Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

US-letal-weapons-to-terrorists-555x730

The recent USA’s admission of sending lethal aid to foreign Jihadist mercenaries in Syria is just a strategy to justify a future imminent aggression-invasion. History teaches.

Washington is supplying some mercenary groups in Syria with both lethal and non-lethal aid, according to National Security Adviser Susan Rice, who confirmed the longstanding suspicion that the Obama administration is arming anti-Assad forces (anti-Syrian people, as the results of the presidential elections have shown), with an act that is clearly anti-democratic and opposed to any peaceful resolution of the conflict.

Obama’s American regime is the largest contributor of humanitarian assistance, providing over $1.7 billion in assistance, stated Rice to CNN.

“That’s why the United States has ramped up its support for the ‘moderate’ vetted opposition, providing lethal and non-lethal support, where we can, to support both, the civilian opposition and the military opposition,” she said.

Previously, American officials claimed that the US sent only non-lethal aid to their mercenary groups (backed by CIA, Mossad and Saudi intelligences) in Syria, saying they were concerned that if US arms, especially sophisticated ones like portable anti-aircraft missiles, were sent to Syria, they might end up in the hands of terrorists.

Media reports, however, suggested that the CIA was secretly involved in training terrorist groups and assisting Saudi Arabia and Qatar in smuggling arms to the jihadist mercenaries groups fighting to topple (in their deranged minds)  Syrian President Bashar Assad.

Rice emphasized Washington’s desire to play a more pro-active role in the Syrian conflict by getting Congress approval for more assistance to the jihadist mercenaries groups in the war that has been ongoing for three years and claimed upward of 160,000 lives.

The aid of hundreds of millions of dollars given by the US since the start of the foreign backed aggression in 2011 has all gone toward humanitarian assistance, has shamelessly lied Susan Rice.

Although details about the specifics of aid and training provided to foreign backed mercenary forces are usually avoided by US officials in interviews, President Barack Obama announced his Syria plans in a foreign policy speech at West Point military academy in late May (link 1link 2).

“Rebels offer the best alternative to terrorists and brutal dictators”, the president  brazenly said. Now it’s up to Congress to support the idea of and green-light more aid, as is stipulated in the ‘War Powers Act’.

In mid-May, Obama met with the leader of the Turkey-based fake opposition of the so called ‘Syrian National Coalition’ (a bunch of outlaws and international traffickers), Ahmad Jarba (mobster and international dealer in drugs-arms-prostitution),  and boosted US aid to these cannibal cutthroats by $27 million.

In the interview, Rice defended the president’s foreign policy, which some critics in the US believe to be ‘passive and overcautious’. She insisted that Washington retains strong ties with partner nations and a strong global position.

“I think the fact of the matter is we’re living in complex times, there are many different challenges that the United States and the world faces. But our leadership is unmatched. Our role is indispensable,” she said with luciferine presumption .

The confirmation of America’s lethal aid to the jihadist mercenaries groups & cannibal cutthroats comes on the heels of the delivery of F-16 fighter jets to Iraq, a country torn apart by raging sectarian violence, which takes dozens of lives daily.

Syria has greatly suffered during this war of aggression directed from outside the country, but its government, recently confirmed in the person of its president by democratic popular elections, remains stable and its military is gaining ground in the fight against various terroristic forces, of which the great majority of them are foreign mercenaries, desperate ignorant troglodytes, Wahhabis and Salafis, people that with religion, spirituality and humanity has nothing to do.

Obama and his handlers are well aware that these new heavy weapons will not change the fates of the conflict, they know that these weapons will only increase the bloodshed, without being able to solve this conspiracy in favor of their “opposition” criminals, and it is also obvious to everyone that these weapons can (and will) be used against the West who provided them.

But this is exactly the purpose of the terrorist strategy of the American regime: have a good excuse to intervene directly on Syrian soil, as soon as their moron terrorists will use these weapons against targets non-Syrians.

9/11 and the subsequent intervention in Afganistan, as the hunt for the ‘Weapons of Mass Destruction’ in Iraq, teaches.

The American regime, and their Zionist puppet masters hidden behind, today are the real enemies of mankind, because they are unscrupulous criminals, whose decisions and behavior are a huge threat to the whole world, not only for Syria-Middle East-Eurasia, but also and especially for all of you, peoples of the West, which will be forced to fight in a bloody adventure, that will bring you a lot of grief, just to please the Zionist madness, which dreams of a ‘Greater Israel’ (Eretz Israel) and a ‘New World Order’ under the leadership of their sect of murderers and their false Messiah Antichrist.

ERETZ-ISRAEL-MAP-2

.

a real Syrian Free Press Network report
(informations from agencies) on 9 June 2014

https://syrianfreepress.wordpress.com/2014/06/09/usa-admission-of-sending-lethal-aid-in-syria-strategy-for-invasion/

Versione in Italiano anche su TG24Siria

.

VERSIONE ITALIANA

STRATEGIA BELLICA SION-AMERICANA: ARMARE I TERRORISTI PER AVERE LA SCUSA DI DISARMARLI ~ SUSAN RICE CONFERMA ALLA CNN INVIO ‘ARMI LETALI’ BGM-71 TOW ~ BREVE RAPPORTO E ANALISI.

La recente ammissione degli Stati Uniti di inviare altri aiuti letali ai mercenari jihadisti stranieri in Siria è solo una strategia per giustificare una futura imminente aggressione-invasione. La storia insegna.

Washington sta fornendo alcuni gruppi mercenari in Siria con aiuti sia letali che non letali, secondo il ‘National Security Adviser’ Susan Rice, che ha confermato il sospetto di lunga data che l’amministrazione Obama stia armando le forze anti-Assad (nemici del popolo siriano, come i risultati delle recenti elezioni presidenziali hanno dimostrato), con un atto che è chiaramente antidemocratico e contrario a qualsiasi risoluzione pacifica del conflitto.

“Il regime americano di Obama è il più grande contributore di ‘assistenza umanitaria’, fornendo oltre 1,7 miliardi dollari in aiuti”, ha dichiarato Susan Rice alla CNN.

“Ecco perché gli Stati Uniti hanno esteso il loro sostegno per la ‘opposizione moderata’ (un’entitá che in realtá non esiste, ndt), fornendo supporti letali e non letali, dove possiamo, per sostenere sia l’opposizione civile che l’opposizione militare”, ha detto la Rice.

In precedenza, alcuni funzionari americani avevano affermato che gli Stati Uniti avevano inviato solo aiuto ‘non letale’ per i loro gruppi di mercenari (sostenuti da CIA, Mossad e intelligence saudita) in Siria, dicendo che erano preoccupati che le armi degli Stati Uniti, soprattutto quelle sofisticate come i missili antiaerei portatili, fossero state inviate in Siria, perché sarebbero potute finire nelle mani dei terroristi…

Resoconti dei media, tuttavia, hanno suggerito che la CIA era segretamente coinvolta con i gruppi terroristici nella loro formazione e assistenza, e con Arabia Saudita e Qatar nel contrabbando di armi verso i gruppi jihadisti mercenari che combattono per rovesciare (nell’illusione delle loro menti squilibrate) il presidente siriano Bashar al-Assad.

Susan Rice ha sottolineato il desiderio di Washington di voler giocare un ruolo più attivo (!?!) nel conflitto siriano, e di voler ottenere l’approvazione del Congresso per una maggiore assistenza ai gruppi mercenari jihadisti nella guerra che è in corso da tre anni e che ha giá causato oltre 160.000 morti.

L’aiuto di centinaia di milioni di dollari, forniti dagli Stati Uniti dall’inizio dell’aggressione appoggiata dall’estero nel 2011 è andato tutto verso l’assistenza umanitaria, ha spudoratamente mentito Susan Rice.

Anche se i dettagli circa le specifiche sugli aiuti e la formazione forniti alle forze mercenarie jihadiste sono di solito evitati dai funzionari americani nelle loro interviste, il presidente Barack Obama ha pubblicamente annunciato le sue intenzioni riguardo la Siria in un discorso di politica estera a West Point, l’Accademia Militare USA, a fine maggio (vedi links a fondo testo).

“I ribelli offrono la migliore alternativa ai terroristi e dittatori brutali”, il presidente ha detto sfacciatamente. Ora tocca al Congresso di sostenere tale progetto per maggiori aiuti alle bande armate mercenarie terroristiche e dare la ‘luce verde’, come previsto dal ‘War Powers Act’.

A metà maggio, Obama ha incontrato il leader della falsa ‘opposizione’, con sede in Turchia, del cosiddetto ‘Syrian National Coalition’ (un gruppo di banditi e trafficanti internazionali), Ahmad Jarbe (mafioso e commercio internazionale di droga-armi-prostituzione), e aumentato gli aiuti degli Stati Uniti a questi tagliagole cannibali per ben 27 milioni di dollari.

Nell’intervista alla CNN, la Rice ha difeso la politica estera del presidente Obama, che alcuni estremisti politici neocon negli Stati Uniti credono sia ‘passiva e troppo prudente’. Susan Rice ha insistito sul fatto che Washington mantiene forti legami con le nazioni alleate e una posizione globale forte.

“Penso che il nocciolo della questione è che stiamo vivendo in tempi complessi, e ci sono molte sfide che gli Stati Uniti e il mondo devono affrontare. Ma la nostra leadership è impareggiabile. Il nostro ruolo è indispensabile, ” ha dichiarato con luciferina presunzione la signora Rice.

La conferma degli aiuti letali dell’America ai gruppi di tagliagole cannibali mercenari jihadisti arriva sulla scia di una fornitura di F-16 jet da combattimento in Iraq, un paese lacerato e dove infuria la violenza settaria innescata dagli USA con il loro ‘intervento’, che miete decine di vittime ogni giorno.

La Siria ha sofferto molto durante questa guerra di aggressione, diretta contro di essa dal di fuori del paese, ma il suo governo, recentemente confermato nella persona del suo presidente da elezioni popolari democratiche, resta stabile e il suo esercito sta guadagnando terreno nella lotta contro le varie forze terroristiche, di cui la grande maggioranza di loro sono mercenari stranieri, trogloditi ignoranti senza speranza wahabiti e salafiti, tutte persone che con la religione, la spiritualità e l’umanità non hanno nulla a che fare.

CONCLUSIONE

Obama ed i suoi padroni sono ben consapevoli del fatto che queste nuove armi pesanti non cambieranno le sorti del conflitto. Essi sanno bene che queste armi non potranno che aumentare lo spargimento di sangue, senza essere affatto in grado di risolvere questa congiura a favore dei loro mercenari criminali, come è anche evidente a tutti che queste armi possono essere (e saranno) utilizzate contro l’Occidente, che le ha loro fornite.

Ma questo è esattamente lo scopo della strategia terroristica di Obama e del regime che egli (ottima marionetta) rappresenta: avere una buona scusa per intervenire direttamente sul suolo siriano, non appena i loro decerebrati e crudeli terroristi useranno queste armi contro bersagli non-siriani.

L’11 Settembre e il successivo intervento in Afganistan, come la caccia alle “armi di distruzione di massa” in Iraq, insegnano.

Il regime americano, ed i suoi burattinai sionisti, sono oggi i veri nemici del genere umano, perché sono criminali senza scrupoli, le cui decisioni e comportamento sono una grande minaccia per il mondo intero, non solo per la Siria, il Medio Oriente e l’Eurasia, ma anche e soprattutto per tutti voi, popoli d’Occidente, che sarete costretti a combattere (anche vostro malgrado) in una avventura sanguinosa, che porterà a tutti voi molto dolore e lutti, solo per compiacere la follia sionista, per l’allucinante incubo del ‘Grande Israele’ (Eretz Israel) ed un ‘Nuovo Ordine Mondiale’ sotto la guida della loro setta di assassini, per forzare la venuta impossibile del loro falso Messia Anticristo.
Perché, al di lá di tutte le considerazioni strategico-geopolitiche, questa é la pazzia che ottenebra le menti sioniste da Wall Street a Tel Aviv: menti deviate e depravate da secoli di indottrinamento suprematista, che nel ‘sionismo politico’ ha trovato la sua realizzazione come ‘razza eletta’ per il dominio sulle ‘bestie parlanti’, come recita il loro Talmud.

La Siria di Bashar Hafez al-Assad é una ‘pietra d’inciampo’ su tale percorso, che rimuovere costerá alla setta sionista un caro prezzo: quello del risveglio dal loro incubo messianico spurio, giusto un attimo prima di sprofondare nella Ghenna.

#

FFP per SFP – 9 giugno 2014
https://syrianfreepress.wordpress.com/2014/06/09/usa-admission-of-sending-lethal-aid-in-syria-strategy-for-invasion/

BGM-71 TOW – links:
1 – https://syrianfreepress.wordpress.com/2014/04/20/it-is-confirmed-u-s-and-saudi-arabia-have-provided-advanced-weapons-to-moderate-terrorists-in-syria/

2 – https://syrianfreepress.wordpress.com/2014/04/15/mercenary-terrorists-videos-photos-show-us-made-bgm-71-tow-anti-tank-rockets-in-syria/

ERETZ ISRAEL link:
https://syrianfreepress.wordpress.com/2013/12/11/repetita-iuvant-the-greater-israel-the-zionist-plan-for-the-middle-east-and-the-new-world-order-the-infamous-oded-yinon-plan/

.

.

.

Advertisements