Tags

, , , , , , , ,

shrn-to-unicef

*

DAMASCUS, 12/12/2012 – The Syrian Human Rights Network called upon the United Nations Children’s Fund (UNICEF) to condemn the crimes, acts of violence and violations committed by the armed terrorist groups against children in Syria.

In a statement issued on Tuesday, the network called on the UNICEF representative to carry out her duty towards children inside Syria and abroad in terms of what they are exposed to by the mercenary gangs, backed by countries that are known for their support of terrorism in the region and the world.

The statement condemned the fact that the armed terrorist groups are using and exploiting the children in their crimes against humanity and childhood, stressing that the network has documented the armed groups’ violations and crimes against children.

The network highlighted the necessity for the UNICEF to pay attention to these crimes and condemn them as its mission is to care for children’s rights and protect them.

“It is better to protect children than teaching them how to commit a crime which arouses fears over bringing up a generation that is used to the culture of murdering and terrorism in which the UNICEF took part through overlooking the crimes of the terrorist groups,” the statement said.

It added that the UNICEF policy of double standards towards these violations is a flagrant breach of the children rights care and protection which the organization claimsto be one of its main priorities and principles.

The network cited the conduct of the UNICEF goodwill ambassador Angelina Jolie in terms of visiting al-Zaatari camp in Jordan while ignoring the displaced families inside Syria as an evidence on the organization’s double standards policy.

The network called on the UNICEF ambassador to visit displaced families and children and inspect their situation in Syria so that her work and donation will not be in the framework of instigating on sedition and conspiring against Syria, the thing which violates the goals of the organization.

The network highlighted the violations and crimes being committed against children at schools, particularly regarding the terrorists’ mortar attacks on schools.

“Not condemning these crimes by international and human rights organizations stresses that these organizations are biased to violence and instigate it, said the statement.  (R. Raslan/ H. Said – SANA)

*

SHRN

DAMASCO, 12/12/2012 – La Rete Siriana per il monitoraggio dei diritti dell’uomo ha chiesto all’UNICEF di condannare i crimini e le violazioni commesse dai gruppi armati terroristici contro i bambini siriani.

In una dichiarazione rilasciata martedì, la rete ha invitato il rappresentante dell’UNICEF a svolgere il suo dovere nei confronti dei bambini siriani, sia dentro che fuori la Siria, per come essi siano esposti alla furia cieca delle bande mercenarie, supportate, finanziate e armate da paesi che sono ben noti per il loro sostegno al terrorismo, sia nella regione che nel mondo.

In questa dichiarazione, di cui l’agenzia SANA aveva ricevuto copia, la rete ha denunciato l’uso dei bambini, da parte dei gruppi terroristici armati, per commettere crimini contro l’umanità e contro l’infanzia stessa, facendo notare di aver documentato tutte le violazioni e gli atti di violenza contro i bambini da parte dei terroristi.

La rete ha evidenziato la necessità che l’UNICEF dia a questi crimini la dovuta importanza e la giusta condanna, perché la sua missione si concretizza esattamente nella tutela dei diritti dei bambini, per proteggerli dalla violenza.

“È meglio proteggere i bambini che insegnare loro a commettere un crimine, cosa che suscita il timore di allevare una generazione che viene utilizzata dalla cultura dell’assassinio e del terrorismo, cui l’UNECEF sta purtroppo contribuendo tramite la sua posizione negativa nei confronti dei gruppi terroristici.”

La dichiarazione ha aggiunto: “La politica della doppiezza ambigua dell’UNICEF, nei confronti di queste violazioni, è una sfida palese alla tutela dei diritti dei bambini, una priorità che l’organizzazione sostiene essere tra i suoi principi di base”.

La rete ha citato il comportamento benevolo dell’ambasciatore UNICEF, Angelina Jolie, in visita al Campo di al-Zaatari, in Giordania, ignorando le famiglie sfollate all’interno della Siria, a prova della politica del doppio standard dell’organizzazione.

La rete ha invitato l’ambasciatore dell’UNICEF a visitare anche le famiglie ed i bambini sfollati, per controllare la loro situazione all’interno della Siria, in modo che il suo lavoro e le donazioni ricevute non siano usati per istigare la sedizione e la cospirazione contro la Siria, cosa che viola gli obiettivi dell’organizzazione.

La rete ha evidenziato le violazioni ed i crimini commessi contro i bambini nelle scuole, in particolare per quanto riguarda gli attacchi con colpi di mortaio da parte dei terroristi contro le scuole.

“Non condannare questi crimini a livello internazionale, soprattutto da parte di organizzazioni per i diritti umani, conferma l’appoggio e l’istigazione di queste organizzazioni alla violenza, conclude il comunicato.

~

http://www.syrianfreepress.net/  from SANA per TG24Siria  12/12/2012

https://syrianfreepress.wordpress.com/2012/12/13/12251/

*

*

*

*