Tags

, , , , , , , , , , , , , , , ,

*

Syria: a terrible massacre and bloodbath is underway at the hands of armed mercenaries, with the support of the Erdogan government.

An entire village on the border with Turkey is under siege and bombarded incessantly (like Sirte or Bani Walid in Libya at the hands of NATO mercenaries), by mercenaries terrorists supported with Turkish weapons and American satellite logistics , from more than two weeks.

Stop them! Is the scream of pain of the population.

Harem is a town of 12 000 inhabitants, located in north-west Syria, Idlib province, 2km from the current turkish border, with the region “Alexandretta”, which is also Syrian territory in the far north west of Syria, which was annexed to Turkey in November 29, 1939, after a referendum managed under the French occupation that was succeeded to the Ottoman in 1918, but Syria does not recognize this referendum of the French colonial period, and considers these areas as part of its national territory, as well as the maps show.

Harem, is one of the most important and of great interest to the Erdogan government, which with the support of the international community is trying to create a buffer zone as a first step towards his dream of a new Ottoman Empire, something for which Harem it would be a good starting point, because its proximity to the turkish border would facilitate the infiltration of armed groups, in addition to its strategic position, the altitude, and the undisputed historical importance.

Harem, by 14 days, is under siege and under incessant bombardment by mercenaries and armed gangs infiltrated by the Erdogan government, from all over the world with funding from Qatar and Saudi Arabia, and supported logistically and militarily by the Erdogan government, who has made available to them its batteries of artillery, with which participating alongside mercenaries Salafis in the bombing of the city.

In the last four days, things have worsened.

The terrorists took advantage of the succeeded “Eid al-Adha” truce, thanks to the logistical information and intelligence they have got from the Turkish and American satellite photos, to stop all supply routes to the Syrian Arab Army.

The last to be attacked, making it collapse, is the most strategic bridge of the city, the one that connect Aleppo with Harem.

Harem is now completely isolated and without the minimum necessary for survival, under intense rain of artillery fire by the turkish army, and targeted by the latest generation of missiles provided to the FSA mercenaries. In the last 24 hours they have destroyed several Syrian army tanks (present since before the access roads to the city were bombed and blocked), in addition to killing more than 50 soldiers and policeman, who are continuing to resist with every weapon in their possession.

The helicopters are no longer able to provide food and food supplies to the people, because of the surface-to-air rockets in the hands of salafis mercenaries: and all this continued for almost 14 days, in which the citizens are left without food, no running water, no telephone calls.

The latest tragedy is the tragedy that occurred last night, when Radio-Sham-FM has managed to establish a satellite telephone contact with a citizen who was with 500 other people, including many women and children, hidden on the ground floor of a three-story building, which has provided the following account:

“The mercenaries began to attack from all sides, with dense stray bombs and missiles the entire town, making no distinction between mosquee, homes, schools. We had never heard before the roaring sound of the bombing, the whistling of the missiles and the noise of their explosion, and had never witnessed the terrifying scene of the vision of dozens of dead bodies in the streets, the mosques full of wounded including women, children, men, soldiers, some of whom are likely to lose their lives due to lack of medications for their serious injuries for which we do not have nothing with which to clean them, not even drinking water.

Worse was yet another tragedy, when a group of women with their children, driven by the fear generated by the terrible sound of the shelling, they decided to get out of the cities, covered by the darkness of the night, accompanied by three men, and taking a side street through the country, when suddenly a group of terrorists cut their way, raping women and killing their children. Was a sixteen year old boy to tell us what happened, after being miraculously managed to escape. We too are Sunni Muslims, but they kill us the same, in the name of Islam, but what kind of Islam they profess? Undoubtedly Salafites, or Wahhabi.

Now I can not stay long outside, I have to go back, because the bombing resumed, but I would like to make an appeal, which could perhaps be the last: if no one helps us, as 14 days of isolation and resistance are not few, and because the soldiers who are defending us are now at the limit of their forces, we’ll all end badly, because they will kill us and bury under the rubble of our homes. So I ask the President Bashar al-Assad to immediately send reinforcements Army, otherwise we’d all be exterminated, and Harem could become the Bani Walid of Syria”.

English translation from a radio interview in Arabic
by TG24Siria and SyrianFreePress.net Network
https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/10/31/10030/

*

ITALIANO

Siria: un terribile massacro e bagno di sangue é in corso per mano di mercenari armati, con il sostegno del governo Erdogan.

Un intero villaggio ai confini con la Turchia é sotto assedio e bombardato incessantemente (tipo Sirte o Bani Walid in Libia per mano dei mercenari NATO), da terroristi mercenari supportati con armi e logistica satellitare Turca e Americana, da oltre due settimane.

FERMATELI!!! É IL GRIDO DI DOLORE DELLA POPOLAZIONE.

Harem è una cittadina di 12 mila abitanti, situata nel nord ovest della Siria, in provincia di Idlib, a 2km dall’attuale confine turco, con la regione “Alessandretta”, che è pure territorio Siriano, nell’estremo nord ovest della Siria, che fu annesso alla Turchia il 29 novembre del 1939, dopo un referendum gestito sotto l’occupazione francese, che era succeduta a quella ottomana nel 1918: ma la Siria non riconosce questo referendum del periodo coloniale francese, e considera queste aree  quali facenti parte del suo territorio nazionale, cosí come anche le mappe dimostrano.

Harem, è una delle aree più importanti e di grande interesse per il governo Erdogan, che con l’appoggio  della comunità internazionale sta tentando di realizzare una zona cuscinetto come primo passo del suo sogno verso un nuovo impero ottomano, cosa per la quale Harem sarebbe un ottimo punto di partenza a causa della sua vicinanza col confine turco che faciliterebbe l’infiltrazione delle bande armate, oltre alla sua posizione strategica, data dall’altitudine, e all’indiscussa importanza storica.

Harem da 14 giorni è sotto assedio e sotto bombardamenti incessanti da parte dei mercenari e delle bande armate infiltrate dal governo Erdogan, provenienti da ogni parte del mondo con finanziamenti del Qatar e dell’Arabia Saudita,e  sostenuti logisticamente e militarmente dal governo Erdogan che ha messo a loro disposizione le sue batterie d’artiglieria, con le quali partecipano accanto ai mercenari Salafiti nel bombardamento della città.

Negli ultimi quattro giorni le cose sono peggiorate.

I terroristi, approfittando dalla tregua del “Eid al-Adha” sono riusciti, grazie alle indicazioni e alle informazioni logistiche dell’intelligence turca e alle foto satellitari americane,  a interrompere tutte le vie di rifornimento per l’Esercito Arabo Siriano.

L’ultimo ad essere attaccato, facendolo crollare, è il ponte più strategico della città, quello che collegava Aleppo con Harem. Ora Harem è completamente isolata e senza il minimo indispensabile per la sopravivenza, sotto un’intensa pioggia di fuoco da parte delle artiglierie dell’esercito turco, e bersagliata dai missili di ultima generazione forniti ai mercenari dell’FSA,   che nelle ultime 24 ore hanno distrutto diversi carri armati dell’esercito siriano (presenti fin da prima che le strade d’accesso alla città fossero bombardate e bloccate), oltre ad aver ucciso più di 50 tra soldati e forze dell’ordine, che continuano comunque a  resistere con ogni arma in loro possesso.

Gli elicotteri non sono più in grado di fornire cibo e scorte alimentari ai cittadini, a causa dei missili terra-aria di ultima generazione in mano ai mercenari salafiti: e tutto ciò continua da quasi 14 giorni, nei quali la cittadina è rimasta senza alimenti, senza acqua corrente, senza comunicazioni telefoniche.

L’ultima tragedia nella tragedia è occorsa ieri sera, quando Radio-Sham-FM è riuscita a stabilire un contatto telefonico satellitare con un cittadino che si trovava con altre 500 persone, tra cui molte donne e bambini, nascoste al piano terra di un palazzo di tre piani, il quale ha fornito il seguente racconto:

“I mercenari hanno cominciato ad attaccarci da tutti i lati, con fitti bombardamenti e missili vaganti sull’intera cittadina, senza fare distinzione tra mosche, abitazioni, scuole. Non avevamo mai udito prima d’ora il fragore del suono dei bombardamenti, il sibilo dei missili ed il frastuono della loro deflagrazione, e non avevamo mai assistito alla scena terrificante della visione di decine di cadaveri per le strade, con le moschee piene di feriti, tra cui donne, bambini, uomini, soldati, alcuni dei quali rischiano di perdere la vita a causa della mancanza di medicazioni per le loro ferite gravi per le quali non abbiamo più niente con cui pulirle, nemmeno l’acqua potabile.

Peggio ancora è stata un’altra tragedia: quando un gruppo di donne con i loro bambini, spinte dalla paura generata dal terribile suono dei bombardamenti, decisero di  uscire dalla città coperte dall’oscurità della notte, accompagnate da 3 uomini e prendendo una strada secondaria attraverso la compagna; quando all’improvviso un gruppo di terroristi tagliava loro la strada, violentando le donne e uccidendo i loro bambini. È stato un ragazzo  di sedici anni a raccontarci ciò che accaduto, dopo essere riuscito miracolosamente a scappare. Anche noi siamo musulmani Sunniti, ma loro ci uccidono lo stesso, nel nome dell’Islam: ma che tipo di Islam professano? Senza dubbio quello Salafito, o wahabita.

Ora non posso stare a lungo all’esterno, devo rientrare, perché i bombardamenti sono ripresi, ma vorrei fare un appello, che potrebbe essere forse l’ultimo: se nessuno ci soccorre, visto che 14 giorni di isolamento e resistenza non sono pochi,  e che i soldati che ci stanno difendendo sono ora al limite delle forze, finiremo tutti male, perché ci uccideranno e seppelliranno sotto le macerie delle nostre case. Quindi chiedo al presidente Bashar al-Assad di mandare subito i rinforzi  dell’Esercito, altrimenti saremmo tutti sterminati, e Harem potrebbe diventare la Bani Walid della Siria”.

Traduzione italiana da un intervista radio in arabo
a cura di TG24Siria  e  SyrianFreePress.net Network
https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/10/31/10030/

*

*

*

*