Tags

, , , , , , , , , , , , ,

1476028_783541368339623_478090392_n

La tragica storia del martirio e della dignitosa fine della famiglia Hasan (raccontata alla radio locale Sham FM)

Uomini armati avevano preso d’assalto la casa della famiglia Hasan, con l’intenzione di trascinarli fuori dall’abitazione e decapitarli, esattamente come avevano già fatto (sotto gli occhi atterriti dei componenti della famiglia Hasan, bambini compresi) con i membri delle famiglie dei loro vicini.

Ma papà Hasan ha deciso di non permettere che il sangue dei suoi cari fosse versato impietosamente, in maniera talmente terribile e disumana, ed ha scelto di perseguire un metodo che sebbene atroce fosse dignitoso, senza lasciare i suoi cari esposti alla mercé e nelle mani dei crudeli carnefici terroristi takfiri.

I banditi forestieri, dopo aver sfondato la porta principale di casa, avevano fatto irruzione, tutti e 8 armati sino ai denti, nella stanza dove la famiglia aveva provato a trovare rifugio, quando padre Nizar Hasan (ingegnere, sia lui che la moglie) ha fatto esplodere alcune granate che gli aveva procurato, per difesa personale, un amico poliziotto (già martire), con le quali ha portato alla morte istantanea tutta la famiglia, ma uccidendo anche tutti gli otto terroristi che avevano attaccato la sua casa.

Papà Nizar Hasan ha compiuto questo devastante estremo gesto con senso di assoluta carità.

Potete infatti immaginare lo stato d’animo di questo padre, che in tal modo decise di togliere coscientemente la vita a tutti i componenti della propria amata famiglia, piuttosto che vederli assistere terrorizzati alla morte l’un dell’altro, violentati, decapitati, fatti a pezzi.

Un gesto atroce quindi, ma estremamente eroico e carico di quella Dignitá di cui sono assolutamente privi i membri delle bande armate terroristiche e mercenarie che insidiano il fiero popolo siriano.

È interessante oltretutto notare che il piccolo Busher, il bambino nella foto, è diventato il martire più giovane della città di Adra. RIP

.

Fonte: TG24SIRIA

SyrianFreePress.net Network reload

.

Advertisements