Tags

, , , , , , , , , , , , ,

*

Brahimi in Moscow, beyond the words of circumstances the real globalist-lobby projects for Syria

We submit you the agencies reports about the meetings in Moscow between Russian and the UN high diplomacy. In addition to reading some statements made by Sergei Lavrov, the ones we are most interested in are those from the UN envoy in Syria, Lakhdar Brahimi. Through some of his significant phrases, we can understand, beyond the words of circumstances, mandatory for a diplomat, which are in fact the real globalist-lobby projects for Syria: the same they have in mind, with different formulas, the Western powers and the petro-monarchies of the Gulf (…and the jihadists of Al Qaeda with them …).
Brahimi, in fact, is just one of their spokesman.
After reading the whole article, we would like to focus on a few key phrases:
1) “the process of building a new Syria”
2) “Syria, like all other countries in the region, needs concrete transformations, not just a surface reconstruction, not cosmetic reforms, but complete”
In these few but significant sentences are contained the directives for a radically change of the National structure of Syria, which is currently pan-Arab and a reference for the Resistance  against the Zionist expansionism, into something more malleable for the Western (pro-Israel) powers.
(
SyrianFreePress.net Network editor)

*

*

Quotes from the joint press conference Brahimi and Lavrov in Moscow.

Russian Foreign Minister Sergei Lavrov affirmed that Russia supported the efforts of UN Envoy to Syria Lakhdar Brahimi to resolve the Syrian crisis and launch political dialogue since the beginning, which is the same principle adopted in the Geneva agreement, voicing concern over the escalation of violence in Syria.

In a joint press conference with Brahimi on Monday, Lavrov said his talks with the UN Envoy seek to find new steps to end violence and bloodshed in Syria and launch dialogue, regretting that Brahimi’s efforts for a truce during Eid al-Adha holiday weren’t heeded.

Lavrov stressed that the sending observers or peacekeeping forces to Syria must be approved by Syrian government, and that such a decision can only be taken by the Security Council and after the Syrian government agrees to it.

He also affirmed the need for the international community to support dialogue between the Syrian government and the opposition, noting that there were sides that hindered the work of international observers in Syria and are currently hindering dialogue and efforts to achieve peace.

“Now we seek to carry out the Geneva agreement, and the first step is to halt violence by all sides which requires international supervision… we must work to move events in the right direction and speak in one voice, particularly foreign players,” he said, noting that Russia will request reinstating the international observer mission in Syria and sending a UN fact-finding mission, which can only be done if there’s a ceasefire.

Lavrov voiced hope that western and regional sides will realize that no results can be achieved without dialogue with the Syrian government, adding that his country doesn’t wish to accuse anyone of the violence taking place in Syria now.

He called on all foreign forces to assume their responsibilities, specifically regarding the sides they support in Syria, stressing that the urgent issue is committing all the Syrians who are fighting each other to a ceasefire and have them initiate dialogue.

Lavrov said that sides in Syria must be pressured to send balanced signals rather than have certain sides support specific sides to perpetuate violence, stressing the need to convince these sides to commit to a ceasefire and transition to political dialogue.

“We don’t know who broke the truce, but there are acts of provocation and responses we see every day,” he said.

Lavrov also expressed regret that the Geneva agreement, which was approved by all international players and parties, has not been documented at the UN Security Council.

He stressed that the efforts exerted in Geneva mustn’t go to waste, expressing appreciation of the efforts exerted by Ibrahimi to find a collective solution to the crisis in Syria.

For his part, Brahimi said that the bombings committed by some groups in residential areas are classified as acts of terrorism committed by groups he had no contact with, saying that such actions were condemned by the Security Council, UN Secretary-General and all foreign sides.

Brahimi said that the Syrian government announced its commitment to halting military operations within Eid al-Adha holiday and that a small number of “opposition forces” did likewise, which is why other sides are accused of violating the ceasefire.

“The result is that there was no ceasefire, and the Syria people didn’t  have a quiet holiday,” he said, stressing that all sides must cooperate to build a new Syria.

Brahimi denied that the UN is considering sending forces to Syria, noting that UN Secretary-General Ban Ki-moon made that clear a few days ago, stressing that there are no plans to send a peacekeeping mission to Syria and at the same time noted that the UN plans for any eventuality in the future.

He warned that the situation is Syria is bad and getting worse, and that the international community must work together to help Syrians and resolve the crisis.

“Syria is a very important country, and the Syrian people deserve our support…  we will continue working with all the parties inside and outside Syria to come to reducing the level of violence and later ending it and engaging in dialogue to build the new Syria,” Brahimi said, concluding by stressing that the desired change in Syria is true change within a process led  by the Syrians themselves with support from the international community.

“Syria, like all other countries in the region, needs concrete transformations. Not just a surface reconstruction, but a complete one”, concluded Lakdar Brahimi.

*

ITALIANO

Brahimi a Mosca, al di là delle parole di circostanza i veri progetti per la Siria della lobby globalista

Vi sottoponiamo i rapporti delle agenzie  stampa circa gli incontri a Mosca tra l’alta diplomazia russa e quella delle Nazioni Unite. Oltre alla lettura di alcune dichiarazioni fatte da Sergei Lavrov, quelle che a noi più interessano sono quelle dell’inviato delle Nazioni Unite in Siria, Lakhdar Brahimi. Attraverso alcune sue frasi significative, noi possiamo capire, al di là delle parole di circostanza, d’obbligo per un diplomatico, quali siano in realtà i progetti della lobby mondialista per la Siria: gli stessi che hanno in mente, con diverse formule, le potenze occidentali e le petrol-monarchie del Golfo (ed i jihadisti di Al Qaeda con loro…).
Brahimi, in realtà, è solo un loro portavoce.
Dopo aver letto tutto l’articolo, noi vorremmo porre l’attenzione su un paio di frasi chiave:
1) “processo di costruzione di una nuova Siria”
2) “la Siria, come tutti gli altri paesi di questa regione, ha bisogno di trasformazioni concrete. Non basta una ricostruzione superficiale, con riforme cosmetiche, ma completa”.

In queste poche ma significative frasi sono contenute le direttive per cambiare radicalmente la struttura nazionale della Siria, che è attualmente pan-araba e referente della Resistenza all’espansionismo sionista, in qualcosa di più malleabile per i poteri forti occidentali, pro-israeliani.
(Redazione SyrianFreePress.net Network)

*

*

Dichiarazioni dalla conferenza stampa congiunta di Brahimi e Lavrov, a Mosca.

MOSCA – Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha affermato che la Russia ha sostenuto fin dall’inizio gli sforzi dell’inviato delle Nazioni Unite in Siria, Lakhdar Brahimi, per risolvere la crisi siriana ed avviare il dialogo politico, cioé lo stesso principio adottato dalla convenzione di Ginevra, esprimendo preoccupazione per l’escalation di violenza in Siria.

Lunedí, in una conferenza stampa congiunta con Brahimi, Lavrov ha detto che i suoi colloqui con l’inviato delle Nazioni Unite hanno fatto nuovi passi per porre fine alla violenza e allo spargimento di sangue in Siria e per rilanciare il dialogo, deplorando il fatto che gli sforzi di Brahimi per una tregua durante la festa di Eid al-Adha non siano stati ascoltati.

Lavrov ha sottolineato come solo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU possa inviare nel paese una missione di pace, ed esclusivamente se concordato con il governo siriano. Questa necessità potrebbe presentarsi se verrà adottata la Dichiarazione di Ginevra.

Egli ha anche affermato la necessità che la comunità internazionale sostenga il dialogo tra il governo siriano e l’opposizione, rilevando che vi sono fazioni che hanno sempre ostacolato il lavoro degli osservatori internazionali in Siria e che tutt’ora ostacolano il dialogo e gli sforzi per raggiungere la pace.

La prima mossa che bisogna fare è proprio interrompere l’uso della violenza da entrambe le parti, e questo chiaramente necessita di un monitoraggio internazionale. Noi interverremo affinchè torni in Siria una missione di osservatori dell’ONU, composta da un numero decisamente maggiore di membri.

“Ora cerchiamo d’attuare l’accordo di Ginevra, ed il primo passo da fare è quello di porre fine alle violenze, da parte di ogni fazione, richiedendo la supervisione internazionale … dobbiamo lavorare per porre gli eventi nella giusta direzione e parlare con una sola voce, in particolare gli interlocutori stranieri”, evidenziando il fatto che la Russia chiederà il ripristino della missione internazionale di osservatori in Siria . “Noi interverremo affinchè torni in Siria una missione di osservatori dell’ONU, composta da un numero decisamente maggiore di membri” ha affermato Lavrov.

Lavrov ha espresso la speranza che le parti occidentali e regionali, si rendano conto che nessun risultato può essere raggiunto senza un dialogo con il governo siriano, aggiungendo che il suo paese non intende accusare nessuno delle violenze in corso in Siria adesso.

Egli ha invitato tutte le forze straniere ad assumersi ognuna le proprie responsabilità, in particolare per quanto riguarda coloro che supportano il terrorismo in Siria. Bisogna ancora raggiungere la fase che porti verso il dialogo politico in Siria, e  la Russia è l’unico dei partecipanti alle discussioni di Ginevra a mantenere contatti con tutte le parti del conflitto. Lavrov è dell’opinione che senza dialogo con il governo sia molto difficile ottenere qualcosa. Ciononostante alcuni vicini della Siria e alcuni stati occidentali si rifiutano di parlare con le autorità.

“Non sappiamo chi abbia rotto la tregua, ma ci sono atti di provocazione e reazioni che vediamo ogni giorno”.

Lavrov ha anche espresso rammarico che l’accordo di Ginevra, il quale è stato approvato da tutti gli attori e le parti internazionali, non è stato documentato al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Egli ha sottolineato che gli sforzi esercitati a Ginevra non devono andare sprecati, esprimendo apprezzamento per gli sforzi esercitati da Brahimi per trovare una soluzione collettiva alla crisi in Siria.

Da parte sua, Brahimi ha detto che gli attentati commessi da alcuni gruppi in zone residenziali sono classificati come atti di terrorismo commessi dai gruppi con cui non ho avuto nessun contatto, dicendo che tali azioni sono state condannate dal Consiglio di Sicurezza, dal Segretario Generale e da tutti gli interlocutori stranieri.

Brahimi ha detto che il governo siriano ha annunciato il suo impegno a fermare le operazioni militari nel periodo di Eid al-Adha e che una piccola parte delle “forze di opposizione” ha fatto lo stesso, ma altre fazioni sono state accusate di aver violato il cessate il fuoco.

“Il risultato è che non c’é stato nessun cessate il fuoco, ed il popolo della Siria non ha mai avuto una vacanza tranquilla”, sottolineando che tutte le parti devono cooperare per costruire una nuova Siria.

Brahimi ha negato che l’Onu stia discutendo l’invio di forze in Siria, sottolineando che il Segretario generale dell’ONU, Ban Ki-Mmoon, l’ha messo in chiaro un paio di giorni fa, evidenziando che non ci sono al momento piani per inviare una missione di mantenimento della pace in Siria, ma allo stesso tempo ha aggiunto che l’ONU é pronta ad affrontare ogni evenienza per il futuro.

Lakhdar Brahimi ha affermato che lo scopo principale (della sua missione) è infondere la spinta necessaria affinche le parti in lotta inizino ad accordarsi autonomamente tra loro. Egli ha sottolineato che la crisi siriana è estremamente pericolosa e che la situazione sta peggiorando. La comunitá internazionale, ha aggiunto Brahimi, deve lavorare coesa, per aiutare il popolo siriano e per risolvere la crisi.

“Il popolo siriano merita il nostro sostegno. Noi continuiamo con i nostri sforzi, e saremo pronti a collaborare con tutti, sia con le componenti interne che con quelle esterne. Il nostro obiettivo è porre fine alle violenze e dare avvio al processo di costruzione di una nuova Siria. La Siria, come tutti gli altri paesi di questa regione, ha bisogno di trasformazioni concrete. Non basta una ricostruzione superficiale, ma completa”, ha concluso Lakdar Brahimi.

*

Arab Agencies – 29/10/2012

Translated and commented by SyrianFreePress.net Network – 30/10/2012

at  https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/10/30/9953/

*

*

*

*