al-Assad stressed that supporting the resistance in Palestine and other areas will continue as long as the people don’t relinquish this support, stressing that Syria has mainly built its policy on the national and popular compass, and not the foreign or Western one.

The President stressed that the Palestinian cause is the core of all causes in our region, particularly the Arab region, and if the Palestinian issue isn’t resolved and if the rights aren’t restored, then there would be no changes in positions even if one waited for generations, adding ” now we are speaking about the third or fourth generation since the occupation of Palestine, and the positions didn’t and will not change. “

“What is happening in Syria has several aspects; international, regional and internal dimensions which converged with each other to carry Syria into a crisis it never experienced before nor did it experience anything similar to it… The international side is mainly linked to the position of countries with colonial history which did not change the essence of their colonialist policies; rather they changed the form and moved from direct occupation to methods of imposing opinions and dictations… they reject the existence of countries which have independence and defend  their interests and say no when  there is something contrary to their own convictions or principles.”

President al-Assad said that the regional aspect is linked to the region’s countries and has multiple aspects as well, as there are countries that are shamed by the Syrian political position towards various issues, whether in Palestine, Iraq,  Lebanon or elsewhere, adding “they saw a chance in these circumstances to downscale or crush the Syrian role… and then there are countries that aren’t necessarily against the Syrian position,  but they are subject to foreign dictations and unable to adopt a resolution to express their  vision or that of their people.”

He pointed out that some states formally announced that it will send weapons in one way or another to the terrorist groups, and since these forces spoke  about themselves as such then there’s no point in discussing this issue or seeking evidence.

“In terms of the internal aspect, Syria, like any country, has positives and negatives, but any problems or challenges should not reach the point where a Syrian kills another Syrian… We, as in many countries of the world, have problems related to corruption, equitable distribution of income,  equality of opportunities, and economic or political development, but these points were exploited to convert some Syrian who are ignorant or have no principles to mercenaries working against their own country for money,”  President al-Assad explained.

President al-Assad made it clear that those who are killing the Syria people are a mixture of outlaws and religious extremists whose numbers are not very big but they are dangerous, along with Al Qaeda or organizations that adopt a similar ideology, stressing  that the rate of participation in the killings differed since the beginning of the crisis, but currently the extremists constitute the largest number of killers.

He said that these people receive money to commit massacres at specific times to support a certain decision or a particular conflict at the UN Security Council in order to change the balance inside the council, adding that the same thing happened to the resistance in Lebanon in past years when a certain assassination or  a particular crime was committed on the eve of issuing a certain decision pertaining to the resistance or the situation in Lebanon.

President al-Assad added that Al Qaeda is present in Syria and a number of persons who belong to this organization were arrested and confessed to committing crimes.

“Al Qaeda is a US creation financed by Arab countries, and this is well-known… the Americans adopt an interim policy according to the interim interests. They used to support Al Qaeda and called its members in the eighties – as former US President Ronald Reagan did –freedom fighters, and years later they became terrorists… Now some of them are back to dealing with them and now they say that there’s good extremism and bad extremism, meaning that  they divide roles and change their labels and terms according to the condition of the U. S.;  if Al Qaeda strikes at a country that they do not like, it is good, and if it strikes against the U.S. or its allies’ interests in a certain area, it becomes bad.”

President al-Assad said that the state’s responsibility, in accordance with the Constitution,  is to protect all its citizens in all the Syrian territories, and when it takes out a terrorist, it protects dozens and perhaps hundreds or thousands, because a terrorist targets citizens from one place to another.

“We didn’t release any person whose hands are stained with Syrian blood; we released persons who have taken up arms as a result of false understanding or ignorance or because of the need for money, but they have not committed criminal acts, and they made a self-initiative and turned themselves in to the state and asked to be allowed to return to the correct position in society… it’s natural to be tolerant with those and give them the opportunity to be patriotic people again,” he explained.

President al-Assad pointed out that reform in Syria is an ongoing process which started in 2000 in parallel with difficult external circumstances faced by Syria pertaining to putting pressure on it to give up the Palestinian cause and stop supporting the resistance.

“Indicators today don’t show a link between reform and what is going on because the reform now didn’t improve  the conditions… the terrorists and the countries that back them are not concerned with reform; rather they want chaos. Even if we implemented reform now or before, what happened would have happened, because it was planned abroad and not a spontaneous issue linked to reform,” he elaborated.

President al-Assad said that the replication or cloning of any model from one country in another requires cloning the entire people with their history, customs, morals, traditions and the context they are going through, which is practically  impossible, stressing there is no model that is applied in a place to resolve a certain crisis that can be applied elsewhere, regardless of the fact what was applied in Libya is not a model of a solution since it transferred Libya to a much worse situation and now everyone can see how the Libyan people are paying the price.

“We, in Syria,  do not accept any model  that is not Syrian and national, regardless of whether it was  imposed by superpowers or proposed by friendly countries. No one knows how to resolve the problem in Syria as well as we do, as Syrians… so, any model that comes from abroad is unacceptable regardless of its content.”

President al-Assad said that Syria appreciates the objective positions of countries on the international level such as China and Russia, countries in the region like Iran, and other countries  in the world, noting that these positions are not in defense of a government or a person as the west is trying to portray them; rather they defend the stability  of  the region because Syria is an important country and its stability affects the stability of the region and the world.

On Turkey’s position regarding the Syrian crisis, President al-Assad stressed the need to make a distinction between the positions of some Turkish state officials and the popular temperament, the later being positive towards what is happening in Syria because they know most of the facts despite the media falsification in Turkey.

“As for the revival of the Ottoman Empire, I believe we’re now in another age that is different in every way, and this is no longer possible… our vision for relations with Turkey and the Turkish role was that it was possible to build an empire of good relations, alliances and organizations that unite interests, similar to the Shanghai Cooperation Organization and others; these new empires can be built through objective and rational positions that express the region’s interests, and not by becoming subject to westerns – or specifically U.S. – positions.”

President al-Assad noted that the Arab League was never allowed to play a positive role in the causes of Arab countries, and that the Arab Summits were mostly arenas of conflict in the face of the proposed projects or concepts that are against Arab interest, adding that the League wasn’t allowed to play a role due to the actions of certain well-known countries that always implement foreign plans in the Arab arena.

He pointed out that the League was allowed to play a role through these very countries, only it was against Arab countries, which is what happened with Libya when the Arab League gave cover to the bombardment of Libya.

“Syria may have been the only country that openly rejected that decision, and we had to pay the price of that position. So they moved directly after that decision to attack Syria through the Arab League… this is the truth of the Arab League, in the past and in the present,” President al-Assad concluded.

Ghossoun / H. Sabbagh – SANA
http://www.sana.sy/eng/21/2012/06/29/428450.htm

Reloaded & Translated in Italian by FFP – SyrianFreePress.net

at https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/06/30/president-bashar-al-assad-al-qaeda-is-a-us-creation-financed-by-arab-countries-interview-with-the-irans-channel-4-video-text-eng-ita/

*

ITALIANO

Presidente Bashar al-Assad: la Siria ha costruito la sua politica su Direttive Nazionali e Popolari, e noi non accettiamo alcun tipo di soluzione dall’estero indipendentemente da questi contenuti

DAMASCO - 29 giugno 2012 – Il presidente Bashar al-Assad ha sottolineato che le realtà nazionali ed etiche, interdipendenti per la maggioranza del popolo siriano, sono l’elemento primario che ha fatto fronte alle pressioni cui è esposta Siria, maneggiate dagli stati più potenti al mondo insieme a molti stati regionali, aggiungendo che “tali condizioni nazionali ed etiche hanno resistito a molte offerte allettanti di denaro e cose diverse”.

Giovedì sera, in un’intervista con il Quarto Canale Iraniano, il presidente B. al-Assad ha detto che i popolo siriano sta giocano un ruolo centrale nel preservare la Siria come Stato, dal momento che i ruoli delle istituzioni statali e militari non possono essere disgiunti dal popolo, e che diversamente lo Stato non avrebbe resistito di fronte alla presa di posizione popolare, notando che ciò è stato espresso tramite le manifestazioni spontanee in strada.

Il presidente al-Assad ha sottolineato come la solida situazione interna sia la vera e propria barriera ad impedire il successo di qualsivoglia ingerenza straniera, sia che questa interferenza avvenga attraverso flussi di denaro che l’invio di armi, sottolineando che le situazioni interne ed esterne sono inseparabili e che non si possono assegnare percentuali al loro ruolo nella crisi.

Il presidente ha espresso sostegno al piano in sei punti mediato dall’inviato speciale Kofi Annan, dicendo che il piano è buono ed è ancora valido, sia oggi chee in futuro, affermando che la Siria l’ha approvato per convinzione, in particolare l’articolo relativo alla fine della violenza, che significa la cessazione degli atti criminali da parte dei gruppi terroristici e la cessazione, da parte dei paesi che li sponsorizzano, di fornire loro armi e denaro .

Il presidente al-Assad ha detto che i paesi occidentali e regionali che dichiarano di sostenere questo progetto stanno compiendo affermazioni false, in quanto ritengono che la mancata riuscita del piano Annan sia a loro vantaggio, come mezzo per accusare la Siria di aver provocato il suo fallimento e giustificarsi presso il Consiglio di Sicurezza delle  Nazioni Unite per adottare risoluzioni contro di esso.
Ha aggiunto che alcuni paesi non si accontentano del Consiglio di Sicurezza e che piuttosto vorrebbero un attacco militare simile a quello che è successo in Libia, ma sembra che i loro tentativi, fino ad ora, siano falliti.

“Non abbiamo informazioni di piani specifici, ma ci sono offerte da parte di alcuni paesi per spingere la questione verso un’azione militare; tuttavia, in un certo senso, quel poco che hanno impedisce loro di affrontare un’azione militare, perché la regione – con la sua importanza geopolitica e la sua struttura sociale – è una linea di frattura sismica, e in caso di manipolazione di questa linea di frattura, il terremoto si sposterebbe lontano, in varie direzioni. Quindi, questo problema è molto più grande rispetto ai calcoli di alcuni “, ha detto il presidente al-Assad.

Egli ha osservato che analisti seri, rispetto a quanto sta accadendo nella regione, dimostrano che esiste un conflitto tra due progetti: il progetto di Resistenza, che rifiuta egemonie esterne, ed il progetto del Grande Medio Oriente, aggiungendo che questo conflitto non è nuovo, ma vecchio come il colonialismo; gli è stato solo dato un nuovo nome.

Il presidente al-Assad ha sottolineato che il Nuovo Medio Oriente, quello che la gente della regione vuole, è un Medio Oriente che resiste a tutti i progetti che vengono dall’esterno, a tutte le imposizioni, a tutte le occupazioni ed egemonie, in quanto è un progetto che nasce dai popoli della regione e per i loro interessi.

Egli ha continuato affermando come ritenga che questo conflitto continui, dicendo: “Ma noi, come Stati e come popoli di questa regione, non permetteremo ad alcun altro progetto di passare, se non esprimere i nostri interessi”.

Il presidente al-Assad ha detto che la Siria sta pagando il prezzo delle sue posizioni politiche nel sostenere la Resistenza e l’adesione ai diritti arabi ed islamici, oltre al fatto che la sua posizione geo-politica è importante, aggiungendo che la Siria è sempre stata esposta ad interferenze o come arena di conflitti tra superpotenze nel corso della storia.

“Controllare la Siria significa controllare gran parte delle sorti politiche nella regione, e l’attacco a cui è esposta alla Siria oggi non è il primo: nel 2005 è stata esposta ad un attacco simile, ma non è riuscito, perciò stanno cercando un altro metodo “, ha detto.

Il presidente al-Assad ha sottolineato che il sostegno alla Resistenza in Palestina ed in altre zone continuerà sinché la gente stessa non deciderà di rinunciare a questo sostegno, sottolineando che la Siria ha costruito la sua politica principalmente su indicazioni nazionali e popolari, e non su quelle straniere od occidentali.

Il Presidente ha sottolineato come la causa palestinese sia il cuore di tutte le cause nella nostra regione, in particolare nella regione araba, e se il problema palestinese non verrà risolto e se i diritti non verranno ripristinati, non ci saranno variazioni nelle posizioni, anche se si dovesse attendere per generazioni, aggiungendo che “ora stiamo parlando della terza o quarta generazione da dopo l’occupazione della Palestina, e le posizioni non sono cambiate e non cambieranno.”

“Quello che sta accadendo in Siria ha diversi aspetti, dimensioni internazionali, regionali e interne, che convergono tra loro per portare la Siria verso una crisi mai vista prima, né mai  sperimentata in modo simile…L’aspetto internazionale è legato soprattutto alla posizione dei paesi con una passata storia coloniale, i quali non cambiano l’essenza delle loro politiche colonialiste, ma piuttosto ne hanno cambiato la forma, trasferita da un metodo di occupazione diretta, verso metodi per imporre opinioni e dettati … essi rifiutano l’esistenza di paesi che hanno una propria indipendenza e difendono invece i loro propri interessi nel dire di no quando si imbattono in qualcosa che possa essere contrario alle proprie convinzioni o principi”.

Il presidente al-Assad ha aggiunto che il quadro regionale è collegato ai paesi della regione ed è composto da molteplici aspetti, così come ci sono paesi che sono svergognati dalla posizione politica siriana nei confronti delle diverse problematiche, sia in Palestina come in Iraq e Libano o altrove, aggiungendo “i quali hanno visto una possibilità in queste circostanze per diminuire o schiacciare il ruolo siriano … e poi ci sono anche altri paesi i quali non sarebbero necessariamente contro le posizioni siriane, ma sono soggetti a dettami stranieri ed incapaci di adottare una risoluzione per esprimere la loro visione o quella del loro popolo”.

Egli ha poi sottolineato che alcuni stati hanno formalmente annunciato che invieranno armi, in un modo o nell’altro, ai gruppi terroristici, e dal momento che queste forze si sono pubblicamente espresse come tali, allora non c’è ragione di discutere la questione o cercare  prove.

“Per quanto riguarda l’aspetto interno, la Siria, come ogni paese, ha aspetti positivi e negativi, ma tutti i problemi o le sfide non dovrebbe giungere al punto in cui un siriano uccida un altro siriano … Noi, come in molti paesi del mondo, abbiamo problemi legati alla la corruzione, alla distribuzione equa del reddito, alle pari opportunità ed allo sviluppo economico o politico, ma queste questioni sono state sfruttate per far aggregare alcuni siriani, che sono ignoranti o che non hanno principi etici, ai mercenari che lavorano contro il proprio paese per denaro”, ha spiegato il presidente al-Assad.

Il presidente al-Assad ha chiarito che coloro i quali stanno uccidendo il popolo della Siria sono una miscela di fuorilegge e di estremisti religiosi il cui numero non è molto elevato, ma sono pericolosi, insieme con Al Qaeda ed organizzazioni che adottano una ideologia simile, sottolineando che il tasso di responsabilità nelle uccisioni differiva sin dall’inizio della crisi, ma che attualmente gli estremisti costituiscono il gruppo di assassini maggiore.

Egli ha detto che queste persone ricevono denaro a commettono massacri in momenti specifici, a sostegno di una certa decisione o di un conflitto particolare al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, al fine di cambiare gli equilibri all’interno del Consiglio, aggiungendo che la stessa cosa accadde alla resistenza in Libano nei passati anni, quando un certo assassinio o un determinato reato veniva commesso alla vigilia del rilascio di una certa decisione riguardante la resistenza o la situazione in Libano.

Il presidente al-Assad ha aggiunto che Al Qaeda è presente in Siria e un certo numero di persone che appartengono a questa organizzazione sono state arrestate e hanno confessato di aver commesso dei crimini.

“Al Qaeda è una creazione degli Stati Uniti, finanziato da paesi arabi, e questo è noto … gli americani adottano una politica provvisoria a seconda dei loro provvisori interessi. Essi hanno utilizzato e sostenuto Al Qaeda ed hanno accolto i suoi membri negli anni ottanta. Come l’ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, che li ha fatti -combattenti per la libertà-, e anni dopo sono diventati terroristi … ora alcuni di loro sono tornati a trattare con loro e ora dicono che ci sia l’estremismo buono e l’estremismo cattivo, il che significa che si dividono i ruoli e si modificano le etichette e le condizioni in base alle convenienze degli Stati Uniti: se al Qaeda colpisce in un paese che a loro non piace, è buono, e se colpisce contro gli Stati Uniti o i suoi alleati negli interessi di una certa area, diventa cattivo “.

Il presidente al-Assad ha detto che la responsabilità dello Stato, in conformità con la Costituzione, è quella di proteggere tutti i suoi cittadini in tutti i territori siriani, e quando neutralizza un terrorista, protegge decine e forse centinaia o migliaia di persone, perché un  terrorista ha come obiettivi i cittadini, da un luogo all’altro.

“Non abbiamo rilasciato persone le cui mani si sono macchiate di sangue siriano; abbiamo rilasciato persone che hanno preso le armi in seguito ad una falsa comprensione o per ignoranza o per bisogno di denaro, ma le quali non avevano commesso atti criminali; essi si sono consegnati di propria volontà, nelle mani dello Stato, per chiedere di poter rientrare nella  corretta posizione nella società … ed è naturale essere tolleranti e dare loro la possibilità di essere nuovamente persone fedeli alla Patria”, ha spiegato.

Il presidente al-Assad ha sottolineato che le riforme in Siria sono un processo continuo, che ha avuto inizio nel 2000, in parallelo con difficili circostanze esterne affrontate dalla Siria, per  cercare di fare pressioni e farci rinunciare alla causa palestinese e smettere di sostenere la resistenza.

“Gli indici oggi non mostrano un collegamento tra le riforme e quello che sta succedendo, perché le riforme non hanno migliorato le condizioni … i terroristi ed i paesi che sono dietro di essi non si preoccupano delle riforme, ma vogliono il caos. Anche avendo sviluppato le riforme, prima o adesso, quello che è successo sarebbe successo ugualmente, perché tutto ciò è stato progettato all’estero e non è un problema nato spontaneamente collegato alle riforme “, ha precisato.

Il presidente al-Assad ha detto che la replica, o la clonazione, di un qualsiasi modello da un paese a un altro richiede la clonazione di tutto un popolo con la propria storia, i costumi, la morale, le tradizioni ed il contesto storico che sta attraversando; il che è praticamente impossibile, sottolineando che non esiste un modello che possa essere applicato in un luogo, per risolvere una certa crisi, il quale possa essere applicato altrove, a prescindere dal fatto che ciò che è stato applicato in Libia non è un modello di una soluzione, dal momento che ha condotto la Libia in una situazione molto peggiore, ed ora tutti possono vedere come il popolo libico ne stia pagando il prezzo.

“Noi, in Siria, non assumiamo alcun modello che non sia siriano e nazionale, indipendentemente dal fatto che sia stato imposto dalle superpotenze o proposto da parte dei paesi amici. Nessuno sa come risolvere il problema in Siria così come noi, come i siriani … quindi, qualsiasi modello che venga dall’esterno è inaccettabile, indipendentemente dal suo contenuto “.

Il presidente al-Assad ha detto che la Siria apprezza le posizioni oggettive dei paesi a livello internazionale, come la Cina e la Russia, dei paesi della regione come l’Iran ed altri paesi nel mondo, notando che queste posizioni non sono in difesa di un governo o di una persona, come l’Occidente sta cercando di far credere, ma difendono la stabilità della regione, perché la Siria è un paese importante e la sua stabilità influisce sulla stabilità della regione e del mondo.

Sulla posizione della Turchia, in merito alla crisi siriana, il presidente al-Assad ha sottolineato la necessità di operare una distinzione tra le posizioni di alcuni funzionari dello Stato turco e la passione popolare, essendo quest’ultima positiva verso ciò che sta accadendo in Siria, perché la maggior parte (dei turchi – ndr) conoscono i fatti, nonostante la falsificazione dei media in Turchia.

“Per quanto riguarda la rinascita dell’impero ottomano, credo che ora siamo in un’altra epoca che è diversa sotto ogni aspetto, e questa non è più possibile … la nostra visione delle relazioni con la Turchia ed il ruolo turco era che fosse possibile costruire un impero di buone relazioni, alleanze e organizzazioni che potessero unire interessi simili a quelli della Shanghai Cooperation Organization con altri; questi nuovi imperi però possono essere costruiti solo attraverso posizioni oggettivi e razionali che esprimano gli interessi della regione, e non diventando assoggettati agli interessi occidentali – specificamente degli Stati Uniti”

Il presidente al-Assad ha osservato che alla Lega araba non è mai stato permesso di giocare un ruolo positivo nelle cause dei paesi arabi, e che i vertici arabi erano per lo più arene di conflitto nei confronti dei progetti proposti o concepiti contro gli interessi arabi, aggiungendo che alla Lega non è stato permesso di giocare un ruolo a causa delle azioni di alcuni ben noti paesi che da sempre attuano i piani stranieri nell’arena araba.

Egli ha sottolineato che alla Lega sia stato permesso di svolgere un ruolo attraverso questi stessi paesi, solo se esso fosse stato contro i paesi arabi, che è esattamente quello che è successo con la Libia, quando la Lega Araba diede la sua copertura al bombardamento della Libia.

“La Siria può essere considerato l’unico paese il quale ha apertamente respinto tale decisione, e perciò abbiamo dovuto pagare il prezzo di tale posizione. Così, subito dopo, presero la decisione di attaccare la Siria, attraverso la Lega Araba… questa è la verità della Lega araba, nel passato e nel presente”, ha concluso il presidente Bashar al-Assad.

Ghossoun / H. Sabbagh

Traduzione italiana a cura di Filippo Fortunato Pilato
per SyrianFreePress.net Network & TG24Siria

al link: https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/06/30/president-bashar-al-assad-al-qaeda-is-a-us-creation-financed-by-arab-countries-interview-with-the-irans-channel-4-video-text-eng-ita/

*

*

*

*

*

About these ads