Tags

, , , ,

foreign-sergei-minister-lavrov-sx

~

Lavrov: Arab League Decisions on Syria Are Rejection of Peaceful Settlement

Mar 29, 2013 – MOSCOW – Russian Foreign Minister, Sergei Lavrov, considered the decisions taken by the Arab League (AL) Summit in Doha on Syria as a rejection of a peaceful settlement to its crisis.

“We received the outcomes of the Arab League summit in Doha with regret and I’m saying this frankly. We see that the core of the decisions taken there is that the League has rejected the peaceful settlement in Syria,” Russia Today website quoted Lavrov as saying in a press conference on Thursday.

“The Arab League decisions actually annuls the Geneva Statement which calls for negotiations between the Syrian government and the opposition,” Lavrov added.

The Russian Foreign Minister said big questions emerge regarding the mandate of Lakhdar Brahimi who was before the AL Summit a UN-Arab League envoy with a mission to activate the communications between the government and the opposition in order to find a solution accepted by the two sides.

“If one of the mandate’s brokers, which is the AL, announced that the ‘opposition National Coalition’ is the only legitimate representative and that there won’t be negotiations but rather arming by those who would like to topple the regime, then I can’t see how Brahimi could be considered an envoy of the AL as well as the UN,” Lavrov wondered.

Commenting on the AL decision allowing sending weapons to the opposition, Lavrov said “Even without discussing to what extent this decision complies with the international law, we can concluded that it aims to encourage the confrontation.”

Lukashevich: U.N. Human rights Council Politicized 

Russian Foreign Ministry Spokesman Alexander Lukashevich affirmed that the UN Human rights council is still used in the political conflicts, and a clear example of this is the decisions taken against Syria and Iran.

“The politicization has increased and the conflicts have escalated, the human rights are now used increasingly in one direction to impose the concepts of new liberalism which calls for boosting the shape of the life which is hostile to the society,” Lukashevich said in a statement to journalists.

~

foreign-sergei-minister-lavrov-dx

Lavrov: Le decisioni della Lega Araba in Siria, sono un rigetto di qualsiasi risoluzione pacifica

29 marzo 2013 – Mosca – Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha esaminato le decisioni prese dalla Lega Araba (AL) a Doha contro la Siria come il rifiuto di una soluzione pacifica alla crisi.

“Abbiamo ricevuto i resoconti del vertice della Lega Araba a Doha, con rammarico, e lo dico francamente. Vediamo che il nocciolo delle decisioni adottate  è che la Lega ha respinto una risoluzione pacifica in Siria,” riferisce il sito web Russia Today citando Lavrov  durante una conferenza stampa.

“Le decisioni della Lega araba annullano di fatto la Dichiarazione di Ginevra che prevede negoziati tra il governo siriano e l’opposizione”, ha aggiunto Lavrov.

Il ministro degli Esteri russo ha detto che grandi questioni emergono per quanto riguarda il mandato di Lakhdar Brahimi, che era al vertice delle Nazioni Unite come inviato con una missionedi presso la Lega Araba per attivare le comunicazioni tra il governo e l’opposizione, al fine di trovare una soluzione condivisa tra le due parti .

“Se uno dei mediatori del mandato, che è la L.A., annuncia che la ‘Coalizione Nazionale’ (di Dhoa, ndt) è l’unico rappresentante legittimo e che non ci saranno trattative, ma piuttosto verrà armata ulteriormente la fazione di coloro che vogliono rovesciare il regime, allora non vedo come Brahimi possa essere considerato un inviato della Lega Araba o delle Nazioni Unite”, si è domandato Lavrov.

Commentando la decisione della LA di permettere l’invio di armi all’opposizione, Lavrov ha detto che “anche senza discutere fino a che punto questa decisione sia conforme al diritto internazionale, si può tranquillamente concludere che essa propone di favorire il confronto armato”.

Lukashevich: il Consiglio per i diritti umani alle Nazioni Unite è politicizzato

Il portavoce del ministero degli Esteri russo, Alexander Lukashevich,  ha affermato che il Consiglio per i Diritti Umani alle Nazioni Unite continua ad essere usato strumentalmente nei conflitti politici, e ne sono un chiaro esempio le decisioni prese contro la Siria e l’Iran.

“La politicizzazione è aumentata ed i conflitti si sono intensificati, ed i diritti umani sono ora utilizzati sempre più in un’unica direzione per imporre i concetti di nuovo liberalismo, che stimola forme di vita che sono ostili alla società”, ha detto Lukashevich in una dichiarazione ai giornalisti.

*

SyrianFreePress.net from Arab News Agencies 29/3/2013

https://syrianfreepress.wordpress.com/2013/03/29/16171/

*

*

*

*

Advertisements