Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

English – Italiano (traduzione italiana a seguire a fondo pagina)

*

Israel New wave of Bombing Attacks on Palestinians in Gaza

Palestinians who have been Killed by the IDF since the start of this Month:
Palestinesi uccisi dall’entità sionista questo mese:
Shaheed Muatazz al-Sawwaf, 6 years old
Shaheed Khaled Mohammed Nasser Borai, 25 years old
Shaheed Osama Mahmoud Ali, 42 years old
Shaheed Subhi Abu Khaled
Shaheed Yassin Rideif
Shaheed Nassim Assalti
Shaheed Muutaz Assalti
Shaheed Osama Mahmoud Ali
Shaheed Mohammed al Burai
Muatazz al-Sawwaf
Shaheed Hamam Abu Qadous
Shaheed Bassem Ahmed
Shaheed Thaer al-Bik
Shaheed Muhammad al-Khalidi
Shaheed Mo’men al Adam
Shaheed Ghalib Rmelat
Shaheeda Hadeel Al-Haddad
Shaheed Yousef At-Tilbani
Shaheed Mohammed Abu Moa’liq
Shaheed Abdo AlZaanin
Shaheed Ibrahim AbdelFattah
Shaheed Ismail Mohammed Abu Oda
Shaheed Mohammed Rafeeq Shabat
Shaheed Anwar Abed Rabbo
Shaheed Naim Al-Najjar
Shaheed Child of Ghannouma family
Shaheed Ahmad Qasem
Shaheed Ghassan Ramadan Radwan
Shaheed Ibrahim Al-Bal
Shaheed Suraaqah Qudeih
Shaheed Naji Qudaih

*

Bullets in the brain, shrapnel in the spine:

the terrible injuries suffered by children of Gaza

Doctors at a hospital near Gaza are almost overwhelmed by the number of Palestinian children needing treatment for bullet wounds to their heads.

On just one day last week staff at the El-Arish hospital in Sinai were called to perform sophisticated CAT brain scans on a nine-year-old, two 10-year-olds and a 14-year-old – each of whom had a bullet still lodged in their brain, after coming under fire during the Israeli ground assault on Gaza.

Dr Ahmed Yahia, the head of the trauma team, broke the news to the grandmother of Anas, aged nine, that the girl was not expected to live.

“Anas was deeply comatose when she came in, and she remains deeply comatose,” said Dr Yahia. “The bullet has damaged a big part of her brain. It came in, hit the skull wall and then changed direction downwards. I’ve seen a lot of gun injuries and the damage here is so extensive I think it may be fatal.”

Dr Yahia, a professor of neurosurgery who has worked in both the United States and Britain, believes that the bullet was shot from close range. “If it changes course inside the brain it has high velocity and its penetrative force is also high,” he said.

“I can’t precisely decide whether these children are being shot at as a target, but in some cases the bullet comes from the front of the head and goes towards the back, so I think the gun has been directly pointed at the child.”

As Israel prepared for a possible ceasefire yesterday its officials continued to deny that its soldiers had deliberately targeted civilians, blaming Hamas fighters for sheltering in the houses of ordinary Gazans and using them as human shields.

But there is no disputing the scale of the suffering in Gaza, or its heavy impact on the young. The United Nations has counted 346 Palestinian children killed since the Israeli assault began, while Hamas, the radical Islamic movement that Israel has been trying to dislodge, says there are 410 children among the 1,201 Palestinian dead.

An even larger number of children have been wounded – 1,630, according to Hamas – and a disturbing number of them have suffered serious injuries to the head.

Hundreds of victims of Israel’s three-week campaign in Gaza have been transferred across the Egyptian border at Rafah for urgent treatment. They are seen first at El-Arish, nearly 40 miles from the border. For patients who are often on ventilators it is a hazardous journey across a war zone.

One of the medical team leaders at the hospital, Dr Ayman Abd al-Hadi, said that this was the worst conflict he had experienced. “We’ve had one child with two bullets in the head and nowhere else,” he said. “We think that this shows something.”

He praised the medical teams in Gaza for managing to save so many lives despite a shortage of staff, supplies and equipment. “But only a very small percentage of children can survive bullet wounds to the head,” he said. “If we see three children here who have survived bullet wounds to the head, there are probably 97 still in Gaza who have not.”

Doctors at the small but well equipped hospital do not attempt to remove the bullets, but perform a full assessment and attempt to stabilise their patients – most of whom are unconscious – before sending them to hospitals in Cairo, and in some cases abroad, for more complex treatment. Of those who survive, few are likely to recover fully. Most child victims of such injuries are likely to be paralysed for life.

Other children have different but horrific injuries – like Samer, not yet three years old, who lay playing with an inflated surgeon’s glove as her Egyptian doctor tried to distract her from the suffering he was about to inflict upon her as he inserted a drip containing painkillers into her hand.

After she was shot in the back outside her Gaza home, it took three hours for medical help to reach the captivatingly pretty child. Her uncle, Hassan Abedrabo, said that Samer was hit by an Israeli bullet which damaged her spinal cord and has left her paralysed. Her two sisters, aged two and six, were shot dead in the same close-range attack as they tried to escape from tanks bombarding their home in Jabaliya, north of Gaza City.

The girls’ mother was hit twice but survived; Mr Abedrabo said that their grandmother, waving a white flag at the front of the terrified family procession, lost an arm to another bullet.

Samer has now been transferred to a Belgian hospital but the Egyptian doctors who treated her in El-Arish believe she will never walk again. If she is too young to grasp what her future now holds, Samer thinks she knows what happened to her. “The Jewish shot me,” she said in Arabic. “And they killed my little sister.”

Mr Abedrabo, Samer’s uncle, insisted that there were no Hamas fighters in their home when Israeli tanks opened fire last week. He is a supporter of Hamas’s bitter political rivals Fatah, led by the Palestinian president Mahmoud Abbas.

“The tanks opened fire on the fourth storey,” said Mr Abedrabo, as he watched over his niece in hospital. About 30 people were sheltering on the ground floor as the tanks began pounding the third floor; then the second; then the first.

“The house began to shake and we were terrified,” he said. “The women and children were screaming as they thought the house was going to collapse.

“I speak Hebrew so I shouted to the Israelis. The officer said, ‘Come out’ so the women went first, waving a white flag. They opened fire from just 15 metres away. How could they not tell they were children? They could see them.”

Three hours later, when a cousin arrived with Palestinian doctors, eight people remained in the house. At that point, Mr Abedrabo said, missiles fired by Israeli F16 jets destroyed what was left of the building, killing those still inside.

The hospital’s psychiatrists, who see every patient, were particularly concerned about a 13-year-old boy who lay trapped, terribly wounded by shrapnel, for three days beneath the rubble of his home. Other family members lay dead around him, and he saw dogs begin to gnaw their bodies.

As international pressure grew on both sides to agree a ceasefire last week, there was little sign within Israel of public opinion turning against the campaign.

In a controversial move, the country’s Association for Civil Rights launched a protest over the plight of Palestinian children by taking out a full-page, obituary-style advertisement in the daily newspaper Haaretz. It lamented the deaths of children of various ages and featured the word “Stop” in bright red letters.

“There is little desire to address the price the civilian population in Gaza is paying,” said Nirit Moskovitz, a spokesman for the group. “Israeli society needs to be reminded that actual people and innocent children are getting hurt. Children are everyone’s soft spot and therefore we chose to focus on them.”

The doctors in El-Arish cannot independently verify the accounts given by Gazan victims. But nothing they have seen discredits claims by civilians that they have been deliberately targeted.

*

What do you know about the situation in Gaza?

*

West must condemn Israeli barbarism

*

ITALIANO

Proiettili nel cervello e schegge nella colonna vertebrale: le tremende ferite sofferte dai bambini a Gaza.

I medici dell’ospedale di Gaza sono travolti dal numero di bambini palestinesi che hanno bisogno di cure per ferite d’arma da fuoco alla testa.

In un solo giorno i medici dell’ospedale El-Arish del Sinai hanno dovuto effettuare  sofisticati CAT scanner cerebrali  ad un bambino di 9 anni, a due di 10 anni e ad uno di 14 anni; tutti con un proiettile ancora nel cervello, dopo essersi ritrovati sotto tiro durante l’assalto israeliano a Gaza.

Il dottor Ahmed Yahia, capo del team traumatologico, ha dovuto dare alla nonna di Anas, 9 anni, la notizia che la ragazzina probabilmente non sarebbe sopravvissuta.

“Anas era in stato di coma profondo quando è arrivata, e tuttora rimane rimane in tale stato”, ha detto il dottor Yahia. “Il proiettile ha danneggiato gran parte del suo cervello. E’ entrato, ha colpito la scatola cranica e poi ha cambiato direzione verso il basso. Ho visto un gran numero di infortuni d’arma da fuoco ed il danno qui è così vasto che penso potrebbe esserle fatale”.

Il dottor Yahia – neurochirurgo che ha lavorato in USA e GB – ritiene che il colpo sia stato sparato da una distanza ravvicinata. «Se cambia direzione all’interno del cervello, significa che la pallottola è ad alta velocità con altrettanto elevata forza di penetrazione» e continua «non posso stabilire se i bambini siano stati deliberatamente usati come obiettivi, ma in alcuni casi, la pallottola è entrata frontalmente nella testa ed è uscita posteriormente, il che fa pensare che l’arma sia stata puntata deliberatamente verso il bambino».

Poichè Israele si ieri si accingeva verso un ipotetico cessate il fuoco, ha ufficialmente continuato a negare che i propri militari abbiano intenzionalmente preso di mira dei civili, ed ha accusato i combattenti di Hamas di aver cercato riparo tra le case della gente di Gaza, usandola come scudo umano.

Ma non è in discussione il crescendo di sofferenze a Gaza, e neppure il suo pesante impatto sui giovani. L’ONU ha calcolato che sin dall’inizio degli assalti israeliani siano stati uccisi 346 bambini palestinesi; Hamas – il movimento islamico radicale che Israele sta cercando di far sloggiare – afferma che tra i 1.201 Palestinesi uccisi, ci siano 410 bambini.

Ma molto superiore è il numero dei bambini feriti: 1.630 stando alle stime di Hamas, con un inquietante il numero di quelli che hanno subito gravi ferite alla testa.

Centinaia delle vittime della campagna di aggressione di Israele durante queste tre settimane in Gaza sono stati portati a Rafah, attraverso la frontiera egiziana, per cure immediate. Vengono dapprima visitati ad El-Arish, una sessantina di chilometri dopo la frontiera. Per i pazienti che spesso sono in ventilazione respiratoria forzata questo è un viaggio pericoloso attraverso una zona di guerra.

Il dottor  Ayman Abd al-Hadi, uno dei medici dell’equipe dell’ospedale, ci ha riferito che questo è il peggior conflitto che abbia mai visto: «Abbiamo visitato un bambino che aveva due pallottole in testa e nessun’altra nel resto del corpo. Secondo noi la cosa è indicativa».

Ha elogiato le equipe mediche di Gaza per l’impegno nel salvare tante vite, nonostante una enorme carenza di personale, forniture e attrezzature. “Ma solo una piccola percentuale di bambini è in grado di sopravvivere a ferite di proiettile alla testa”, ha detto. “Se qui vediamo tre bambini che sono sopravvissuti a ferite da proiettile alla testa, probabilmente ce ne sono 97 altri a Gaza che non ce l’hanno fatta.

Nel piccolo ma ben attrezzato ospedale, i dottori, nel tentativo di rimuovere i proiettili, cercano di stabilizzare le condizioni dei pazienti, la maggior parte dei quali sono in uno stato di incoscienza, prima di inviarli all’ospedale al Cairo, ed in alcuni casi anche più lontano, per cure più complesse. Tra coloro che sopravvivono, veramente pochi sono quelli che si riprendono del tutto: la maggior parte di questi bambini resterà paralizzata per tutta la vita.

Ci sono poi altri bambini i quali hanno delle ferite tremende, come Samer, di neanche 3 anni, che gioca con un guanto da chirurgo gonfiato come un palloncino, mentre il chirurgo egiziano cerca di distrarla dal dolore che le causerà la somministrazione di un’iniezione di antidolorifici alla mano.

Dopo che le hanno sparato nella schiena mentre era davanti a casa sua, a Gaza, ci sono volute 3 ore perchè arrivassero degli aiuti medici. Lo zio, Hassan Abedrabo, ha detto che Samer è stata colpita alla spina dorsale da una pallottola israeliana ed è rimasta paralizzata. Le sue due sorelle, di 3 e 6 anni, sono rimaste colpite a morte, mentre cercavano di fuggire all’attacco portato coi carri armati contro le loro case a Jabaliya – nel nord di Gaza City – durante lo stesso assalto.

La madre delle bambine è stata colpita due volte ma è sopravvissuta; Abedrabo racconta che la loro nonna, la quale con una bandiera bianca in mano era alla testa del terrorizzato gruppo famigliare, ha perso un braccio centrato da colpi di arma da fuoco.

Attualmente Samer è stata trasferita in un ospedale belga, ma i dottori egiziani che l’hanno curata ad El-Arish ritengono che non riprenderà più a camminare. Anche se è troppo piccola per capire cosa le riserverà il futuro, Samer ritiene di sapere cosa le è capitato: «I giudei mi hanno sparato», ci ha detto in Arabo, «ed hanno ucciso le mie sorelline».

Lo zio di Samer ribadisce con forza che, quando i carri armati hanno aperto il fuoco, la settimana scorsa, non ci fossero combattenti di Hamas in casa loro. Egli è un sostenitore di Fatah, rivale Hamas, guidata dal presidente palestinese Mahmoud Abbas.

Abedrabo ha aggiunto: «I carri armati hanno aperto il fuoco puntando al quarto piano», mentre con lo sguardo osserva la nipotina ricoverata in ospedale . C’erano circa 30 persone che avevano cercato rifugio al piano terreno, mentre i carri armati passarono a colpire il terzo, poi il secondo e quindi il primo piano.

«La casa iniziò a traballare, ed eravamo terrorizzati; le donne ed i bambini urlavano pensando che la casa stesse per crollare».

«Io parlo ebraico, così urlai ai militari israeliani. L’ufficiale mi rispose: «Venite fuori», allora le donne uscirono per prime tenendo in mano una bandiera bianca e loro aprirono il fuoco da circa 15 metri. Come fanno a dire che non ci fossero dei bambini? Li potevano ben vedere da quella distanza».

Tre ore dopo, quando un mio cugino giunse insieme ai dottori palestinesi, erano rimaste nella casa otto persone. A quel punto, ricorda Abedrabo, missili lanciati da F16 israeliani hanno distrutto quello che rimaneva della casa, uccidendo tutti quelli che erano ancora rimasti dentro.

Gli psichiatri dell’ospedale, che visitano tutti i pazienti, erano particolarmente preoccupati per un ragazzino di 13 anni, rimasto imprigionato per 3 giorni sotto alle macerie della casa e che riportava terribili ferite da scheggie di bombe. Gli altri membri della famiglia giacevano morti ittorno a lui, mentre egli assisteva alla scena dei cani randagi mentre iniziavano a sbranarne i cadaveri.

Mentre la settimana scorsa crescevano le pressioni esercitate sui due fronti per giungere ad un cessate il fuoco, la reazione della pubblica opinione israeliana contro questa campagna militare ha dato pochi segni di vita.

In controtendenza, l’Associazione israeliana per i Diritti Civili ha protestato contro la misera situazione dei bambini Palestinesi, acquistando una pagina intera del quotidiano Ha’retz e facendo una pubblicità tipo annuncio funebre. In essa si lamentava la morte di bambini di diversa età, evidenziando a chiare lettere, in rosso brillante, la scritta: «BASTA».

«C’è poca voglia di confrontarsi con il prezzo pagato dalla popolazione civile a Gaza», ha detto Nirit Moskovitz, portavoce del gruppo, «la società israeliana deve rendersi conto che vengono colpite persone vere e bambini innocenti. I bambini sono i più deboli di tutti e perciò dobbiamo concentrare l’attenzione su di loro».

I medici a El-Arish non possono verificare in modo indipendente tutte le testimonianze delle vittime di Gaza. Ma niente di ciò che hanno visto potrà mai screditare le affermazioni da parte dei civili che sono stati deliberatamente presi di mira.

*

Original font by Theuglytruthhttp://theuglytruth.wordpress.com/2012/06/27/bullets-in-the-brain-shrapnel-in-the-spine-the-terrible-injuries-suffered-by-children-of-gaza/?blogsub=confirming#blog_subscription-4

Translated by Filippo F. Pilato - per TerraSantaLibera.orghttp://wp.me/pVY5r-OL

http://terrasantalibera.wordpress.com/2012/07/04/zionist-game-bullets-in-the-brain-of-the-gazans-kids-il-gioco-sionista-proiettili-nel-cervello-dei-bambini-di-gaza-eng-ita/

Reloaded by SyrianFreePress.net Network

at https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/07/04/zionist-game-bullets-in-the-brain-of-the-gazans-kids-il-gioco-sionista-proiettili-nel-cervello-dei-bambini-di-gaza-eng-ita/

*

*

*

*

*

About these ads