Tags

, , , , , , , , , , , , , ,

crimes-are-crimes

.

Pentagon Preparing for War on Syria

By Stephen Lendman – Global Research, August 26, 2013

Syria bears no responsibility for Wednesday’s incident. Convincing evidence blames insurgents.

On August 25, Reuters, CBS News, London’s Guardian and other news sources headlined the same story.

They reported an unnamed senior White House official, saying there’s “very little doubt” Assad used chemical weapons against civilians last week.

US intelligence didn’t base its assessment on credible evidence. It did so on “the reported number of victims, reported symptoms of those who were killed or injured, and (biased) witness accounts.”

The official also said Syria’s government hasn’t let UN investigators inspect the site to give evidence a chance to degrade.

Assad’s fully cooperating. Syrian and UN officials agreed in advance on what sites would be investigated.

On Sunday, Syria agreed to let UN investigators inspect the Ghouta site. It did so saying it’s insurgent controlled territory. Protection can’t be assured.

A typical US response followed. A statement said Syrian permission came too late.

The unnamed official lied. The Sunday response was duplicitous. Clear evidence refutes White House claims.

On August 25, AP headlined Defense Secretary “Hagel says US still weighing response to Syria.”

He stopped short of discussing specific plans. Asked if it was a matter of when, not if, he said:

“When we have more information, that answer will become clear.” His tone suggested clarity. Obama officials made up their mind earlier. Credible evidence isn’t needed.

“There are risks and consequences for any option that would be used or not used – for action or inaction,” Hagel added.

“You have to come to the central point of what would be the objective if you are to pursue an action or not pursue an action. So all those assessments are being made.”

Hagel was deliberately vague. Forked tongue rhetoric can’t disguise longstanding regime change policy.

On August 24, London’s Guardian headlined “Syria: Cameron and Obama move west closer to intervention,” saying:

They spoke on Saturday. Time’s running out, they said. They said it many times before. Maybe this time they mean it. Both leaders “agree that alleged chemical attack requires a ‘serious response.’ ”

A Number 10 spokesman said:”The prime minister and President Obama are both gravely concerned by the attack that took place in Damascus on Wednesday and the increasing signs that this was a significant chemical weapons attack carried out by the Syrian regime against its own people.”

“They reiterated that significant use of chemical weapons would merit a serious response from the international community and both have tasked officials to examine all the options.”

UK Foreign Minister William Hague called Wednesday’s incident “a chemical attack by the Assad regime.”

French Foreign Minister Laurent Fabius said “all the information at our disposal converges to indicate that there was a chemical massacre near Damascus and that the (Assad government) is responsible”.

On August 25, Itar Tass headlined “Pentagon prepared to begin military intervention in Syria,” saying:

It’ll “begin if President Barack Obama takes a decision on it, US Secretary of Defense Chuck Hagel said Sunday.”

“He said the Pentagon had asked the Department of Defense to consider various lines of action that might suit different situations, and the US military (is) ready now to choose any of them.”

A previous article discussed a no longer accessible January 29, 2013 UK Daily Mail report. It headlined “US ‘backed plan to launch chemical weapon attack on Syria and blame it on Assad’s regime,’ ” saying:

“Leaked emails have allegedly proved that the White House gave the green light to a chemical weapons attack in Syria that could be blamed on Assad’s regime and in turn, spur international military action in the devastated country.”

“A report released on Monday contains an email exchange between two senior officials at British-based contractor Britam Defence where a scheme ‘approved by Washington’ is outlined explaining that Qatar would fund rebel forces in Syria to use chemical weapons.”

“Barack Obama made it clear to Syrian president Bashar al-Assad last month that the U.S would not tolerate Syria using chemical weapons against its own people.”

“It reads:

‘Phil.We’ve got a new offer. It’s about Syria again. Qataris propose an attractive deal and swear that the idea is approved by Washington.”

” ‘We’ll have to deliver a CW to Homs, a Soviet origin g-shell from Libya similar to those that Assad should have.’ “

” ‘They want us to deploy our Ukrainian personnel that should speak Russian and make a video record.’ “

” ‘Frankly, I don’t think it’s a good idea but the sums proposed are enormous. Your opinion?’ “

” ‘Kind regards, David.’ “

“The emails were released by a Malaysian hacker who also obtained senior executives resumes and copies of passports via an unprotected company server, according to Cyber War News.”

“Dave Goulding’s Linkedin profile lists him as Business Development Director at Britam Defence Ltd in Security and Investigations.”

“A business networking profile for Phil Doughty lists him as Chief Operationg Officer for Britam, United Arab Emirates, Security and Investigations.”

”The US State Department had not returned a request for comment on the alleged emails to MailOnline today at time of publication.”

On August 24, the Syrian Arab News Agency (SANA) headlined “Information Minister: We have incontrovertible proof that terrorists used chemical weapons.”

Information Minister Omran al-Zoubi categorically denied Syrian chemical weapons use “in any shape or form, not in the Ghouta area in Damascus countryside nor anywhere else.”

In contrast, compelling evidence proves insurgent groups used “such weapons.” Projectiles launched at Ghouta came from “sites controlled by terrorists.”

They’re “fully responsible” for what happened. Syrian forces seized a Jobar area warehouse. It held “large containers of chemical materials manufactured in Saudi Arabia and certain European countries.”

He added that Syria’s fully cooperating with UN inspectors. They’re examining sites agreed on in advance.

“(I)international and regional conditions don’t permit a US military strike on Syria,” said SANA.

“When investigations prove that armed groups were the ones who used chemical weapons, will the US attack the armed terrorist groups which it adopts and arms with its regional allies?”

“Will the international community take a real stance or will it look for an excuse for those groups and justify their use of this kind of weapon?”

On August 25, Mossad-connected DEBKAfile (DF) headlined “Military action prepared for Syria. Israel, Jordan, Turkey face up to Syrian counter-attack. Russia on war alert.”

Washington-led “Western and Middle East powers” began moving toward “a first strike against Syria.”

Doing so may “signal the start of a serious of US-led attacks aimed at toppling the Assad regime.”

They may “impos(e) a no-fly zone.” They may begin “sealing off sectors in northern and southern Syria against government forces.”

Obama’s heading toward direct intervention. He’s convinced it’ll “have to be conducted outside the United Nations.” Doing so violates core international law. America violates it repeatedly. It does so with impunity.

Western and regional military commanders are meeting Sunday in Amman. They’re “coordinat(ing) action” on Syria.

“Israel’s armed forces are moving ahead in secrecy.” They’re readying “for Syria to counter an attack by loosing missiles against their country as well as Jordan and Turkey.”

An “explosion of terrorism” is expected. Russia placed its Mediterranean and Black Sea fleets on “war alert.” It did so for its southern/central rapid deployment forces.”

Western leaders seek proof that Syria’s responsible for Wednesday’s incident. They may not get what they want.

”(F)orensic evidence will be all but impossible to obtain in view of the special mixture contained in the gas shells. Only tiny quantities of sarin were blended in with a large quantity of riot control agents.”

DF implicated Iran. It didn’t surprise. It cited no credible evidence. It claimed Tehran “developed” the “formula (to) camouflage the use of chemical weapons.”

On August 25, Voice of Russia (VR) headlined “Syrian rebels manufactured chemical weapons outside Damascus.”

It reported what’s discussed above. It said Syria’s military discovered a warehouse with chemical agents. Syrian Al-Ihbariya channel correspondent Yara Saleh was among other journalists inspecting the site.

She told VR discovery came at the same time it was learned a laboratory was equipping shells with poisonous chemicals.

Insurgents “launched two missiles filled with poisonous gas in the Jobar neighbourhood which caused Syrian soldiers’ nausea and asphyxia,” she said.

“Some time later when the Syrian army managed to take that suburb by storm they found the warehouse and laboratory where shells were stored and stuffed with poisonous agents.”

“Boxes with new gas masks were also found. They carried labels ‘Made in US.’ The fact that the rebels did not use those gas masks proves that they had not been attacked with any poisonous gases.”

“Two glass vessels with labels ‘Made in Saudi Arabia’ were also found there. Weapons and explosives made in Saudi Arabia were found in Syria in the past as well. Experts will determine the contents of those vessels.”

“In addition, they found plastic vessels containing unidentified chemicals, some strange white powder and a lot of various explosives and munitions.”

“The Syrian government is concerned that the rebels might have more stocks of such chemical agents that they could use against civilians.”

On August 25, Fars News headlined “Al-Nusra Threatens to Launch Chemical Attacks on Syrian Cities,” saying:

”In a two-minute audio message today, Al-Nusra Front Commander Abu Muhammad al-Joulani threatened the Syrian government to launch chemical attacks on the Shiite-dominated cities, adding that the terrorist group plans to use 1,000 rockets for the purpose.”

This type comment shows insurgent forces have access to chemical weapons. So do others like it. Information discussed above and in previous articles indicates who supplies them. Don’t expect media scoundrels to explain.

According to Fars News:

Following Wednesday’s incident, “two phone calls revealed the chemical weapons in Syria were used by the rebels.”

”A phone call between a militant affiliated to the so-called ‘Shuhada al-Bayada Battalion’ in Homs and his boss called Adulbasit from Saudi Arabia uncovered that antigovernment fighters used the chemical weapons in Deir Ballba in Homs countryside.”

“Another phone call revealed that two rebel groups had tried to get two cylinders of Sarin Gas from Barzeh neighborhood in Damascus to be used in Homs.”

Russia and China strongly oppose military intervention against Syria. Syria and Iran warned about inflaming the entire region. They did so after Western officials promised a “serious response.”

They have Tomahawk diplomacy in mind. It’s a long-range, subsonic cruise missile. It’s been used since the 1970s. It’s been significantly upgraded several times.

Surface ships and submarines launch them. Washington has a formidable regional presence. The stars appear to be aligning the wrong way.

War wind velocity’s increasing. Most Americans oppose attacking Syria. They want current wars ended. It doesn’t matter. Obama appears heading for more.

Advancing America’s imperium matters most. Doing so involves replacing independent governments with pro-Western subservient ones.

Tactics include Big Lies. False flag deception is common practice. One country after another is ravaged and destroyed. It’s longstanding US policy.

Wednesday’s incident resembles Lyndon Johnson’s Gulf of Tonkin deception. Over a decade of war followed. It featured mass killing and destruction.

It repeated against Iraq, Afghanistan and Libya. Syria’s turn tops the queue. Proxy war appears heading toward direct US intervention.

Another country’s being ravaged and destroyed. It’s longstanding US policy.

.

http://www.globalresearch.ca/pentagon-preparing-for-war-on-syria/5346926

.
Stephen Lendman lives in Chicago. He can be reached at lendmanstephen@sbcglobal.net. His new book is titled “Banker Occupation: Waging Financial War on Humanity.” http://www.claritypress.com/LendmanII.htmlVisit his blog site at sjlendman.blogspot.com.Listen to cutting-edge discussions with distinguished guests on the Progressive Radio News Hour on the Progressive Radio Network.It airs Fridays at 10AM US Central time and Saturdays and Sundays at noon. All programs are archived for easy listening.http://www.progressiveradionetwork.com/the-progressive-news-hourhttp://www.dailycensored.com/pentagon-preparing-war-syria/

~

ITA

warlooms

Il Pentagono prepara la guerra in Siria

La Siria non ha alcuna responsabilità per l’incidenti di Mercoledì. Prove convincenti incolpano gli insorti.

Il 25 agosto, Reuters , CBS News, il Guardian di Londra e altre fonti di notizie titolavano la stessa storia.

Un alto funzionario della Casa Bianca, rimasto Anonimo, ha riferito che non ci sono “molti dubbi” sul fatto che Assad abbia usato armi chimiche contro i civili la scorsa settimana.

L’Intelligence USA non ha basato la sua valutazione su prove credibili. Lo ha fatto basandosi solo su “il numero riportato di vittime e di testimonianza indirette.”

Il funzionario ha anche detto che il governo siriano non ha lasciato agli investigatori dell’ONU ispezionare il sito, per permettere in questo modo alle sostanze chimiche usate di disperdersi assieme alle prove tangibili.

Al contrario Assad ha collaborato pienamente. Funzionari siriani e delle Nazioni Unite hanno concordato in anticipo quelli che sarebbero dovuti essere i siti esaminati.

Domenica scorsa, la Siria ha accettato di lasciare che gli investigatori dell’ONU ispezionassero il sito Ghouta. Lo ha fatto però facendo notare che il territorio è sotto il controllo degli insorti e pertanto la protezione non poteva essere garantita.

Poco dopo è arrivata la tipica risposta Americana, una dichiarazione che marcava il fatto che il permesso siriano, per visitare i luogo del fantomatico attacco chimico, sia arrivata troppo tardi.

L’anonimo funzionario della Casa Bianca ha mentito naturalmente. La risposta di Domenica è stata doppia. La chiara evidenza dei fatti smentisce quindi le false affermazioni della Casa Bianca.

.

.

Il 25 agosto, AP titolava:  “il Segretario alla Difesa Hagel dice che gli  USA stanno ancora soppesando la risposta da dare in Siria.”

Hagel si è guardato bene dall’entrare nel dettaglio e parlare di piani specifici. Alla domanda se fosse una questione di quando, non se, ha detto:

“Quando avremo più informazioni la risposta sarà chiara.” Il suo tono suggeriva chiarezza. In realtà i funzionari di Obama hanno mostrato il loro lato più autentico: la non necessità di una prova credibile.

“Ci sono rischi per qualsiasi opzione. Qualunque decisione avrebbe conseguenza, sia che si faccia qualcosa sia che si resti inerti.” Hagel ha aggiunto.

“Bisogna arrivare al nocciolo della questione di quello che sarebbe l’obiettivo sia che si decida di intervenire, sia che si decida non perseguire alcuna azione. Tutte queste valutazioni sono sul tavolo e vengono continuamente vagliate.”

Hagel è stato volutamente vago. Una lingua biforcuta e piena di retorica non può mascherare la lunga politica di cambiamento di regime voluto in Siria.

Il 24 agosto, a Londra il Guardian titolava ”Siria: Cameron e Obama si muovo verso ovest, e sono più vicini ad un intervento”, dicendo:

Hanno parlato Sabato. Il tempo sta per scadere, hanno detto. L’hanno detto molte volte prima. Forse questa volta fanno sul serio. Entrambi i leader “sono d’accordo che un presunto attacco chimico necessita di una ‘risposta seria.’ “

Un portavoce  ha dichiarato: ” Il primo ministro e il presidente Obama sono entrambi gravemente preoccupati per l’attacco che ha avuto luogo a Damasco, il Mercoledì e i crescenti segnali che questo sia stato un significativo attacco con armi chimiche condotto dal regime siriano contro il proprio popolo. “

“Essi hanno ribadito che l’uso significativo di armi chimiche meriterebbe una seria risposta da parte della comunità internazionale, ed entrambi hanno incaricato i funzionari di esaminare tutte le opzioni.”

Il ministro degli Esteri britannico William Hague ha chiamato l’incidente “un attacco chimico da parte del regime di Assad.”

Il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius ha detto che “tutte le informazioni a nostra disposizione converge per indicare che ci fu un massacro chimico nei pressi di Damasco e che il governo di Assad è responsabile”.

Il 25 agosto, Itar Tass intitolava “Il Pentagono si sta preparando per iniziare l’intervento militare in Siria”, dicendo:

“[L’intervento in Siria] Inizierà se il presidente Barack Obama prenderà una decisione sulla Siria, ha riferito il Segretario della Difesa degli Stati Uniti Chuck Hagel.”

“Ha detto che il Pentagono aveva chiesto al Dipartimento della difesa di prendere in considerazione diverse linee di azione che possano adattarsi alle diverse situazioni, e l’esercito americano è pronto a sceglierne uno di essi.”

In un articolo non più accessibile del 29 Gennaio 2013, il UK Daily Mail pubblicò un rapporto intitolato “Piano di appoggio per lanciare attacchi  chimici contro la Siria e dare la colpa a regime di Assad”, dicendo:

“Alcune E-mail trapelate hanno presumibilmente dimostrato che la Casa Bianca ha dato il via libera a un attacco di armi chimiche in Siria, che potrebbe essere attribuito a regime di Assad e, a sua volta, per stimolare l’azione militare internazionale nel paese devastato.”

“Un rapporto pubblicato il Lunedi contiene uno scambio di email tra due alti funzionari britannici che parlavano di un piano ‘approvato da Washington’ che delinea la strategia in cui il Qatar avrebbe finanziato le forze ribelli in Siria incoraggiandole ad usare armi chimiche”.

“Barack Obama ha chiarito al presidente siriano Bashar al-Assad, il mese scorso che gli Stati Uniti non avrebbe tollerato in  Siria l’uso di armi chimiche contro il proprio popolo.”

“Si legge [dalle email di due funzionari britannici]:

‘Phil. Abbiamo una nuova offerta. Si tratta della Siria di nuovo. Il Qatar propone un affare interessante e giura che l’idea è stata  approvata da Washington. “

“‘Dobbiamo consegnare un carico di Armi Chimiche a Homs, le G-Shell arrivano dalla Libia ma la produzione è sovietica e sono simile a quelle che Assad dovrebbe avere.’ “

“‘Vogliono inoltre impegnare il nostro personale ucraino che dovrebbero parlare russo e girare un video sul luogo dell’attacco.’ “

“‘Francamente, non credo che sia una buona idea, ma gli interessi in gioco sono enormi. La tua opinione? ‘ “

“‘Cordiali saluti, David.’ “

Le e-mail sono stati rilasciati da un hacker malese che ha anche ottenuto dettagli su questi dirigenti, oltre a curriculum e copie di passaporti attraverso un server aziendale non protetto, in base alle notizie di Cyber ​​War”.

“Il profilo Linkedin di Dave Goulding lo annovera come Business Development Director di Britam Difense Ltd specializzato in Sicurezza ed Investigazioni.”

“Un profilo di business networking per Phil Doughty lo annovera come Chief Operationg Officer per Britam, società degli Emirati Arabi Uniti operante nel campo della sicurezza e delle indagini.”

“Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non ha riferito alcune risposta in merito a queste email pubblicate.”

 

Il 24 agosto, il Syrian Arab News Agenc  (SANA) ha intitolato “Ministro Informazioni: Abbiamo la prova incontrovertibile che i terroristi hanno usato armi chimiche.”

Il ministro dell’Informazione Omran al-Zoubi ha categoricamente negato l’uso siriano di armi chimiche “in qualsiasi modo o forma, nella zona di Ghouta in campagna a Damasco e altrove.”

Al contrario, una prova convincente dimostra che gruppi di insorti hanno utilizzato “tali armi”. I proiettili lanciati a Ghouta provenivano da “siti controllati da terroristi.”

Sono “pienamente responsabili” di quanto accaduto. Le forze siriane hanno sequestrato un magazzino zona Jobar. Hanno trovato “grandi contenitori di sostanze chimiche prodotte in Arabia Saudita e in alcuni paesi europei.”

Ha aggiunto che la Siria sta cooperando pienamente con gli ispettori dell’ONU. Sono siti concordati in anticipo per l’esame.

“Le condizioni internazionali e regionali non consentono un attacco militare degli Stati Uniti in Siria”, ha detto SANA.

“Quando le indagini dimostreranno che i gruppi armati sono stati quelli che hanno utilizzato armi chimiche, cosa faranno gli Stati Uniti attaccheranno i  gruppi terroristici che hanno armato? “

“La comunità internazionale deve fare una vera e propria presa di posizione o continuerà a cercare una giustificazione per l’uso di questo tipo di arma da parte dei terroristi-ribelli?”

 

Il 25 agosto, il sito collegato con il  Mossad, DEBKAfile (DF) titolava “L’azione militare è stata preparata per la Siria. Israele, Giordania, Turchia sono pronte per una risposta Siriana. La Russia è in allerta di guerra “.

I potenti alleati di Washington sia in occidente che i medio oriente hanno cominciato a muoversi verso “un primo attacco contro la Siria”.

Ciò potrebbe “segnare l’inizio di una seria di attacchi a guida Usa volti a rovesciare il regime di Assad.”

Essi possono “imporre una no-fly zone”. Essi possono iniziare “sigillando settori del nord e del sud della Siria contro le forze governative.”

Obama sta si sta dirigendo verso l’intervento diretto. E ‘convinto che questi attacchi “devono essere condotte anche al di fuori della giurisdizione delle Nazioni Unite.” In questo modo viola il diritto internazionale. L’America viola questi principi ripetutamente e lo fa da sempre con impunità.

Comandanti militari occidentali e regionali si incontreranno Domenica ad Amman. Sono azioni coordinate contro la Siria.

“Le forze armate israeliane si stanno muovendo in segreto.” Stanno preparandosi “per contrastare la Siria e proteggersi da eventuali attacchi missilistici. Come loro anche la Giordania e la Turchia.”

Una “esplosione del terrorismo” è prevista. La Russia ha collocato le sue flotte nel Mediterraneo, compresa quella proveniente dal Mar Nero e ha alzato l’allerta in “Stato di guerra”. Lo ha fatto per le sue forze di intervento rapido della zona sud / centrale. “

I leader occidentali cercano la prova che la Siria sia responsabile per l’incidente di Mercoledì. Essi non possono ottenere ciò che vogliono.

“La prova forense sarà quasi impossibile da ottenere in considerazione della particolare miscela contenuta nei gusci dei gas. Solo piccole quantità di sarin sono state mescolate con una grande quantità di agenti antisommossa “.

Subito si è parlato di un coinvolgimento dell’Iran ma questo non ha sorpreso. Inoltre non sono state citate alcun tipo di prove credibili. Inoltre è stato sostenuto che Teheran abbia “sviluppato” la “formula usata in questi attacchi per camuffare l’uso di armi chimiche.”

Il 25 agosto, La Voce della Russia (VR) titolava “I ribelli siriani hanno prodotto armi chimiche fuori da Damasco.”

Il contenuto dell’articolo riferisce le medesime notizie raccolte qua sopra. Si dice che militari Siriani hanno scoperto  un magazzino con agenti chimici. Il canale Siriano Al-Ihbariya e il suo corrispondente Yara Saleh è stata tra i giornalisti presenti per ispezionare il sito.

La corrispondente ha riferito a La Voce di Russia,  che contestualmente è stato scoperto un laboratorio attrezzato con conchiglie piene di  sostanze chimiche velenose.

Gli insorti “hanno lanciato due missili pieni di gas velenoso nel quartiere Jobar che ha causato nausea e asfissia ai soldati siriani” ha detto.

“Qualche tempo dopo, quando l’esercito siriano è riuscito a riprendere il controllo di quel sobborgo, hanno trovato il magazzino e il laboratorio in cui questi gusci sono stati conservati , ripieni di agenti tossici.”

“Sono stati trovati anche Scatole con nuove maschere antigas. Portavano le etichette ‘Made in USA’. Il fatto che i ribelli non hanno usato quelle maschere a gas dimostra che essi non erano stati attaccati con i gas velenosi “.

“Due vasi di vetro con etichette ‘Made in Arabia Saudita’ sono stati trovati anche lì. Armi ed esplosivi fatti in Arabia Saudita sono stati trovati in Siria, in passato pure. Gli esperti determineranno il contenuto di tali ritrovi”.

“Inoltre, hanno trovato vasi di plastica contenenti sostanze chimiche non identificate, una strana polvere bianca e un sacco di diversi tipi di esplosivi e munizioni.”

“Il governo siriano è preoccupato che i ribelli potrebbero avere più scorte di tali agenti chimici che potrebbero usare contro i civili”.

Il 25 agosto, Fars Notizie intitolato “Al-Nusra minaccia di lanciare attacchi chimici sulle città siriane”, dicendo:

“In un messaggio audio di due minuti oggi, Al-Nusra tramite il suo comandante Abu Muhammad al-Joulani ha minacciato il governo siriano di lanciare attacchi chimici sulle città sciita dominati, aggiungendo che il gruppo terroristico prevede di utilizzare 1.000 razzi per tale scopo.”

Questo tipo di commento dimostra che le forze dei ribelli hanno accesso alle armi chimiche. Le informazioni discusse in precedenza e gli articolo precedenti indicano chiaramente chi rifornisce gli armamenti chimici ai ribelli. Non aspettatevi che i mascalzoni dei media stiano li a spiegarvi il perché.

Secondo la Fars News:

A seguito dell’incidente di Mercoledì “due telefonate hanno rivelato che le armi chimiche in Siria sono state utilizzate dai ribelli.”

“Una telefonata tra un militante affiliato al cosiddetto Battaglione ‘Shuhada al-Bayada ‘ a Homs e il suo capo chiamato Adulbasit dall’Arabia Saudita ha rivelato che i combattenti antigovernativi utilizzavano le armi chimiche in Deir Ballba nella campagna di Homs”.

“Un’altra telefonata ha rivelato che due gruppi ribelli avevano cercato di ottenere due cilindri di gas Sarin da Barzeh, un quartiere di Damasco per essere utilizzato a Homs.”

Russia e Cina si oppongono con forza all’intervento militare contro la Siria. La Siria e l’Iran hanno avvisato che ciò porterebbe infiammare l’intera regione. Lo hanno fatto dopo che i funzionari occidentali hanno promesso una “risposta seria.”

Hanno in mente la  diplomazia dei Tomahawk  Sono dei missili a lungo raggio, missili subsonici da crociera. Sono stati utilizzati la prima volta nel 1970. Sono stati migliorati militarmente in modo significativo più volte nel corso degli anni.

Navi di superficie e sommergibili sarebbero pronte a lanciare. Washington ha una presenza regionale formidabile. Le stelle sembrano essere allineate nel modo sbagliato.

La velocità del vento di guerra è in aumento. La maggior parte degli americani si oppongono ad un attacco contro la Siria. Vogliono che le guerre attuali siano chiuse. Non ha importanza. Obama sembra puntare in tutt’altra direzione.L’avanzata imperialista Americana sembra contare di più. In questo modo si consente di sostituire governi indipendenti con quelli asserviti al modello filo-occidentali.

israel_mossad_false_flag

Queste tattiche includono grandi bugie. Le False flag sono un inganno ed una pratica comune. Un paese dopo l’altro è stato devastato e distrutto. E ‘la politica di lunga data’ degli Stati Uniti.

L’Incidente di mercoledì assomiglia a quello nel Golfo all’epoca di Lyndon Johnson. Oltre un decennio di guerra seguirono, caratterizzati da  uccisioni di massa e distruzione.

Questo scenario si è ripetuto contro l’Iraq, l’Afghanistan e la Libia. E’ il turno della Siria che è in cima alla lista. La guerra per procura sembra dirigersi verso un intervento diretto degli Stati Uniti.

Un altro paese potrebbe essere devastato e distrutto.
E’ la politica di lunga data degli Stati Uniti.

.

Original Font Globalresearch

Testo in italiano presso:
Fractions Of Reality
&
Sapereeundovere

This page at http://syrianetwork.org/?p=1989

.

.

Advertisements