Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*

Ambassador al-Jafari: No Country Could Permit Terrorists and Mercenaries to Control Cities or Abandon Responsibility to Protect Citizens

Sep 01, 2012 – NEW YORK, (SANA) – The UN Security Council held a session yesterday, called for by France, to bargain on the suffering of the Syrians caused by the terrorism financed and supported by France and its western allies and regional tools.

Words delivered by the representatives of the enemies of Syria aimed at mixing cards and deny their responsibility in the crisis suffered by the Syrian People and at raising the morale of the terrorists operating at their orders and encouraging them to continue violence and terrorism.

Syria’s Ambassador to the UN, Dr. Bashar al-Jafari, underlined in his speech that some countries view the humanitarian aid from the perspective of “their political and interventionist agendas,” citing some countries’ participation in providing humanitarian aid, even in small and conditional sums, while imposing unjust economic sanctions which caused grave humanitarian consequences against the Syrian People.

Al-Jafari wondered how some Arab and Islamic countries could talk about providing humanitarian aid to Syria and shed tears over the humanitarian condition of the Syrian People, while these countries had never offered any contribution to the humanitarian response plan which was signed between the Syrian Government and the UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (UNOCHA).

“We wish intentions were true when some talk about dealing with the humanitarian side of the crisis. I say this because there is the impression in Syria that some want to aid the Syrian People, provided that this aid to be continued till the last Syrian in Syria!” added al-Jafari, calling for the tackling of the causes which led to the suffering amid continued destruction by the foreign-backed armed groups of the Syrians’ means of life, including the infrastructure, health, education, service utilities, communication and transport means and power sources.

Ambassador al-Jafari underscored that no country could permit terrorists and mercenaries to control its cities or to abandon responsibility to protect its citizens, quoting many official statements issued by some Arab, regional and international officials in support of the armed groups in Syria.

Al-Jafari highlighted the Syrian positive response to and cooperation with Kofi Annan’s, the resigned UN Envoy to Syria, six-point plan, not to mention Syria’s welcome to Geneva action group’s final statement and acceptance of Lakhdar Ibrahimi appointment as special representative for the UN Secretary General to Syria.

Al-Jafari pointed out that the non-objective and mistaken reading by some and their insistence on dictations and flagrant interference in Syria’s internal affairs, and the non-cooperation of some countries with Annan’s six-point plan led to the resignation of Annan and to the non-extension of the observers mission in Syria.

Ambassador al-Jafari presented the UN Security Council session with a list including 107 names and ID’s of foreign and Arab terrorists who were killed in Aleppo by the Syrian Army, and asked for enlisting it as one of the UN official documents.

Al-Jafari blasted the miserable conditions of the displaced Syrians in countries neighboring Syria, calling on these countries to allow the displaced who want to return home to return to their homeland, Syria, pointing out that some of the camps to receive the displaced Syrians have been unfortunately transferred into military centers for assembling and training terrorists before sending them to perpetrate their crimes against the Syrians.

He underscored that Syria does not want “sectarian democracy”, given the fact that Syria has been and would ever be for all of the Syrians with no exception, saying “Syria is civilization before being a state.”

Ambassador al-Jafari quoted the French FM, Laurent Fabius’s, earlier statements on July the 29th in which he spoke about the delivery of weapons by Qatar and Saudi Arabia and other countries to the armed groups in Syria, calling on France, therefore, to shoulder its responsibilities as UN Security Council permanent member, and respect international law and UN Charter, and UNSC resolutions numbered 2042 and 2043.

Al-Jafari blasted the role played by the Turkish Government in the crisis in Syria as a main “partner in the shedding of Syrian blood” given its hosting of armed, salafi, Wahhabi, extremist and ignorant groups and leaders with their training camps.

He referred to the smuggling of weapons from Lebanon into Syria by some ‘political sides’ and not by the ‘official Lebanon’ and lambasted the unbalanced and offensive statements issued by the representatives of Morocco, France and Germany during the session, “in deviation of diplomatic traditions.”

Churkin Condemns Calls for Providing Aid to Terrorist Groups in Syria

On his part, the Ambassador of Russia, Vitaly Churkin, condemned the calls by some countries to provide aid to the armed terrorist groups in Syria, calling for full commitment to the principles of neutrality and honesty, asserting that humanitarian aid should be within the frame of international law.

Churkin pointed out that the level of violence in Syria aggravated because of the stances taken by some members of the UN Security Council, stressing that there should be no submission to what the terrorists who desire to accomplish the more of instability , particularly their acts of oppression against the minorities, want.

Ambassador Churkin called for increased pressure on all parts of the crisis in Syria as to end violence and achieve the possibility of reaching to meet the urgent humanitarian needs.

‘Therefore, we have to be committed to Security Council resolutions, including Kofi Annan’s plan, Geneva accord, and work with the Syrian Government and opposition and to put pressure on all parties,’ said Churkin, who renewed Russia’s welcome to the appointment of al-Ibrahimi as representative to Syria and Russia’s willingness to provide support to him as to reach to a political solution to the crisis in Syria.

Li Baodong Reiterates China’s Support for political Settlement by the Syrians

For his part, Li Baodong, the Permanent Representative of China, reiterated China’s support to political settlement by the Syrians themselves in Syria and opposition to whatever foreign-imposed solutions.

Ambassador Li Baodong voiced China’s concern over the human condition and called for the implementation of Annan’s 6-point plan, Geneva declaration, asserting that the top priority is to halt all forms of violence as soon as possible.

Iraqi Deputy Foreign Minister Calls for Halting Foreign Meddling in Syria’s Affairs

Meantime, Mohamad Jawad, Deputy Foreign Minister of Iraq, called for an end to violence preparing the necessary atmosphere to start a political process agreed upon by the representatives of the Syrian People leading to the realization of the Syrians’ legitimate aspirations in preservation of security and stability in Syria and in the rest of the region countries.

Jawad called for the halting of foreign meddling in the Syrian affairs because they aggravate the crisis and its humanitarian consequences, The initiative of Iraq to solve the crisis in Syria through dialogue among all spectrums.

Other words delivered by the representatives of France, Turkey, Britain, and the USA were characterized by ‘crocodile’s tears’, flagrant meddling in Syria’s domestic affairs, in support to the terrorist armed groups operating in Syria in line with the western agenda aiming at the destruction of Syria.

The representatives of Jordan, Lebanon, South Africa and Azerbaijan underlined the necessity to provide aid to the needed in Syria and outside it, and asserted that the political solution was through dialogue among all sides as to end the suffering of the Syrians, reiterating backing to the UN Representative, al-Akhdar al-Ibrahimi’s mission.

Al-Ibrahim- SANA – 01 SEPTEMBER 2012

*

*

ITALIANO   ***   ITALIANO   ***  ITALIANO   ***  ITALIANO   ***  

L’Ambasciatore al-Jafari: “Nessuna Nazione consentirebbe a terroristi e mercenari di controllare le proprie città, rifiutando di assumersi  la responsabilità di proteggere i cittadini”.

NEW YORK – SANA – 1 Settembre, 2012 – Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha tenuto ieri una sessione , richiesta dalla Francia, per trattare delle sofferenze dei siriani causate dal terrorismo finanziato e sostenuto dalla Francia, dai suoi alleati occidentali e dai loro strumenti dell’area.

Le parole espresse dai rappresentanti dei nemici della Siria sono volte a mischiare le carte per negare la loro responsabilità nella crisi sofferta dal popolo siriano e per favorire il morale dei terroristi che operano ai loro ordini, incoraggiandoli a continuare con la violenza e il terrorismo.

L’ambasciatore della Siria alle Nazioni Unite, il dottor Bashar al-Jafari, ha sottolineato nel suo discorso che alcuni paesi considerano l’aiuto umanitario dal punto di vista della “loro pianificazione politica interventista”, citando a proposito la partecipazione di alcuni paesi nella fornitura di aiuti umanitari, anche in piccole e condizionate somme, mentre contemporaneamente impongono le ingiuste sanzioni economiche che hanno causato gravi conseguenze umanitarie ai danni del popolo siriano.

Al-Jafari si è chiesto come facciano alcuni paesi arabi e islamici a parlare di inviare aiuti umanitari in Siria ed a versare lacrime per le condizioni umanitarie della popolazione siriana, mentre questi paesi non avevano mai offerto alcun contributo al piano di risposta umanitaria che è stato firmato tra il governo siriano e l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA).

“Vogliamo augurarci che tali intenzioni siano veraci, dal momento che alcuni parlano di affrontare l’aspetto umanitario della crisi. Dico questo, perché si ha l’impressione che in Siria alcuni vogliono aiutare il popolo siriano, a condizione che l’aiuto debba continuare fino all’ultimo siriano Siria!”, ha aggiunto al-Jafari, chiedendo il affrontare alla radice le cause che hanno portato la sofferenza per mezzo della distruzione continuata, da parte di gruppi armati foraggiati dall’estero, di tutti quei mezzi di vitale importanza per i siriani, tra cui le infrastrutture, la sanità, l’istruzione, i servizi di assistenza, le comunicazioni ed i mezzi di trasporto, nonchè le fonti di alimentazione ed energetiche.

L’ambasciatore al-Jafari ha sottolineato che nessuna Nazione  permetterebbe mai a terroristi e mercenari di controllare le sue città, rifiutando di assumersi  la responsabilità di proteggere i cittadini, citando molte dichiarazioni ufficiali rilasciate da alcuni funzionari arabi, regionali e internazionali, a sostegno dei gruppi armati in Siria.

Al-Jafari ha evidenziato la risposta siriana, positiva e di cooperazione, al piano in sei punti di Kofi Annan, l’inviato dimissionario delle Nazioni Unite in Siria, per non parlare del benvenuto della Siria alla dichiarazione  di gruppo finale di Ginevra e dell’accettazione della nomina Lakhdar Ibrahimi come Segretario generale e rappresentante speciale per le Nazioni Unite in Siria.

Al-Jafari ha sottolineato 1) la lettura non-oggettiva ed errata dei fatti da parte di alcuni, 2) la loro insistenza ad imporsi e interferire flagrantemente negli affari interni della Siria, 3) la mancata collaborazione di alcuni paesi con il Piano in sei punti Annan, cosa che ha portato alle sue dimissioni ed alla non-estensione della missione degli osservatori in Siria.

Ambasciatore al-Jafari ha presentato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite un elenco che comprende 107 nomi e identità accertate di terroristi stranieri e arabi che sono stati uccisi in Aleppo dall’Esercito Arabo Siriano, richiedendo la registrazione agli atti di questo elenco  tra i documenti ufficiali delle Nazioni Unite.

Al-Jafari ha esaltato le condizioni di miseria dei siriani sfollati nei paesi confinanti con la Siria, invitando questi paesi a consentire agli sfollati, che vogliano tornare a casa, di poter ritornare alla propria terra, la Siria, sottolineando che in alcuni campi capita purtroppo che alcuni siriani sfollati vengano trasferiti in centri militari per l’addestramento di terroristi da inviare a perpetrare i loro crimini contro i siriani.

Egli ha sottolineato che la Siria non vuole un “democrazia settaria”, in considerazione del fatto che la Siria è stata ed è per tutti i siriani, senza eccezione, dicendo: “La Siria è una civiltà, ancor prima di essere uno Stato”.

Ambasciatore al-Jafari si è riferito quindi al ministro francese Laurent Fabius, che nelle precedenti dichiarazioni del 29 luglio 2012 ha parlato della consegna di armi, da parte del Qatar, dell’Arabia Saudita e di altri paesi, ai gruppi armati in Siria, invitando la Francia quindi ad assumersi le proprie responsabilità, in qualità di Membro Permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nel rispetto del Diritto Internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, nelle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza numerate 2042 e 2043.

Al-Jafari ha esaltato il ruolo svolto dal governo turco nella crisi in Siria, come “partner principale nello spargimento di sangue siriano”, data la sua accoglienza di armati, salafiti, wahabiti, estremisti e gruppi di ignoranti e leader di ogni tipo nei loro campi di addestramento.

Ha fatto riferimento al contrabbando di armi dal Libano alla Siria da parte di alcuni “fazioni politiche”, non da parte di ‘Autorità ufficiali del Libano’, criticando aspramente le dichiarazioni squilibrate e offensive rilasciate dai rappresentanti del Marocco, Francia e Germania, durante la sessione, “in contrasto e deviazione con ogni tradizione diplomatica “.

Churkin condanna chi chiede sostegno ai gruppi terroristici in Siria

Da parte sua, l’ambasciatore della Russia, Vitaly Churkin, ha condannato gli appelli da parte di alcuni paesi a fornire aiuti ai gruppi armati terroristici in Siria, chiedendo piena adesione ai principi di neutralità e onestà, affermando che l’aiuto umanitario deve essere praticato all’interno delle regole del diritto internazionale.

Churkin ha sottolineato che il livello di violenza in Siria è aggravato a causa delle posizioni assunte da alcuni membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, sottolineando che non ci dovrebbero affatto essere sottomissioni al desiderio di maggior instabilità che i terroristi vorrebbero realizzare, in particolare con i loro atti di oppressione ai danni delle minoranze.

L’ambasciatore Churkin ha chiesto una maggiore pressione su tutte le parti dell’attuale crisi in Siria, per porre fine alla violenza e ottenere la possibilità di giungere a soddisfare le esigenze umanitarie più urgenti.

‘Pertanto, dobbiamo essere impegnati verso risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, corredate con il piano di Kofi Annan e gli accordi di Ginevra, e lavorare con il governo siriano e l’opposizione, per esercitare pressioni su tutte le parti’, ha detto Churkin, che ha rinnovato il benvenuto della Russia alla nomina di al -Ibrahimi come rappresentante, e la volontà della Siria e della Russia di fornirgli sostegno necessario a raggiungere una soluzione politica della crisi in Siria.

Li Baodong ribadisce il sostegno della Cina per una soluzione politica che provenga dai siriani stessi.

Da parte sua, Li Baodong, il rappresentante permanente della Cina, ha ribadito il sostegno della Cina a una soluzione politica che provenga dai siriani in Siria ed il rifiuto a qualunque soluzione imposta da stranieri.

Preoccupazione è stata espressa dall’ambasciatore della Cina Li Baodong  sulle condizioni umane, chiedendo l’attuazione del Piano Annan in 6 punti e della Dichiarazione di Ginevra, affermando che la priorità è quella che venga sospesa qualsiasi forma di violenza il più presto possibile.

Il Vice Ministro degli Esteri iracheno chiede venga interrotta ogni ingerenza straniera negli affari della Siria.

Nel frattempo, Mohamad Jawad, Vice Ministro degli Esteri iracheno, ha chiesto la fine delle violenze per preparare quell’atmosfera necessaria ad avviare un processo politico concordato dai rappresentanti del popolo siriano, per giungere alla realizzazione delle legittime aspirazioni dei siriani nel mantenimento della sicurezza e della la stabilità in Siria e nel resto dei paesi della regione mediorientale.

Jawad ha chiesto l’interruzione delle ingerenze straniere negli affari siriani, perché aggravano la crisi e le sue conseguenze umanitarie. L’iniziativa dell’Iraq è quella di risolvere la crisi in Siria attraverso il dialogo in tutte le sue forme.

Altre parole, pronunciate dai rappresentanti di Francia, Turchia, Gran Bretagna e Stati Uniti sono state caratterizzate da “lacrime di coccodrillo”, ingerendo flagrantemente negli affari interni della Siria, a sostegno dei gruppi terroristici armati che operano in Siria, in linea con la pianificazione del progetto occidentale volto alla la distruzione della Siria.

I rappresentanti di Giordania, Libano, Sud Africa e Azerbaigian hanno sottolineato la necessità di fornire gli aiuti necessari, in Siria e fuori di essa, ed hanno affermato che la soluzione politica passa attraverso il dialogo tra tutte le parti, per porre fine alle sofferenze dei siriani, ribadendo il loro sostegno alla missione del rappresentante delle Nazioni Unite, al-Akhdar al-Ibrahimi.

Traduzione di FFP per SyrianFreePress.net Network

Link a questa pagina https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/09/01/bashar-al-jafaari-no-country-could-permit-terrorists-and-mercenaries-to-control-cities-or-abandon-responsibility-to-protect-citizens-bashar-al-jafaarinessuna-nazione-consentirebbe-a-terroris/

*

*

*

*

*

Advertisements